FERRO CLASSICO: BSA B1966 VICTOR GP 44 del 441

DI TOM WHITE

La BSA 500 Goldstar dominava ancora nel 1959, vincendo cinque importanti eventi di motocross in Inghilterra con la star della fabbrica BSA Jeff Smith ai comandi. Jeff ricorda di essere stato introdotto nell'ufficio del manager della BSA Bert Pertigo per congratularsi con il suo successo. Bert disse a Jeff: "Devi essere molto a tuo agio con la 500 Gold Star". La risposta di Jeff ha sorpreso Pertigo quando gli ha detto: “No, penso che sia tempo per una riprogettazione completa. Dobbiamo realizzare una macchina da motocross più leggera”. 

Jeff stava testando una BSA C250 da 15 cc. Il C15 era basato su un modello stradale da 250 cc a quattro tempi e le uniche modifiche erano togliere l'attrezzatura da strada e montare pneumatici da motocross. BSA ha deciso di competere nel Gran Premio di Gran Bretagna 250 su queste macchine stradali modificate. Jeff ha dichiarato: “Non ci aspettavamo grandi risultati, perché in quel momento le macchine specializzate a due tempi stavano invadendo la classe. Rolf Tibblin ha vinto la British 250 GP utilizzando la Husqvarna ufficiale, ma, inaspettatamente, sono arrivato secondo e John Draper era quinto su macchine C15 e sapevamo che poteva essere notevolmente migliorato. Di conseguenza, BSA ha costruito una versione da 342 cc del motore B40 per Smith per correre nel Campionato del mondo 1963 del 500 mentre lavorava sul design da 441 cc.

Con solo tre gare rimaste nella stagione 1964 del Gran Premio FIM 500, Jeff Smith ha ricevuto la bici che aveva chiesto. Aveva più cilindrata (da 421 cc a 441 cc), un alesaggio e corsa di 79 mm x 90 mm, più potenza (32 cavalli) e meno peso (un snello 228 libbre). Con la nuova 441, Jeff Smith catturò e superò Rolf Tibblin per vincere il Campionato del Mondo 1964 del 500. È stata la prima corona del campionato del mondo della BSA. Nel 1965 Smith riuscì a difendere il campionato vincendo sei GP.

BSA ha sfruttato appieno il campionato mondiale di motocross di Jeff Smith del 1965 costruendo una versione di produzione della sua macchina da campionato: la BSA Victor 1966 GP del 441. Il pilota americano della BSA e Hall of Famer AMA Chuck Minert ricorda di aver testato la macchina: "Il modello GP non era così potente, né maneggiava bene come i nostri Victor standard modificati". Per questo motivo, il modello GP non è mai stato importato in America, sebbene abbia venduto abbastanza bene in Europa.

Nel 1966, BSA realizzò tre modelli del Victor: il Victor 441 GP, il Victor 441 Enduro e il Victor 441 Roadster (in seguito chiamato 441 Shooting Star). Per i collezionisti, è importante notare che il Victor 441 GP è molto raro in America, quindi assicurati che il serbatoio dell'olio sia integrato nel telaio Reynolds 531 e che la bici abbia un serbatoio in lega a fondo piatto, airbox in fibra di vetro, mozzi conici, 20 ruota anteriore da pollici e pedane rigide. I parafanghi dovrebbero essere in alluminio e cercare uno spazio di 4 pollici tra il serbatoio e il sedile corto. Il prezzo della BSA Victor 1966 GP del 441, dopo essere stata convertita in sterline britanniche, era di $ 950.00.

1966 BSA B44 VICTOR GP 441BSA Victor 1966 GP del 441441 Stella cadente)Bert PertigoBSAferro classicoclassicoronpiedi minertJEFF SMITHmotocrossmxaTelaio Reynolds 531Victor 441 EnduroVictor 441 GPVictor 441 Roadster