MOTO-MASTER PRESENTA IL RAPPORTO DI GARA DEL TRENTINO MXGP

Di John Basher

Il Trentino ha segnato il primo round dell'altalena europea nella serie MXGP. Le squadre di gara sono tornate su un terreno familiare dopo aver gareggiato sulla pista di una pista da corsa di notte (Qatar), a fuoco lento (Tailandia) e in Sud America (Argentina). La pista di Pietramurata, incastonata contro le pittoresche montagne dolomitiche in Italia, portò fuori legioni di fan a guardare come il loro re, Tony Cairoli, combatté contro i soliti sospetti: Clement Desalle, Max Nagl, Gautier Paulin ed Evgeny Bobryshev, per nominare un pochi, così come Ryan Villopoto.

L'Italia si rivelerebbe il vero test per alcuni personaggi chiave della storia che è MXGP nel 2015. Sono:

Tony Cairoli.

Tony Cairoli: L'italiano ha posseduto la classe 450 negli ultimi sei anni. Il pilota della Red Bull KTM ha vinto per coerenza, colpendo quando gli altri sono vulnerabili, rimanendo in salute e prendendo decisioni di corsa intelligenti. Quando Tony lasciò l'Argentina al terzo posto in punti - dieci in meno di Clement Desalle - il campo di Cairoli non fu preso dal panico. In effetti, stava arrivando rose. Perché? La pista piatta e carica di carica del Qatar non è una delle preferite di Cairoli, ma è uscito con un quarto posto assoluto. Il caldo torrido della Thailandia in genere provoca il caos sugli europei, ma Tony ha ottenuto una seconda vittoria in moto. Ha completato le gare flyaway andando 2-2 per il terzo posto assoluto.

La gara trentina doveva essere lo spettacolo di Tony Cairoli. Dopotutto, era il suo GP di casa. Dopo aver vinto la gara di apertura, è sembrato scontato che "King Tony" li avrebbe incerati di nuovo. Solo non è successo. Max Nagl, dopo aver accumulato un forte vantaggio nel corso di quasi due mesi, ha portato alla vittoria e al totale. Nagl ha piovuto alla parata di Cairoli, ma non versare una lacrima per Tony. È un punto alla deriva dal riportare la targa rossa sul suo potente Katoom.

Max Nagl.

Max Nagl: tutti sono stati sorpresi di vedere emergere Max Nagl con la vittoria del round di apertura in Qatar. Cavolo, anche Nagl sembrava scioccato durante l'intervista post gara. Un cattivo spettacolo in Tailandia avrebbe dovuto sgonfiare le vele di Max ... solo che non lo era. Il tedesco è tornato di corsa per catturare il generale. In Trentino il ciclista IceOne Husqvarna si allontanò come una locomotiva, disegnando la parte anteriore sulla superficie liscia, mentre tutti gli altri puntavano sulla punta rigida. Sorprendentemente, nonostante abbia catturato tre delle quattro tute GP, Nagl non è il leader dei punti. Segue Clemente Desalle per un misero punto. La bellezza del successo di Nagl è che è stato rimbalzato dalla Honda di fabbrica lo scorso anno e il Red Bull KTM è stato forte prima del suo periodo in Honda. Max ha trovato una casa felice a Husqvarna. Mostra.

Ryan Villopoto.

Ryan Villopoto: Con la serie che va in Europa e molti piloti del GP che hanno una vasta esperienza nelle corse in Trentino (il circuito è stato in programma negli ultimi due anni), tutti erano su un terreno uniforme ... salvo Ryan Villopoto. Il camper era in svantaggio prima ancora che il cancello colpisse la terra. Questa non è una scusa per la scarsa visibilità di Villopoto in Trentino, ma indica la battaglia in salita che Ryan avrà se vuole strappare il titolo dalle grinfie di Cairoli e dell'altro cast di personaggi. I punteggi di moto 4-30 (che non è un refuso) di Villopoto lo hanno affondato nella classifica dei punti sulla melodia di 47 dietro a Max Nagl. Se stai mantenendo il punteggio, questo è quasi un gap nel weekend del Gran Premio per i leader.

