LE VITE DELLE MOGLIE: LE MIGLIORI META 'DI QUATTRO MX STAR

LE VITE DELLE MOGLIE: LE MIGLIORI META 'DI QUATTRO MX STAR

Di Massimo Zanzani

Tutti sanno che ci vuole più della pura velocità e dedizione per vincere i titoli. È una combinazione di molti tratti appresi e naturali, che spesso richiedono anni per svilupparsi. Equipaggiamento di qualità, un team di supporto e fortuna fanno parte dell'equazione. Che dire di una ragazza o di un coniuge? Dipende. Molti ciclisti professionisti traggono beneficio da un coniuge amorevole, mentre altri stanno meglio a trovare l'amore dopo che la loro carriera è finita. Incontra le mogli di quattro campioni nazionali e mondiali. Queste donne sono state determinanti per i successi dei loro mariti e, in un caso, abbastanza intelligenti da stare lontane fino a quando il sole non ha iniziato una turbolenta carriera. Non essere sorpreso di scoprire che queste mogli hanno molto in comune.

SIG.RA. BRAD LACKEY: LORI LACKEY


Brad e Lori Lackey.

"Bad" Brad Lackey ha al suo attivo il titolo nazionale 1972 del 500. Ancora più importante, è stato il primo americano a vincere il campionato del mondo 500, compiendo l'impresa nel 1982 dopo anni di corse in Europa. Sua moglie Lori era al suo fianco per tutto il tempo.

COME SEI INCONTRATO BRAD? Sono stato con Brad da quando avevo 15 anni e lui 16. Era da molto tempo. Avevo 19 anni quando ci siamo trasferiti in Europa. Avevo finito il liceo. Avevo pensato di andare al college, ma Brad voleva che mi trasferissi in Europa con lui, quindi è quello che ho fatto. Abbiamo vissuto in Europa per 10 anni.

Quali sfide hai dovuto superare per uscire con un campione di motocross?
Brad vinse il 500 National Championship nel 1972. Prima di vincere quel titolo, disse a Kawasaki che se avesse vinto il campionato, avrebbero dovuto sostenerlo sul circuito del Grand Prix. Come parte del suo contratto, Kawasaki ha dovuto obbligare. A quel tempo, sapeva che i migliori piloti erano in Europa. Poteva andare così lontano solo in America, e se potesse vincere in America, sarebbe meglio correre i migliori piloti in Europa. È stato difficile per noi stare lontano da casa per così tanti anni. Eravamo molto soli e non avevamo un gruppo di supporto. All'epoca non molte persone parlavano inglese in Europa, quindi è stato particolarmente impegnativo.

Brad Lacchè.

QUANTO È IMPORTANTE LA TUA PRESENZA NELLA SUA CARRIERA? È stato molto importante Ci siamo abituati a stare insieme. Finché voleva fare qualcosa di importante, allora ero lì per sostenerlo. Poi di nuovo, era lì anche per supportarmi. Brad e io eravamo una squadra. Aveva un sogno e abbiamo deciso insieme di perseguire quel sogno in Europa. Quando avrebbe vinto ed essere felice con qualcosa, allora sarei anche felice. Quando era giù, anche io.

BRAD È CAMBIATO DA QUELLO CHE ERA COME UNA CORSA?
Brad è cambiato molto quando ha smesso di correre. Prima era molto concentrato. Aveva l'occhio della tigre. Ora, nella sua vita personale e anche negli affari, è più rilassato. Non era come prima. Era molto reggimentato.

HAI QUALCHE RIMPIANTO? Il più grande rimpianto che ho è non avere una vera educazione. I miei genitori volevano che andassi al college, ed ero concentrato sul fatto di andare al college, ma in realtà non l'ho fatto. Tuttavia, mi sento come se avessi ottenuto molto di più dall'andare in Europa con Brad. Quella era la mia scuola. Alcuni dei miei amici con cui sono andato a scuola sono rimasti nella stessa città e alcuni non hanno mai viaggiato fuori dalla California. Ho avuto molte opportunità di vedere il mondo, e questa è un'educazione in sé.



C'È QUALCOSA DI SPECIALE CHE PUOI CONDIVIDERE SU BRAD?
Brad era molto dedicato. Aveva una buona squadra, meccanico e allenatore. Sapeva come mettere tutto insieme. Alcune persone non hanno questa capacità. Si circondano di persone sbagliate. Brad era intelligente. Ha tutta la pazienza con i giornalisti che dovrebbe avere. Era l'unica corsa americana in Europa e si sentiva sulla difensiva. Si sentiva come il piccoletto e che i media lo stavano prendendo in giro. Se i giornalisti scrivessero qualcosa che non gli piaceva, si arrabbierebbe molto.

