FERRO MOTOCROSS CLASSICO: 1978 HARLEY-DAVIDSON MX250


DI TOM WHITE

Per il più breve tempo - brevi 12 mesi - Harley-Davidson è stato un giocatore importante nel mondo del motocross. Avevano un team di fabbrica (con i piloti Marty Tripes, Rex Staten e Rich Eierstedt), una moto di produzione nuova di zecca e le speranze di una nazione grata che cavalcava sulle loro spalle. Ma quella nazione non era gli Stati Uniti; era l'Italia dove venivano fabbricate le biciclette.

Nel 1961 Harley aveva acquistato il 50 percento dell'azienda italiana Aermacchi e ha iniziato a sfruttare la sua capacità di costruire motociclette economiche per offrire ai clienti Harley macchine entry-level. La Baja 100s e la 250 / 350cc Sprint erano le bici di piccola cilindrata più popolari di Aermacchi ed erano disponibili come modelli di strada e fuoristrada Harley-Davidson rigenerati negli Stati Uniti. Nel 1973 Harley-Davidson aveva preso il controllo del 100 per cento di Aermacchi, che aveva le sue radici nella progettazione di aeromobili, e iniziò a guardare al mercato in rapida crescita del motocross americano.

Nel 1975 Harley produsse una piccola serie di 65 prototipi di motocross come prova delle sue buone notizie di motocross. Le moto sono state costruite a mano nel reparto corse di Harley-Davidson a Milwaukee e la loro caratteristica più memorabile è stata quella di utilizzare forcelle anteriori accorciate sul retro anziché ammortizzatori. Harley non fu mai in grado di convincere più di una manciata dei suoi rivenditori ad acquistare queste macchine.

Poi, nel 1978, hanno riprovato, e questa volta hanno letteralmente costretto i loro concessionari statunitensi a prendere la nuova Harley-Davidson MX1978 del 250 (le moto sono state prodotte nel 1977, il che porta molte MX1978 del 250 a essere chiamate MX1977 del 250). Si diceva che la produzione fosse di circa 900 unità. Proprio come con il modello a doppia forcella del 1975, l'MX250 è stato un fallimento ed è durato solo un anno modello, anche con molti soldi spesi in pubblicità, promozione e piloti ufficiali a prezzi elevati. Si dice che anche se hanno prodotto solo 900 biciclette, la maggior parte di quelle è rimasta invenduta e molte non sono mai arrivate negli Stati Uniti. È improbabile che la clientela regolare delle concessionarie Harley fosse interessata alle moto da cross o che i piloti di motocross si sarebbero recati in una concessionaria Harley-Davidson in cerca di una moto da cross.

Dopo la debacle del 1978, Harley vendette Aermacchi ai fratelli Castiglioni che cambiarono il nome in Cagiva. Paradossalmente, nel 2007, Buell, sotto l'egida del proprietario Harley-Davidson, ha avviato un progetto di moto da cross da 450 cc guidato da Dave Osterman. Sfortunatamente, la recessione ha ucciso non solo il progetto di motocross, ma alla fine la proprietà di Buell da parte di Harley nel 2009.

Azione di motocross non testò la Harley MX1978 del 250 perché la Harley-Davidson aveva paura dei test critici (sebbene pubblicizzassero la moto in MXA). Il prezzo al dettaglio era di $ 1695.

 

harley davidseon mx1978 del 250Aermacchiiton classico di motocrossclassicoronbici da motocross harleyHarley-Davidsonmotocrossmxa