Il risultato trentino non fu colpa di nessuno se non quello di un Ryan Villopoto dal pugno di ferro. Ha chiuso a soli quattro secondi dal vincitore della moto Tony Cairoli, ma in quel momento prezioso è stato Max Nagl e Clement Desalle. Il quarto non è stato alcun motivo per cui Villopoto abbia appeso la testa. Sfortunatamente nella seconda manche Ryan ha preso una manciata di gas mentre correva nell'area del meccanico, nel tentativo di tenere a bada Clement Desalle. RV uscì in loop in un "Oh mio Dio, devo vederlo di nuovo!" tipo di incidente difficile da capire. È arrivato nelle ultime fasi della moto mentre Ryan era terzo. È ferito? Kawasaki d'Europa non ha rivelato nulla di interessante, se non quello di dire che non era disponibile per un commento dopo la gara. Villopoto è andato su Instagram e ha detto: “Giornata difficile in ufficio per non dire altro. Grazie al mio team e ai fan per il supporto. " Ha qualche giorno per leccarsi le ferite prima di mettersi in fila a Valkenswaard, Paesi Bassi, questo fine settimana imminente. Non è molto tempo per guarire da un enorme decollo. Invia le tue vibrazioni positive alla maniera di Villo.

La caduta di Villopoto in giro per il mondo.

Interpreterò l'avvocato del diavolo e soppeserò il risultato se Villopoto l'avesse tenuto su due ruote. Per cominciare, non sarebbe tornato a 47 punti nell'inseguimento del titolo. Non è difficile credere che sarebbe arrivato terzo o, nel peggiore dei casi, quinto. Invece è caduto (nessun gioco di parole previsto) 20 punti indietro dei leader in un weekend di gara. Le sue possibilità di vincere il titolo 450 sono fuori controllo? Forse è il sangue americano che mi scorre nelle vene o che ho visto Ryan Villopoto entrare in "Beast Mode" e ridurre il deficit fino a zero, ma penso che abbia ancora una possibilità. Dopo tutto, ci sono 12 GP (13 se Luongo riesce a trovare un'altra oca per deporre un uovo d'oro). Sono 600 punti in palio. La serie è giovane. Detto questo, Villopoto deve sistemarsi e macinare le vittorie, piuttosto che farsi sparare dalla parte posteriore della sua Kawasaki SR450.

Clemente Desalle.

Clement Desalle: È ovvio che il belga Clement Desalle è stanco di suonare il secondo violino di Tony Cairoli. Ogni generazione di corse tende a produrre una sensazione straordinaria. Roger DeCoster. Bob Hannah. Jeremy McGrath. Ricky Carmichael. Stefan Everts. Tony Cairoli. Poi ci sono quei ciclisti che hanno la sfortuna di correre in un momento in cui la crema della crema stava mettendo insieme un titolo dopo l'altro. Steve impilabile. Damon Bradshaw. Ezra Lusk. Kevin Windham. Clemente Desalle corre il rischio di cadere nel regno del secondo migliore. I corridori non spruzza lo champagne, non ottengono il grosso bonus di controllo o non fanno incidere il loro nome nei libri di storia. No, invece sono etichettati come la prima persona che ha gestito così tanto il genere umano.

Desalle sta dimostrando che dovrebbe essere preso sul serio. Per tre turni consecutivi il pilota Suzuki è stato in cima alla classifica dei punti. Il divario si è ridotto in Italia dopo aver ceduto nove punti a Nagl e Cairoli. La stagione è giovane, ma Cairoli è famosa per aver scalato la classifica. Nove punti non sembrano molti. Pensa di nuovo. Anche se Tony potesse ottenere cinque punti ad ogni round, sarebbero 60 punti alla fine della serie. Questo, gente, è come Tony Cairoli vince i titoli.

I VINCITORI

450 Classe: Max Nagl

Nagl non ha avuto un inizio così caldo in una stagione dal 2011. In realtà, questo è il migliore che Max Nagl abbia mai fatto così presto in una stagione. Il pilota IceOne Husqvarna è andato 2-1 per il totale. Se stai tenendo traccia a casa, i punteggi di moto di Nagl quest'anno sono stati 1-1-4-11-3-1-2-1. Non è uno sforzo dominante, ma immagina quanto lontano sarebbe Max se non fosse per un tumultuoso spettacolo tailandese.

