INTERVISTA MXA: JEFF EMIG SU COME LE ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI HANNO PRESO NELLA SUA VITA

“LE ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI SONO STATE ASSUMERE IL MIO VITA" 

 

 

 

 

DI JIM KIMBALL

JEFF, CHE COSA TI HA PORTATO ALL'ATTENZIONE DELLO SPORT? C'è stata una vittoria sui minicicli che si è davvero distinta dal resto. Ho vinto la Classe 80cc a Ponca City nel 1986. Questa è stata una vittoria di classe molto ambita per i produttori, perché era su una bici di produzione, quindi gli OEM lo hanno adorato. Non mi aspettavo di vincere, ma quando ho vinto quella gara e sono uscito di pista, mio ​​padre piangeva perché era così felice. Questo è diventato il trampolino di lancio per la mia carriera.  

“SONO STATO GETTATO AI LUPI NELLA 250 CLASSI SUPERCROSS.
NON SONO STATO MATURAMENTE FISICO E Certamente NON MENTALMENTE
ABBASTANZA MATURO. HO BISOGNO DI PIÙ TEMPO PER CRESCERE. "

I primi anni delle gare di Jeff.

STAI OTTENENDO MOLTO SUPPORTO IN QUESTO MOMENTO? Il team Green mi stava aiutando. Mark Johnson gestiva il Team Green in quel momento. Mark era del Midwest e mio padre e Mark erano molto vicini. Ho ottenuto un accordo con il Team Green per il 1984 e sono stato lì fino a quando non sono entrato in Factory Kawasaki nel 1990.

È STATA UNA PROGRESSIONE NATURALE PER ANDARE ALLA FABBRICA KAWASAKI? Volevo guidare Factory Kawasaki ed essere compagni di squadra con Jeff Ward. Ero un bambino Kawasaki di 13 anni e all'epoca era il mio sogno. Mi sono trasferito dal Team Green al Factory Team per guidare la 125 Supercross nel 1990. Quando sono arrivato alla Factory Kawasaki, Roy Turner era il Team Manager. La squadra era Jeff Matiasevich, Johnny O'Mara e, ovviamente, Jeff Ward. Ho riempito lo spazio come un puro pilota 125. Era un sogno diventato realtà, avere un furgone e l'intero team di fabbrica. E 'stato molto bello.

MA SEI PASSATO A YAMAHA SOLO DOPO UNA STAGIONE A KAWASAKI. PERCHÉ?  ho vinto  due 125 eventi della West Supercross e il mio giro in motocross era proprio lì per la Kawasaki nel 1990. Ma Bevo Forte, che era uno dei miei sponsor da molto tempo attraverso Scott Goggles, mi ha aiutato a guidarmi verso il Team Yamaha. Keith McCarty stava eseguendo il programma. Questo era proprio il momento in cui Pro Circuit aveva concluso il suo accordo Peak Honda. Quindi, sono andato alla Yamaha per la stagione 1991 per guidare 125 Supercross e 125 nazionali. Sfortunatamente, la piattaforma con cui abbiamo iniziato alla Yamaha quell'anno non era molto buona. Bob Oliver e Steve Butler, che era il mio meccanico, lavoravano all'infinito per accelerare la velocità della moto, ma era dura, poiché il motore non era il migliore. Ho lottato con la 125 Supercross, ma ho vinto quattro gare. Sono arrivato secondo a Jeremy McGrath con solo tre punti.

“QUANDO KAWASAKI È STATO TROVATO SULL'ARRESTO, SONO STATO AFFIDATO. PARLARE
INFORMAZIONI SU UN CONTROLLO DI REALTA '. QUESTO È STATO IL GIORNO DELLA MUSICA
E IL PARTITO ERA FINITO. "

Il primo e unico campionato 125 di Jeff è stato nel 1992.

Sei salito rapidamente ai 250 per SUPERCROSS PER IL 1992? Sì, ho indicato la classe 125 Supercross, quindi sono stato gettato ai lupi nella classe 250 Supercross. Non ero abbastanza maturo fisicamente e certamente non abbastanza mentalmente maturo. Avevo bisogno di più tempo per crescere. Sfortunatamente, a causa del sistema dei punti di avanzamento, sono stato spostato in alto prima di essere pronto. Di conseguenza, vorrei iniziare in anticipo solo per essere superato o crash. Supercross è stato un male per me nel 1992, ma nelle 125 nazionali ho trovato la mia forma come pilota professionista. A metà stagione, ho iniziato a vincere le gare e ho finito per vincere il Campionato Nazionale 125 nella gara finale della gara finale. Ho concluso il 1992 con una nota alta, vincendo il Motocross des Nations con Mike LaRocco e Billy Liles in Australia.

