MXA RETRO TEST: GUIDIAMO LE MOTO MX DES NATIONS 1998 DI CARMICHAEL'S, HENRY'S E DOWD'S

A volte abbiamo gli occhi appannati a pensare alle moto da motocros passate che abbiamo adorato, così come a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti accompagniamo in un viaggio nella memoria con i test della bici che sono stati archiviati e ignorati nei traguardi della MXA. Ricordiamo un pezzo di storia della moto che è stato resuscitato. Ecco il nostro test delle Motocross des Nations 1998 del Team USA.  

Non è strano come i tentacoli della miseria possano andare ben oltre la loro fonte? Mentre il Team USA creava i suoi macchinari e si dirigeva verso l'Inghilterra per correre il Motocross des Nations, il MXA la squadra di demolitori era in piedi sulla banchina di carico offrendo addio alla KX125 di Ricky Carmichael, alla YZ250 di John Dowd e alla YZ400 di Doug Henry. Non è stato tanto un "addio" quanto "fino a quando ci incontreremo di nuovo", perché non appena il Motocross des Nations fosse finito, le tre macchine sarebbero state imballate e consegnate al MXA equipaggio di prova.

Era un concetto geniale (al momento). Era un'idea da favola (all'epoca). È stato un colpo di genio allineare i test sulle moto che avrebbero vinto il Motocross des Nations del 1998 (all'epoca). 

La MXA ha testato le tre bici che hanno corso la MXDN del 1998 durante la gara di fango in Inghilterra.

Purtroppo, la sconfitta del Team USA alla MXDN del 1998 ha fatto impallidire tutti quelli della squadra americana. Quando le moto tornarono dall'Europa, erano un disastro sbriciolato: incrostato di fango, incrostato di vegetazione britannica e, purtroppo, dipinto con l'aura della sconfitta. Non c'è dubbio, il brivido di guidare le moto del Team USA era diminuito. Ma, mentre i guerrieri confusi venivano abbelliti, lavati, cerati e preparati per il loro MXA Durante la sessione di prova, l'equipaggio distrutto cominciò a vedere che queste non erano bici di sconfitta ma piuttosto di gloria. Testati sui campi fangosi dell'Europa, erano sopravvissuti "forse non conquistati", ma sicuramente non si erano inchinati. Il dominio del mondo non è deciso da una razza nel fango dell'Inghilterra più di quanto non si possa pretendere dalla vittoria in un arenacross. È guadagnato dalla coerenza, dalla determinazione e dall'esperienza nel mondo reale.

FONDAMENTI DI UNA GUERRA SANGUE

Ciò che rende le moto del Team USA così uniche è che sono biciclette senza piombo. In base alle regole di gara europee, il gas da corsa non è consentito. Affinché il Team USA possa competere contro il mondo, devono prima buttare via i loro motori da corsa americani (sintonizzati per un cocktail da 103 ottani) e sintonizzarli per funzionare con il gas della pompa. È un compito scoraggiante, in gran parte perché si svolge nel bel mezzo dei Campionati nazionali AMA, dove la forza lavoro è più magra, ma anche perché richiede più di un semplice drenaggio del serbatoio e il sollevamento della pompa.

Man mano che ogni moto veniva accesa, i piloti collaudatori Gary Jones, Larry Brooks, Jody Weisel, Tim Olson e Willy Musgrave hanno capito che eravamo stati viziati dal nostro successo al MXDN. Ora, dopo aver perso quattro degli ultimi cinque eventi, forse capiremo che non siamo definiti dalla nostra posizione relativa su una gerarchia immaginaria. Siamo il centro dell'universo del motocross. Sono i satelliti. Eventualmente, la miseria della nostra perdita non sarà dimenticata ma sarà invece usata come lezione oggettiva. Niente che valga la pena avere è facile. Abbiamo perso una gara in Inghilterra, ma non abbiamo perso il nostro orgoglio. Queste sono le bici del Team USA.

Pro Circuit KX125 di Ricky Carmichael.

