VELOCITÀ DI DIO! COY GIBBS (1972-2022)

VELOCITÀ DI DIO! COY GIBBS (1972-2022)

Siamo con il cuore spezzato nel riferire che Coy Gibbs, proprietario e controllore del team Joe Gibbs Racing MX che ha gareggiato dal 2008 al 2020, è morto nel sonno la notte di sabato 5 novembre. Coy aveva 49 anni e aveva appena visto suo figlio, Ty Gibbs, vincere il campionato NASCAR Xfinity Series quel giorno a Phoenix.

Dichiarazione ufficiale di JGR:
“È con grande dispiacere che Joe Gibbs Racing conferma che Coy Gibbs è andato a stare con il Signore nel sonno la scorsa notte. La famiglia apprezza tutti i pensieri e le preghiere e chiede privacy in questo momento”.

Comunicato stampa MX Sport:

Figlio più giovane della leggenda dell'allenatore della NFL e del Pro Football e dell'Hall of Famer della NASCAR Joe Gibbs, Coy ha seguito le orme del suo famoso padre sia sul campo che in pista. Dopo quattro anni come linebacker per la Stanford University, dal 1991 al 1994, è passato alle quattro ruote e ha goduto di un breve periodo come pilota nella Truck Series e Xfinity Series della NASCAR dalle stagioni 2000-2003. È tornato al calcio nel 2004 come assistente allenatore sotto suo padre con i Washington Commanders ed è rimasto per tutta la stagione 2007.

Prima della stagione agonistica 2008, Coy ha sfruttato la sua passione personale per il motocross e il supercross in un'estensione del pedigree di corse di grande successo di JGR con l'istituzione di JGRMX. Il programma alle prime armi ha adottato un approccio unico nel suo funzionamento e aveva sede nella Carolina del Nord per sfruttare le profonde risorse di ingegneria e sviluppo del team, che ha lavorato in tandem in una partnership tra produttori e Yamaha. Nel corso di 13 stagioni, JGRMX si è affermato come il principale programma satellitare dello sport ed è diventato un'entità integrale nel settore. Un risultato diretto dell'impegno, della passione e dell'amabile personalità di Coy. JGRMX ha ottenuto numerose vittorie e podi nel corso della sua esistenza, nonostante abbia perso un campionato sfuggente. I nomi che hanno gareggiato per la squadra sono quelli del motocross americano: Justin Barcia, Justin Bogle, Justin Brayton, Josh Grant, Alex Martin, Davi Millsaps, Chad Reed, Joey Savatgy, James Stewart, Weston Peick e altri.

Il team JGR MX alla sua ultima gara di motocross, il finale di stagione 2020 Outdoor National al Fox Raceway di Pala, California. 

“Questa è una perdita tremenda e tragica, non solo per la comunità del motocross, ma per gli sport motoristici nel loro insieme. Anche se era una delle persone più silenziose ai box, Coy era un gigante nel settore delle corse", ha affermato Davey Coombs, Presidente, MX Sports Pro Racing. “Sarebbe difficile trovare qualcuno più competente e appassionato di ciò che serve per avere successo. Non ha mai vacillato nel suo impegno di trasformare in realtà i suoi sogni di motocross e supercross e, di conseguenza, JGRMX è stato un perenne perdente che ha costantemente sfidato le probabilità durante il suo mandato nello sport. Coy era un membro amato del nostro settore, anche dopo che il team è stato costretto a chiudere i battenti e la sua prematura scomparsa ha suscitato un'ondata di shock in tutto il mondo delle corse. Ci mancherà profondamente e siamo eternamente grati per l'impatto che JGRMX ha lasciato nel nostro angolo di sport motoristici".

Poche ore prima che Coy ci lasciasse, suo figlio maggiore, il diciannovenne Ty, aveva consolidato il primato della famiglia Gibbs come re delle corse conquistando il campionato NASCAR Xfinity Series. La morte di Coy segue l'altrettanto tragica perdita di suo fratello, JD, nel 19, poiché i due avevano stabilito una formidabile seconda generazione di leadership all'interno dell'organizzazione.

Buona fortuna, Coy.

timidi timidiGibbsGodspeedJGRmotocrossNASCAR