COSA TI HA FATTO TORNARE A KAWASAKI? Dopo quattro anni, ero proprio lì, alle spalle di Jeremy McGrath. Ma avevo bisogno di un cambiamento. Sono stato con Yamaha per un po '. Fuori dalla bici, il mio stile di vita era davvero divertente. Ci stavamo divertendo e bruciando la candela ad entrambe le estremità. Keith McCarty e io non ci stavamo davvero collegando su chi ero come persona. Voleva che io pulissi alcune cose, mi divertissi un po 'meno ed ero più serio con le corse. Ho sentito che non era entusiasta di me. La Yamaha mi ha offerto un'ottima offerta, ma Roy Turner di Kawasaki ha mostrato molto interesse per me. Quando ho firmato il contratto Kawasaki, è stato il maggior numero di soldi che abbia mai fatto in carriera. Roy era entusiasta di avermi firmato. Non ricordo che Keith provasse la stessa sensazione per me.

Jeff Emig e Jeremy Albrecht.

È STATO QUANDO SEI STATO COINVOLTO CON JEREMY ALBRECHT? Quando ho firmato con Factory Kawasaki, non avevo un meccanico. Non sapevo cosa fare. Roy Turner mi ha suggerito di dare un'occhiata a Jeremy Albrecht. Era meccanico alla North County Yamaha. Il resto è storia.  J-Bone e io abbiamo avuto un ottimo rapporto di lavoro, e anche lui mi ha lasciato essere me. Volevamo lavorare sodo l'uno per l'altro e di conseguenza abbiamo trascorso un periodo di grande successo alla Kawasaki, vincendo tre titoli. La relazione e il legame che hai con il tuo meccanico sono davvero importanti, specialmente allora, perché non avevamo un allenatore in gioco.

VINCI IL CAMPIONATO SUPERCROSS DEL 1997. Cosa è successo nel 1998? Dalla metà del 1996 alla fine dell'estate del 1997, ho praticamente vinto tutto. Ero all'apice di questo sport, vincendo i Campionati Supercross e National del 1997 nello stesso anno. Ero stato nominato nella mia sesta squadra di Motocross delle Nazioni ed ero il re di Bercy. Ho avuto l'anno degli anni. Riflettendomi, sono passato al 1998, prendendo in considerazione ciò che avevo realizzato l'anno precedente. Supercross è stata una vera lotta e non sono riuscito a concentrarmi. Ma, nel pieno dell'estate del 1998, ho ripreso la mia forma. Ho vinto quattro nazionali all'aperto e ho detto: "Va bene, le cose stanno tornando in pista". Poi durante le prove a Millville, ho fatto rotolare il polso destro in avanti e mi sono fatto male al pollice destro. Ho continuato a vincere entrambe le gare quel giorno. Poi, una settimana dopo, il mio chirurgo ortopedico disse: “Il tuo pollice è rotto. Dobbiamo operare su di esso o hai intenzione di rovinare ancora di più. ” Ho avuto un intervento chirurgico Lasik sugli occhi e il mio intervento chirurgico al pollice. Durante questo periodo di pausa, mi stavo solo divertendo.

Jeff nel 1998 a bordo della sua Factory Kawasaki KX250.

NEL 1999, LA TUA VITA HA FATTO UN TURNO DRASTICO, NON LO HAI? Sì. Le attività extracurricolari stavano prendendo il sopravvento sulla mia vita. Nell'estate del 1999, mi sono messo nei guai a Lake Havasu quando la polizia ha trovato della marijuana in tasca. Sono stato arrestato Ora è legale, ma allora non lo era. È stato abbastanza difficile da prendere quando Kawasaki ha scoperto l'arresto. Bruce Stjernstrom di Kawasaki mi ha chiamato e mi ha detto: "I capi giapponesi hanno lasciato la decisione a me, e ti lasceremo andare." Sono stato licenziato. Parla di un controllo della realtà. Quello fu il giorno in cui la musica morì e la festa finì. Allo stesso tempo, Ricky Carmichael decise che avrebbe lavorato a un livello che nessuno aveva mai inserito prima.  