GUIDIAMO IL TEAM SPLITFIRE KX125 DI CARMICHAEL DI RICKY

Il termoprotettore MXA l'equipaggio di prova ha guidato la bici di Ricky in molte occasioni e ogni volta ci siamo meravigliati della sua straordinaria potenza e della sua minuscola fascia di potenza. La banda di potere scelta da Carmichael è stretta, brusca, attira l'attenzione, difficile da usare e violenta. Non è né indulgente né flessibile. O vai duro o paghi il prezzo. Quindi, mentre ci avvicinavamo alla macchina da Motocross delle Nazioni di Ricky, ogni ciclista di prova si stringeva più forte la pelle, si metteva i guanti, si metteva la faccia da gara e si preparava a fare del suo meglio per tenere questo missile sul tubo.

Il motore Pro Circuit di RC era fluido ma veloce.

ROCKET EURO DI RICKY

Sorpresa! A differenza delle precedenti macchine RC, la sua bici del Team USA aveva in realtà una powerband che non richiedeva ogni grammo di concentrazione che un pilota potesse raccogliere. Grazie alle normative europee sul gas senza piombo, il motore Pro Circuit non aveva la stessa compressione delle centrali elettriche Ricky National e Supercross. Una minore compressione si traduce in un colpo meno potente nella gamma media e in una trazione considerevolmente più lunga nella parte superiore. All'inizio, i testisti non pensavano che la KX125 di Ricky fosse molto veloce. Ma ciò si è rivelato sbagliato. In effetti, tutti MXA il collaudatore era più veloce sulla Motocross des Nations di quanto non fosse stato sulla sua bici Nazionale.

Funziona alla perfezione.

Aveva una nota di scarico melodica ma piatta (invece dello staccato che abbaiava dell'ultima bici RC che abbiamo guidato), e rimase sul tubo molto più a lungo. I ciclisti di prova dovevano ancora affrettarsi da una marcia all'altra, ma se avessi premuto un cambio, un leggero tocco della frizione lo avrebbe aiutato a risalire nel mezzo. Mentre aveva meno corteccia, il suo morso era più sicuro. Afferrò il terreno e resistette per la vita cara.

Camera d'aria extra sulle forche.

È veloce come la sua bici AMA National Championship? No. Solo per pura potenza non lo è, ma, ad eccezione di Ricky Carmichael, pochi piloti al mondo potrebbero mantenere il suo interruttore della luce di serie sul tubo per più di qualche giro. La sua bici nazionale è più veloce (per un po '), ma la sua bici senza piombo è più coerente. La sua velocità non proviene da un'esplosione simile a un bazooka, ma dal ratto-tat-tat-tat di una mitragliatrice: ripetitiva, coerente e nella carne della curva.

Interruttore fittizio.

TELAIO DI CLASSE KX

A differenza della maggior parte delle bici dei National Champions, la configurazione di Ricky Carmichael è diventata relativamente amichevole: i suoi bar non sono al di là della norma dei ciclisti locali; le sue leve sono in posizione neutra; la sua sospensione, sebbene robusta, assorbe effettivamente i dossi invece di polverizzarli; e i suoi freni sono forti ma non permalosi.

Delle tre moto del Team USA, la KX di Carmichael è irta del pot-pourri di parti più complicato. Potrebbe essere perché il KX125 di serie ha bisogno di più aiuto, ma probabilmente è perché Pro Circuit non lascia nulla al caso. Testano ogni componente, provano a migliorarlo e poi lo ridisegnano per battere la nuova parte. La KX125 di Carmichael è l'epitome della moderna bici da lavoro.

Yamaha YZ400 di Doug Henry.

GUIDIAMO CON IL TEAM DI HENRY YAMAHA YZ400

Permettici di zampillare! Niente al mondo può prepararti per un giro sull'YZ400 di Doug Henry. È un'esperienza che cambia la vita. Dimentica tutto ciò che sai sui quattro tempi, perché la bici di Doug ti renderà un vero credente. Si strappa. Non solo in pista, ma strappa tutti i concetti esistenti di quanto possa essere buono un motore da motocross.

La Yamaha YZ400 di Doug Henry non è stata influenzata dalle regole europee senza piombo. I quattro tempi, per loro stessa natura, possono accettare una vasta gamma di cambi di carburante senza essere compromessi. Quando il MXA l'equipaggio distrutto è salito a bordo della YZ400 di Doug, stavamo guidando le sue moto Supercross, National e Motocross des Nations riunite in una sola.