250 Classe: Tim Geiser

Quindi c'è questo ragazzo sloveno di 18 anni di nome Tim Gajser, che ha vinto la classe 250 questo fine settimana contro Jeffrey Herlings. È come se Davide facesse cadere Golia a terra. Il Trentino ha segnato la prima vittoria del GP di Gajser. Lo ha fatto registrando risultati quasi perfetti. Un 2-1 è abbastanza buono per la vittoria indipendentemente dai sistemi di punteggio al Chicken Licks Raceway (questo è per te, Jody) o dal punteggio GP / AMA. Gajser è stato su e giù per i risultati quest'anno, esattamente quello che ci si aspetterebbe da un corridore 250 bagnato dietro le orecchie. La vittoria lo ha portato dal settimo al quarto posto in classifica. Ancora più importante, la vittoria rende Gajser la più grande celebrità in Slovenia. Ben fatto, Tim! Una nota interessante: questa è stata la prima volta che uno sloveno ha vinto un round MXGP. È stata anche la prima vittoria della Honda nella classe 250 da quando Marvin Musquin ha compiuto l'atto nel 2009.

LA TUMBLE DI VILLOPOTO

CAIROLI VS. NAGL VS. DESALLE VS. Villopoto

IL PRIMO GRAN PREMIO DEL TRENTINO

MXGP DEL VIDEO IN EVIDENZA DEL TRENTINO

RISULTATI DEL GP D'ITALIA: CLASSE 450

1. Max Nagl (Hus)… .2-1
2. Tony Cairoli (KTM) ... 1-2
3. Clemente Desalle (Suz)… 3-4
4. Romain Febvre (Yam)… 7-3
5. Gautier Paulin (Hon) ... 5-5
6. Evgeny Bobryshev (Hon) ... 8-6
7. Ken DeDycker (KTM) ... 9-7
8. Davide Guarneri (TM)… 11-9
9. David Philippaerts (Yam) ... 13-8
10. Shaun Simpson (KT) ... 12-10
Altri notabili:
11.Ryan Villopoto; 12. Todd Waters; 13.Tommy Searle; 14. Jeremy Van Horebeek; 15. Glenn Coldenhoff; 33. Steven Frossard.

RISULTATI DEL GP D'ITALIA: CLASSE 250

1. Tim Gajser (Hon) ... 2-1
2. Jeffrey Herlings (KTM) ... 1-2
3. Jordi Tixier (Kaw) ... 3-3
4. Dylan Ferrandis (Kaw)… 5-4
5. Max Anstie (Kaw)… 4-7
6. Jeremy Seewer (Suz) ... 7-6
7. Valentin Guillod (Yam) ... 6-8
8. Benoit Paturel (Yam) ... 12-5
9. Brent Van Doninck (Yam) ... 11-10
10. Julien Lieber (Yam)… 10-11
Altri notabili:
11. Pauls Jonass; 14. Petr Petrov; 15. Aleksandr Tonkov; 19. Thomas Covington Adam Sterry (KTM) ... 11-11

CLASSIFICA PUNTI FIM 2015 450
(Dopo 4 di 17 gare)
1. Clemente Desalle… 171
2. Max Nagl… .170
3. Tony Cairoli ... 170
4. Romain Febvre ... 129
5. Gautier Paulin ... 128
6. Ryan Villopoto ... 124
7. Evgeny Bobryshev ... 100
8. Todd Waters ... 78
9. Jeremy Van Horebeek ... 75
10. David Guarneri …… 70

CLASSIFICA PUNTI FIM 2015 250
(Dopo 4 di 17 gare)
1. Jeffrey Herlings… .172
2. Dylan Ferrandis ... 159
3. Pauls Jonass ... 133
4. Tim Gajser ... 126
5. Julien Lieber ... 101
6. Valentin Guillod ... 101
7. Jeremy Seewer ... 99
8. Aleksandr Tonkov ... 95
9. Thomas Covington ... 86
10. Jordi Tixier ... 75

La serie Grand Prix riprenderà il prossimo fine settimana nelle sabbie di Valkenswaard, Paesi Bassi. Cerca un enorme resoconto di gara, presentato dai bravi ragazzi del Moto-Master (il GP è praticamente nel loro cortile). Se stai cercando di migliorare le prestazioni dei tuoi freni, visita www.moto-masterusa.com. Grazie per aver letto.

Foto di KRT Kawasaki, Massimo Zanzani e HRC Honda.

gpGrand PrixItaliaGIOVANNI BASHERmassimo naglmaestro di motorapporto di garaGara RisultatipneumaticiRyan VillopotoTim GajserTrentinovideo