FERRO MOTOCROSS CLASSICO: 1968 YAMAHA 250 DT1

1968 YAMAHA 250 DT1

Di Tom White

La mania del Motocross spazzò l'America nel 1968 e i Baby Boomer erano alla ricerca di un ingresso economico, efficace e altamente tecnologico in questo sport. Presentata al Tokyo Motorcycle Show del 1967, la Yamaha DT1 era proprio quello che cercavano i Boomer. Al prezzo di $ 580, $ 400 in meno rispetto alla Husqvarna 250, la DT1 offriva un livello di affidabilità che gli svedesi potevano solo sognare. Inoltre, Yamaha ha offerto un kit GYT (kit di sintonia Yamaha originale) per aumentare la potenza da 21 a 30 cavalli. Yamaha ha assunto piloti professionisti per mostrare la DT1 e, nel febbraio del 1968, due mesi prima del rilascio della macchina, Keith Mashburn ottenne la prima vittoria in gara per la Yamaha DT1 all'Ascot TT.

Più tardi nel 1968, Yamaha assunse Don Jones e i suoi ragazzi, Gary e Dewayne, per sviluppare la bici per il motocross. Don in seguito ha dichiarato: “Il DT1 dotato di GYT non ha fatto abbastanza potenza, il telaio era migliore per il trail riding rispetto al motocross e le sospensioni erano marginali. Abbiamo tagliato il telaio, abbassato il motore, aggiunto tasselli, modificato le forcelle e sostituito gli ammortizzatori ".

Gary Jones avrebbe vinto il campionato nazionale del 1971 su una macchina da lavoro basata su DT1 e, nel 1972, il sedicenne Marty Tripes ha vinto il Superbowl del Motocross sulla generazione successiva. Per i marchi europei, la scritta era sul muro. Diceva: "Le moto da cross giapponesi sono qui per restare!"

1968 YAMAHA 250cc DT1 FATTI

COSA SONO COSTI
Degli oltre 5000 1968 DT1 costruiti, solo una manciata rimane libera. Yamaha del Giappone ne ha una nel loro museo. Il DT1 mostrato qui è di Tom White's Primi anni del Museo del Motocross. Ha 46 miglia originali. Ha un valore di $ 20,000! Aspettati di pagare $ 10,000 per un esempio ben restaurato.

MODELLI
Nel 1968 il DT1 250 fu l'unico modello introdotto. Negli anni successivi, gli spin-off DT1 includevano un DT1 250 MX (ruota anteriore da 21 pollici e kit GYT installato in fabbrica), AT1 125 e AT1 125 MX, CT1 175 e RT1 360 e RT1 360 MX.

COSA CERCARE
Il DT1968 del 1 è molto più collezionabile rispetto ai modelli successivi. Unici sul modello '68 sono un tachimetro più piccolo dello speedo, un serbatoio del carburante che si fissa con una staffa sotto, un coperchio in magnete che è fissato alle casse del motore da viti, e c'è un piccolo pungiglione sul sistema di scarico .

FORNITURA DI PARTI
È possibile trovare alcune parti meccaniche presso i rivenditori Yamaha della vecchia linea.

Per maggiori informazioni sulle bici classiche vai a www.earlyyearsofmx.com

Ti potrebbe piacere anche