QUALI SONO GLI ERRORI CHE DEVI FARE ENTRARE DURANTE LA CARRIERA DI BRAD?
Uno dei suoi errori è stato lasciare la Honda un anno troppo presto. Se fosse rimasto e non fosse andato a Kawasaki quell'anno, probabilmente sarebbe stato il campione del mondo molto prima. Era con la Honda nel 1977 e nel 1978. Kawasaki lo voleva indietro e gli offrirono un buon contratto. La Honda di Brad era brava, ma non era contento della compagnia, quindi se ne andò. Non aveva il supporto che sentiva di meritare, quindi andò a Kawasaki. Ma quell'anno la moto fu terribile. Ha concluso al secondo posto nel suo ultimo anno alla Honda, e se fosse rimasto un altro anno, penso che avrebbe vinto il titolo.

LA VITA DOPO LA CORSA È BUONA? Ci sono molte cose buone su Brad e poche cose cattive. Certo, una moglie ha sempre le sue piccole lamentele riguardo al marito [risate]. Forse non risponde a se stesso come dovrebbe. Siamo sposati da 37 anni e insieme da 42 anni. Non stai con qualcuno se hanno molte cattive qualità.

SIG.RA. RON LECHIEN — TIFFANY LECHIEN

Tiffany e Ron Lechien.

Conosciuto con affetto come "The Dogger", Ron Lechien è stato uno dei ciclisti più dotati che abbia mai gettato una gamba su una bici. Sebbene abbia vinto solo il titolo nazionale 125, nel 1985, è sempre stato una minaccia per vincere. Sfortunatamente, le sue buffonate fuori pista e la turbolenta vita personale ostacolarono i suoi sforzi di corsa. È stato sposato con sua moglie Tiffany per cinque anni.

COME HAI INCONTRATO RONNIE? Ho incontrato Ronnie quando aveva 12 anni. Eravamo entrambi in seconda media. I suoi genitori gli hanno permesso di saltare la terza media in modo da poter correre. Era il ragazzo carino in città. Ha guidato una moto e la sua carriera è decollata. Lo vedrei alle feste. Ha fatto le sue cose e io le mie. Non era il momento di stare insieme. Ronnie era lo stallone e non voleva una ragazza. Probabilmente aveva 20 amiche contemporaneamente [risate]! Mi chiamava di tanto in tanto. Ho avuto un ragazzo al liceo, ma non era carino. Gli ho detto che sarei uscito con Ronnie, e questo ha reso geloso il ragazzo. Bene, quando avevo circa 38 anni, il mio vecchio fidanzato del liceo morì. Ronnie mi chiamò e disse che gli sarebbe piaciuto venire al funerale con me, perché entrambi conoscevamo il ragazzo. Siamo andati a cena e siamo stati insieme da allora.

Quali sfide hai dovuto superare per uscire con un campione di motocross? Non abbiamo iniziato a frequentarci fino alla fine della sua carriera. L'ho conosciuto crescere, però. Ricordo quando Ronnie aveva 16 anni e guadagnava $ 250,000 all'anno. Aveva tutto. Sono andato a casa sua alcune volte e ho festeggiato. Conosco tutte le sue vecchie fidanzate e ora ne ridiamo.


Ron Lechien.

RONNIE È CAMBIATO DA QUELLO CHE ERA COME UNA CORSA? Ronnie mi disse che non saremmo mai durati se fossimo tornati insieme mentre correva. Era un ragazzo selvaggio e pazzo. Si è scoperto che abbiamo iniziato a frequentarci più tardi. Oggi è solo un ragazzo grande e amorevole.

C'È QUALCOSA DI SPECIALE CHE PUOI CONDIVIDERE SU RONNIE? Ron non cavalcava sette anni fa quando ci siamo messi insieme. L'ho messo a dieta e poi ha ricominciato a cavalcare. Ha un talento naturale in sella a una bicicletta e ha trovato di nuovo piacere nel guidare. Può percorrere la pista una volta e memorizzarla. Può farlo con gli occhi chiusi.



QUALI ERRORI HAI FATTO DURARE DURANTE LA CARRIERA DI RONNIE?
Ronnie sa cosa aveva e cosa ha perso. Ora apprezza molto di più le cose. Si aggrappa a tutto. Fortunatamente, i suoi genitori si aggrapparono ai suoi trofei. Hanno riposto tutto in deposito e sono stati seduti lì ad aspettarlo. Dovremo liberare un'intera stanza per i suoi trofei.

LA VITA DOPO LA CORSA È BUONA?
La vita è bella. Abbiamo tre gatti. La mia famiglia ama Ronnie. Ogni volta che mi arrabbio con lui, la mia famiglia dice sempre: "Povero Ronnie". Non c'è davvero una parte peggiore di lui. Mi accompagna in un sacco di bei viaggi. Siamo andati in Svizzera, Parigi, Inghilterra e Belgio. È strano, perché anche adesso, quando viaggiamo da qualche parte, la gente noterà Ronnie e chiederà un autografo. È ancora famoso, anche dopo tutti questi anni!