POTREI ESSERE STATA LA PRIMA STELLA ROCK DI SUPERCROSS. È interessante che tu usi quella terminologia. Non avevo i capelli lunghi, fumavo sigarette o camminavo con una bottiglia di Jack Daniels in mano, ma, in un certo senso, è quello che volevo fare. Non ho mai voluto davvero essere un atleta professionista; Ho sempre voluto essere una rock star. Più tardi nella mia carriera, quando ho preso il bus turistico e tutto il resto, era il mio modo di manifestare il mio desiderio di avere quello stile di vita da rockstar. È stato sicuramente divertente e mi sono divertito moltissimo. I fan lo adoravano. Ha creato l'immagine che volevo e mi sembrava che fosse abbastanza autentico per me. In definitiva, probabilmente non è stata la scelta migliore in carriera quando stai cercando di essere un pilota professionista di motocross. 

“GUIDEREMO ALLA PISTA DI PROVA YAMAHA NEL MIO CAMION, CON IL MIO
BICI SUL RETRO. CHE ERA. NESSUNA BICI DI PROVA, NESSUNA BICI DA CORSA, NO
BICI DI PRATICA — HO SOLO UNA MOTO. ”

Un'anteprima nell'armadio da equitazione di Emig.

QUEL TEMPO IN MOTOCROSS È CLASSIFICATO COME I GIORNI DEL PARTITO. VERO? Lo era certamente. All'epoca, Keith McCarty parlava sempre di Bob Hannah e di quanto duramente si allenasse. Bob era certamente una leggenda, ma io non sono Bob Hannah. Volevo essere il primo "Jeff Emig". Avere un mentore è buono e utile, ma i grandi volevano solo essere se stessi. Non volevano essere qualcun altro. Nel bene o nel male, volevo fare le cose a modo mio. Ho dovuto imparare ogni lezione nel modo più duro. Puoi dirmelo, ma non voglio ascoltare. Ho quasi 50 anni ormai. Sono un vecchio cane e non ci sono nuovi trucchi.

QUANTO PERVASIVO È STATO IL PARTY NEI PRO RANKS? Anche se non ho intenzione di nominare nomi, tutti abbiamo bevuto Coors Light perché, come diceva il marketing, "Coors Light non ti rallenterà". Stavamo bevendo il Capitano Morgan al gallone. Alcune persone stavano fumando marijuana. Alcune persone usavano la cocaina, alcune l'ecstasy e alcune stavano mangiando funghi. Quello era sparso in tutti i ragazzi. Non immagino che Mike LaRocco lo stesse facendo; alcuni dei ragazzi erano etero. I ragazzi contro cui stavamo correndo erano tutti nostri amici. Lo stavamo facendo tutti, quindi era un po 'di parità. Se mi sono divertito al river e Jeremy McGrath era al river e dovevamo gareggiare a vicenda il prossimo fine settimana, sapevi che andava bene. Ma se si stava allenando a casa, allora ho pensato che avrei dovuto allenarmi a casa. Ecco com'era l'era. 

DOPO IL TUO RENDIMENTO, COME HAI RITORNATO LA TUA VITA IN PISTA? Ci sono volute un paio di settimane per immergermi. Sono andato a una festa di addio al celibato a Las Vegas e abbiamo trascorso un weekend a Las Vegas. Sembrava qualcosa del film "I postumi di una sbornia". A quel tempo, avevo preso una Yamaha e stavo percorrendo la strada privata. Il fine settimana successivo alla festa di addio al celibato è stato il primo round del mondiale Supercross Triple Crown. Ci sarebbero state tre gare, e la prima era a Parigi. Era mercoledì mattina e il mio meccanico venne a casa e disse: "Ehi, ti eserciterai questa settimana prima di andare a Parigi?" Ero così strappato dopo il fine settimana perso che ho risposto, "Non credo di poter guidare". Quindi, siamo andati a Parigi e ho finito per ottenere un terzo. Tutti i migliori ragazzi erano lì. In realtà ho mantenuto il trofeo. Ricordo di aver avuto una sorta di epifania; guardandomi davvero dentro e chiedendomi: "Okay, cosa sto facendo della mia vita?" Subito dopo quel podio, ho attraversato lo stadio per tornare ai box. La pioggia stava calando e le luci erano ancora accese, ma ero solo. Era solo un terzo posto, ma ero davvero orgoglioso di me stesso. Ricordo di aver guardato il cielo e di aver chiesto: “Dio, per favore, dammi un segno. Cosa devo fare?"