SIG.RA. DANNY LAPORTE — GEORGIA LAPORTE


Georgia e Danny Laporte.

Danny LaPorte ha al suo attivo un titolo nazionale 500 e il campionato mondiale 1982 del 250. Era anche un membro della squadra americana Motocross des Nations che ha vinto nel 1981. È stato sposato con sua moglie Georgia per 29 anni.

COME SEI INCONTRATO DANNY? Ci siamo incontrati al Genoa Supercross. Non parlavo inglese e non parlava francese o italiano. A quel tempo vivevo in Italia e Danny viaggiava in tutto il mondo. Gabriele Mazzarolo di Alpinestars sapeva che ci piacevamo, quindi ci ha presentato.

Quali sfide hai dovuto superare per uscire con un campione di motocross? Lesioni. Mentre correva il Rally Parigi-Dakar nel 1990 per Yamaha, ebbe un grave infortunio. Era la mattina presto quando cavalcò durante una tempesta di sabbia e cadde in una buca fatta da alcuni bambini vicino a un villaggio. È stato trascinato dalla moto quando si è schiantato. Danny ha subito un grave trauma ai polmoni, al cuore e alla testa. Era in coma per alcuni giorni.

Georgia e Danny a casa.

QUANTO È IMPORTANTE LA TUA PRESENZA NELLA SUA CARRIERA?
Ho incontrato Danny quando era già campione del mondo. Cavalca da quando aveva 9 anni. Ha vinto il titolo nazionale 500 nel 1979, poi è diventato campione del mondo 250 nel 1982. Poi si è stancato di correre e, quando ci siamo sposati, gli ho detto che speravo non fosse colpa mia! Mi sentivo in colpa, perché non aveva più voglia di cavalcare. Era annoiato e la vita quotidiana di guida e allenamento per il motocross era monotona. Ero felice quando ha iniziato a correre nel deserto, perché non mi sentivo più in colpa per come ha smesso di correre il motocross. Ma si è fermato quando si è rotto il femore in Italia. Ho sempre voluto che facesse quello che voleva e per tutto il tempo che voleva. Ora guida ancora solo per divertimento. Lo stile di vita delle corse ci ha permesso di fare cose che le persone normali non faranno mai.

DANNY È CAMBIATO DA QUELLO CHE ERA COME UNA CORSA? Danny ha ancora il suo lato folle, ma entrambi siamo cresciuti. Quando eravamo giovani, non sapevamo nulla della vita. Siamo cresciuti rapidamente dopo aver avuto figli! Avere dei bambini mi ha cambiato soprattutto, perché avevo solo 20 anni. Ha ancora il suo lato folle, mentre io sono il saggio. Ho più stabilità, quindi ci completiamo a vicenda. Quando era alle gare e abbiamo avuto dei bambini, mi sono preso cura di tutto in modo che potesse correre spensierato. I ciclisti non possono pensare a nulla al di fuori delle corse.

HAI QUALCHE RIMPIANTO? La vita è andata troppo in fretta. Siamo sposati da 28 anni. Quando rifletto sulla mia vita, mi chiedo dove siano andati gli anni.

C'È QUALCOSA DI SPECIALE CHE PUOI CONDIVIDERE SU DANNY? Si dimentica di tutto, ma non dimenticherà mai un guanto o un paio di stivali e la sua borsa da motocross è sempre perfetta. Tutto il resto, come le chiavi di casa e il telefono, lascerà da qualche parte e se ne dimenticherà. Tuttavia, non dimentica nulla quando va a cavallo.

QUALI SONO GLI ERRORI CHE DEVI FARE ENTRARE DURANTE LA CARRIERA DI DANNY? È difficile vedere tuo marito ferito, perché allora può insorgere la depressione. È stato anche difficile gestire i contratti. Firmi un contratto per uno o due anni, ma non sai cosa succederà oltre. Come ha scoperto Danny, tutti ti vogliono quando vinci, ma non lo fanno quando non vinci. Come ci ha detto Andr ‚Malherbe," Quando vinci, tutti sono nella tua tenda, ma quando perdi non c'è nessuno ". Ed è così vero. Andr ‚diceva anche:“ Conosci i tuoi veri amici quando sei in ospedale. Guarda chi viene a trovarti e sai a chi importa davvero di te ".

LA VITA DOPO LA CORSA È BUONA? Oggi Danny fa bene alla Georgia di oggi. La Danny di ieri è andata bene per la Georgia di ieri. Siamo cresciuti insieme in questi 28 anni e ogni momento siamo andati nella direzione giusta.

SIG.RA. MARTY SMITH — NANCY SMITH


Marty e Nancy Smith.