Hai lasciato il party dopo il terzo concerto a Parigi? No. Non riesco a scappare dalla scena della festa. Un amico mi ha suggerito di andare in riabilitazione. Ero imbarazzato nel rendermi conto di trovarmi in un posto della mia vita in cui dovevo andare in riabilitazione. Ma ho seguito il programma e mi ha costretto a guardare cosa volevo fare della mia carriera. Avevo 28 anni, ma la mia maturità era bloccata all'età di 18 anni. Una volta capito, sono iniziate molte cose buone. Ho creato il mio team di gara. Ho vinto gli US Open di Supercross; non è la gara più grande, ma è stata una gara davvero importante. Quella bassa stagione è stata la migliore che abbia mai guidato una motocicletta in tutta la mia carriera. Ero così pronto per la stagione 2000. Ero così concentrato e così in forma che ero tipo “Carmichael, McGrath, Vuillemin, tu li chiami, portalo avanti. Lo farò e lo farò su una bici di produzione. ”

Nell'ultimo anno di gare di Jeff, ha vinto gli US Open del 2000 di Supercross nel team Edge Yamaha.

CHE COSA È PIACIUTO COME INIZIARE COME PRIVATO? Nell'autunno del 1999, avevo formato il mio team con il sostegno della Yamaha della North County. Vorrei guidare fino alla pista di prova Yamaha nel mio camion, con la mia bici nella parte posteriore. Questo è stato. Nessuna bici di prova, nessuna bici da corsa, nessuna bici da allenamento; Avevo solo una bici. Avevo provato tutte le bici e mi piaceva la Yamaha. Ho semplicemente sentito che qualunque bici avesse attraversato la sezione whoops la migliore era la bici su cui dovevamo essere. Ho sempre odiato gli whoops. Il mio meccanico all'epoca, Tim Dixon, disse: "Se vuoi essere di nuovo Campione Supercross, devi essere il ragazzo migliore attraverso le urla". Sono andato da Ross Maeda di Kayaba e ho detto: “Voglio che tu imposti il ​​telaio e le sospensioni per me. Fai quello che pensi sia il migliore e capirò come guidarlo. Non ho intenzione di darti input. Voglio che tu mi dica quando passerà attraverso il meglio. ”  

QUELLO CHE È SUCCESSO DOPO? La mia velocità attraverso gli whoops è migliorata a passi da gigante. Andrei sulla pista di prova Yamaha e Jeremy avrebbe impostato il giro più veloce, e lo avrei abbinato. Sono stato amplificato per sfidare il mondo nel 2000. Poi una settimana prima del primo Supercross, stavo guidando sulla pista Supercross privata di Stephane Roncada e mi sono schiantato. Sono venuto in corto su un doppio e mi sono rotto entrambi i polsi. Era una settimana prima del primo Supercross. Non ci potevo credere! 

“DURANTE IL MIO TEMPO DI CORSA, DAVID BAILEY ERA SEMPRE DURO SU DI ME QUANDO ERA ANALISTA DELLA TV. LO ARRIVO ORA E RISPETTO LA SUA SCELTA
DI COME DESIDERA CHIAMARE LE CORSE. TORNANDO, ERA
GIUSTO LA MAGGIOR PARTE DEL TEMPO, INFORTUNAMENTE. "

PER QUANTO TEMPO È STATO RECUPERATO? Quando ero in ospedale, ero davvero depresso. Inizialmente ho avuto la sensazione che "questo era." Ma avevo ancora il team di gara con Bryan McGavran in sella alla 125 e Phil Lawrence che mi riempiva la 250. Sono andato al primo Supercross e il fuoco dentro di me ha detto: "Non è così che la mia storia finirà". La terapia fisica per rompere il tessuto cicatriziale e guarire le ossa era intensamente dolorosa. Ma alla fine mi sono ritrovato i polsi in buona forma. Quando finalmente sono tornato in sella, mi sono concentrato sui Campionati nazionali di motocross AMA 2000.  

CHE CI GUADAGNA AI NAZIONALI. Per prima cosa: Yamaha ha chiamato perché Jimmy Button, che stava guidando per il Team Yamaha sulla YZ426, ha subito un brutto infortunio in Supercross. Yamaha voleva darmi il suo passaggio sul quattro tempi. Ho sentito che con la mia tecnica e il mio stile sarei andato d'accordo sul quattro tempi. Abbiamo provato a mettere insieme un accordo ma non siamo riusciti a far funzionare i numeri. Ho deciso di attenermi alla mia produzione YZ250. Letteralmente, meno di una settimana dopo, sono andato a Glen Helen per la giornata di prove del giovedì. Tutti erano lì a prepararsi per il Las Vegas Supercross, mentre la settimana seguente era il primo AMA National a Glen Helen. Durante il mio terzo giro di prove mi sono avvicinato al traguardo fissato in terza marcia. Quando chiudo l'acceleratore per strofinare il salto, l'acceleratore si blocca. Mi ha lanciato molto in alto. Sono decollato come Superman e ho buttato via la bici. Ero così in alto nell'aria che quando atterrai ricordo di aver sentito tutta questa tensione attorno all'addome e alla schiena. Stavo guardando i miei stivali e non riuscivo a muovere i piedi. Ricordo di aver pensato: "Sono appena stato paralizzato".

Emig ha vinto 250 titoli nazionali consecutivi nel 1996 e nel 1997.

Cosa stava succedendo nella tua mente? Tutti mi correvano incontro e io urlavo: "Nessuno mi tocchi. Penso di essermi appena rotto la schiena. Non commuovermi; Sono appena stato paralizzato. " Ricordo di aver guardato la terra e di aver visto ogni granello di sabbia: sembravano massi. Poi ho iniziato a sentire dolore nella parte inferiore della gamba destra. Quello che so ora è che ho avuto una frattura composta  4 pollici sopra la mia caviglia. Ho rapidamente pensato: "Il dolore è buono, il dolore è buono". Ho iniziato a muovere le dita dei piedi. Sapevo che alla fine sarei andato bene, ma mi sono detto: “Non voglio più farlo. È finita." 

QUALI SONO STATI ESATTAMENTE LE LESIONI CHE FINE LA TUA CARRIERA? Ho dovuto mettere un'asta nella parte inferiore della gamba e una gabbia in titanio e aste nella parte posteriore per fondere tre vertebre.  

Ti sei ufficialmente ritirato dalla corsa, ma hai ancora avuto il tuo team. Abbiamo finito l'anno su Yamahas. Poi, a meno di un anno da quando Bruce Stjernstrom mi ha licenziato da Kawasaki, ha firmato i miei ragazzi come team di supporto Kawasaki. Penso che fosse orgoglioso di essermi preso la piena responsabilità delle mie azioni sul Lago Havasu, pubblicamente, personalmente e nelle interviste alle riviste. Non ho dato alcuna colpa a Kawasaki. Avevo firmato un contratto che diceva che avrei rappresentato me stesso e la società in un certo modo, e non l'ho fatto. Kawasaki aveva tutto il diritto di licenziarmi. Non ho nutrito alcun brutto sentimento. Un anno dopo, lo stesso ragazzo che mi ha licenziato ha detto: "Ehi, vogliamo che tu e la tua squadra torniate su Kawasakis".  

COSA È SUCCESSO AL TEAM? Inizialmente abbiamo avuto un ottimo affare con EdgeSports.com. Erano in anticipo sui tempi durante il boom delle dot-com. Ma, quando è successo il busto della Silicon Valley, sono stati coinvolti in questo. Quando abbiamo chiuso il team, Edge Sports ci ha dovuto $ 850,000 in pagamenti. Il nostro accordo con loro era di $ 750,000 all'anno - e spendevamo solo circa $ 400,000. Ho pensato: "È troppo facile. Il denaro cresce sugli alberi. Nessun problema." Poi all'improvviso, il denaro non è cresciuto sugli alberi. Stavamo lavorando a un accordo con l'esercito americano per la stagione 1992. Abbiamo avuto più incontri con i loro addetti al marketing e all'ultimo incontro con loro erano presenti.  

È STATA UNA GRANDE OFFERTA DI SOLDI? La nostra proposta con l'Esercito era un accordo triennale per tre milioni di dollari all'anno. A quel tempo, sarebbe stato uno dei maggiori budget dello sport - ed eravamo solo una squadra satellite. Ero tipo "Wow, è troppo facile". Quindi, abbiamo perso lo sponsor che avrebbe dovuto pagarci $ 750,000 all'anno e stavamo andando a ritirare l'esercito americano per $ 3 milioni all'anno. Avremmo due semifinali, una per il team di gara e una per l'ospitalità. Se questo suona familiare, è perché è quello che fanno le squadre ora. Avremmo avuto abbastanza soldi per comprare qualsiasi ciclista che volevamo. Poi è arrivata la telefonata che stavano abbandonando l'accordo e quando l'accordo non si è materializzato, ho detto: “Ho finito. Sto chiudendo la squadra. Devo solo rilassarmi ed essere in pensione per un po '. ”