Marty Smith è stata la prima grande star americana del motocross. Il bambino baciato dal sole della California del sud era dominante nella classe 125 durante la metà degli anni '1970 e vinse anche il 500 National Championship nel 1977. Sua moglie Nancy era con lui fin dall'inizio.

COME HAI INCONTRATO MARTY? Ricordo bene il nostro primo appuntamento. Martin aveva i denti finti e dovette toglierli quando mangiava. Il suo cibo è venuto a spararmi contro [risate]. Questo era il nostro primo appuntamento! Quindi è stato un momento memorabile. Ho pensato a me stesso, cosa sto facendo? Anche questo mi ha fatto innamorare di lui. Non era imbarazzato, ma piuttosto molto fiducioso.

Quali sfide hai dovuto superare per uscire con un campione di motocross? All'inizio c'erano troppe donne [risate]. C'erano troppe donne! È stato difficile. Ero molto fiducioso, forte e indipendente, ma c'erano troppe donne attratte da lui.

Marty Smith.

QUANTO È IMPORTANTE LA TUA PRESENZA NELLA SUA CARRIERA? La mia presenza non era così importante per la sua carriera. Martin era così bravo a cavalcare. Non ho mai avuto bisogno di spingerlo o incoraggiarlo. Era molto dedicato e sintonizzato sulle sue corse. Aveva un lavoro da svolgere e gli piaceva farlo. Lo avrei sostenuto e incoraggiato, ma sapeva cosa doveva fare e come farlo. In realtà ho imparato molto da lui.

MARTY È CAMBIATO DA QUELLO CHE ERA COME UNA CORSA? Martin sta molto meglio oggi. È più maturo. È anche più felice e ha meno pressione. Quando correva, ricordo come era sempre così concentrato e serio. Ora quella pressione non è più su di lui, quindi può rilassarsi di più. Non è così teso.

HAI QUALCHE RIMPIANTO? Ho sacrificato la mia sanità mentale [risate]. Ero un corriere. Ho lavorato per 28 anni consegnando la posta. Ho avuto la mia carriera. Marty andava e veniva, ma io rimasi a casa. Ho mantenuto la vita domestica e sostanzialmente ho tenuto giù il forte. Sono stato davvero grato quando ha smesso di correre. Tutti erano bravi a quel punto. Tuttavia, rifarei tutto di nuovo. È stato così favoloso. Abbiamo trascorso cinque anni insieme prima di sposarci. In quegli anni ero con lui in Europa, in Giappone e in tutti gli Stati Uniti. Quando ho ottenuto il mio lavoro a tempo pieno al servizio postale, non potevo più viaggiare, ma Martin doveva ancora andare. Ho fatto la mia cosa con i bambini ed è andato tutto bene.

C'È QUALCOSA DI SPECIALE CHE PUOI CONDIVIDERE SU MARTY? Vedere Martin cavalcare è stato bellissimo. Si è mescolato così bene con la pista. Era così liscio e forte. Poteva prendere la bici e lanciarla dove voleva. Non sono mai stato nervoso o spaventato quando ha corso. Mi prendeva in braccio e mi guidava in giro sul retro della bici, ed ero così felice e senza paura.

QUALI SONO GLI ERRORI CHE DEVI FARE ENTRARE DURANTE LA CARRIERA DI MARTY? La parte più triste è stata lui che si è schiantato al Supercross di Houston. Si è slogato l'anca e questa è stata l'unica lesione che abbia mai avuto. Tuttavia, ha terminato la sua carriera. È stato il primo dolore che abbia mai provato. Non aveva mai rotto un osso o sofferto di gravi dolori prima di quell'incidente. Dopo ciò, fu spaventato. È stata una sorpresa totale per me non aver mai sofferto di dolore prima. Martin si rese conto che non era invincibile. Ha scoperto che poteva farsi male, quindi ha frenato la sua carriera. Si è schiantato una volta al Colosseo di Los Angeles ed è salito sui sedili. La sua adrenalina era in corso, e saltò di nuovo su e salì in bici. Dopo Houston, lo stesso processo mentale non era più nella sua testa.

LA VITA DOPO LA CORSA È BUONA? Assolutamente. Abbiamo due figlie, un figlio e due nipoti. Martin si prende cura di tutti noi. Nostro figlio vive ancora con noi. Un paio di anni fa, nostra figlia viveva in un altro stato. Siamo andati a prenderla e le abbiamo detto che sarebbe tornata a casa per vivere. Negli ultimi due anni si è trasferita. Ci sentiamo fortunati a contribuire alla crescita dei nostri nipoti. La nostra figlia di mezzo si sposerà presto, e poi avremo altri nipoti. Siamo felici e grati. Tutti sono sani e le cose vanno bene.

 

Brad LackeyDanny LaporteMarty SmithmotocrossmxaRon Lechien