QUANDO È INIZIATA LA TUA BROADCASTING TV? Ho fatto alcune trasmissioni televisive nel 2002. Sono entrato a far parte del team di trasmissione come reporter di pit, ma non volevo fare segnalazioni di pit. Volevo essere nella cabina di trasmissione. Come reporter di pit, a volte ero davvero a disagio. Non ero stato lontano dal lato agonistico delle cose abbastanza a lungo da avere davvero una prospettiva sullo sport. L'ho fatto per una stagione di Supercross e non è stata un'esperienza memorabile. Anni dopo, verso il 2006, quando è arrivata l'opportunità di unirmi alla squadra televisiva, ho colto al volo e ho iniziato la mia carriera di emittente. L'ho fatto per 12 stagioni ed è stata un'esperienza straordinaria. Abbiamo avuto una chimica così fantastica con tutti in onda, specialmente negli ultimi anni.  

HAI PORTATO UNA PROSPETTIVA MOLTO BUONA PERCHÉ ERA UN EX CAMPIONE CHE POTREBBE CRIFICARE I PILOTI MA NON PARLARE NEGATIVAMENTE SU DI LORO. Sono contento che tu lo riconosca. Ho sempre pensato che durante il mio periodo come pilota, David Bailey era così duro con me quando era analista televisivo. Ora capisco e rispetto la sua scelta di come avrebbe voluto chiamare le gare. Guardando indietro, aveva ragione quasi sempre, sfortunatamente. Non ho mai voluto dire che il ragazzo che è arrivato secondo è stato il primo perdente. Nessuno su una pista di Supercross è un perdente. Un ragazzo può finire 19 °, ma 19 ° contro i migliori piloti Supercross al mondo è qualcosa di cui essere orgogliosi. Volevo celebrare il ragazzo che aveva 19 °. Quante persone possono dire qualcosa del genere? Per fortuna, durante la mia permanenza nello stand, i fan hanno apprezzato ciò che ho portato alla trasmissione.

CARMICHAEL RICKY HA FATTO IL TUO LAVORO? Sì, quel coglione ha preso il mio lavoro! No, sto scherzando. Ricky è uno dei miei più cari amici e gli auguro il meglio. Quando il contratto di trasmissione si è trasferito da Fox Sports a NBC Sports, hanno deciso di apportare alcune modifiche al talento, non mi è stata offerta la posizione. Se non sarei stato io, avrei preferito essere Ricky.

QUAL È LA TUA VITA COME ADESSO? Sono super impegnato. Sto cercando di lavorare sodo e creare opportunità per me stesso in termini di business in futuro. Sono al mio 25 ° anno con Fox Racing / Shift MX. Lavoro con Husqvarna, che è un marchio fantastico con cui stare. Ho una collaborazione con i grip ODI che è stata una grande collaborazione. Adoro fare i contratti di trasmissione che ho con il Motocross des Nations e le trasmissioni MXGP. Negli ultimi due anni, Ricky Carmichael e io abbiamo creato un podcast chiamato "Real Talk 447", in modo che mi dia quell'outlet per avere ancora voce nel settore. Continuiamo a far crescere il podcast con ogni singolo spettacolo. Mi manca essere nelle trasmissioni di Supercross. Mi manca quella famiglia di collaboratori, l'eccitazione che deriva dall'essere nella cabina di trasmissione e l'anticipazione di ciò che accadrà.

SEI ANCORA UN FAN DELLO SPORT? A volte è stato difficile. Ho fatto un passo indietro quando non sono stato firmato per fare trasmissioni Supercross. Ho partecipato al primo Supercross solo l'anno scorso e, più avanti nella stagione, sono andato alla Monster Energy Cup, quindi credo di essere andato a due Supercross quell'anno. Avevo davvero bisogno di prendere le distanze da esso. Nel 2020 sono stato a più gare. Mi considero ancora un pilota. È così che mi identificherò per il resto della mia vita. È stata una vita piena, e spero di riuscire a rendere la mia aspettativa di vita ben oltre gli anni '80, quindi posso vedere i miei figli avere figli e fare più esperienze di vita, ma ti sto dicendo, se tutto è finito oggi, ho stato un uomo fortunato.

 

Bruce StjernstromSport di bordoJeff Emigintervista a jeff emigJeff MatiasevichJeremy AlbrechtKeith McCartyMark JohnsonmotocrossmxaRicky RickyRoy Turnermaggiordomo steveSUPERCROSS