Il motore Factory YZ400 era il ginocchio delle api nel 1998.

REINVENTARE IL THUMPER  

Questa bici oscilla. La risposta dell'acceleratore è istantanea. Rispetto a una YZ400 di serie, la bici di Henry è gutturale, potente, vivace e veloce. Mentre lo stocker prosegue con autorità, Henry attira l'attenzione con un dominio da dittatore. Mentre lo stocker si arrampica in un robusto midrange, Henry si lancia in una corsa bianca alle nocche. Mentre lo stocker tira costantemente fino a quando non arriva il limite di giri (a 11,200 giri / min), il limitatore di giri di Henry non entra mai (esiste ma con un regime di giri che non abbiamo mai sentito il bisogno di raggiungere). Considerando che lo stocker è agganciato e trainato, le mosche di Henry.

Quanto è buono? È il miglior motore di motocross del pianeta. Ci sono momenti in cui avresti giurato che era un due tempi. All'uscita degli angoli, una rapida rotazione del polso eroga un torrente di potenza a due tempi. L'impianto YZ400 di fabbrica con facilità, mentre i giri in rapido aumento ti convincono che si tratta di un volano leggero a due tempi. Quindi, proprio quando inizi a pensare che sia troppo zingoso, si appiattisce in un trattore e afferra il terreno come solo un thumper può fare.

Come lo fanno? Gli ingegneri Yamaha prendono dal motore YZ400 tutto ciò che non è assolutamente necessario, incluso il contrappeso. Il cambio a quattro velocità non è equipaggiato per l'alta velocità (ma i giri illimitati superano la maggior parte delle carenze di trasmissione). Il getto e l'accensione sono acuti e nitidi, ma la bici di Doug inizia al primo calcio. La potenza ha un ruolo importante nel trasformare la YZ400 di Doug Henry in un'arma fantastica. Anche se è solo una quattro velocità, partirà con facilità in terza marcia; ma, la diffusione del potere è più ampia rispetto allo stock YZ400 (e questo è ampio).

Airbox in fibra di carbonio con ammortizzatore Kayaba.

NELL'IMMAGINE DI HENRY

La maneggevolezza è eccezionale (la Yamaha YZ400 pesa meno di 230 chili e sembra), ma le impostazioni delle sospensioni esterne di Doug Henry sarebbero una normale configurazione Supercross da uomo. È rigido. Sao rigido che devi guidare duro per far muovere le forcelle e ancora più difficile avere la parte posteriore seguire il terreno.

Altrettanto estremo è il freno anteriore di Doug. Molto potente. È abbastanza forte da bloccare la ruota anteriore e farla scivolare all'ingresso in curva. Doug fa girare il pedale del freno posteriore in alto, il che aumenta la leva sul pedale posteriore, rendendo il fermo posteriore incline a un facile bloccaggio. Abbiamo imparato rapidamente a guidare duro e frenare piano.

Doug Henry ha vinto la prima manche al Motocross des Nations (solo per essere eliminato dal fango nella sua seconda manche), ma forse a Doug è capitato di trovarsi sulla moto vincente. Ecco quanto è bella questa bici.

Yamaha YZ250 di John Dowd's Factory.

GUIDIAMO IL TEAM DI JOHN DOWD YAMAHA YZ250

Si è parlato molto in Europa che l'America non ha inviato la sua squadra migliore al Motocross des Nations del 1998. Gli esperti europei hanno sottolineato il fatto che McGrath, Lusk ed Emig non facevano parte del Team USA (in gran parte a causa di infortuni), ma hanno mancato il punto. Per questo evento, su questa pista, in questo tipo di tempo, John Dowd è stato l'uomo migliore per il lavoro. Dowd è il maestro del fango americano (insieme al compagno di squadra Doug Henry). Dowd, che è stato arruolato dalla classe 125 per guidare una YZ250 in Inghilterra, è un 250 affermato pilota di notevole importanza.

Il motore di Dowd era veloce senza essere veloce.

L'ARMA DI SCELTA DI DOWDY

La Yamaha non è salita in cima al cumulo del motocross, che è dove si trova oggi, costruendo bande di potenza dragster che sputano fuoco, allungano le braccia e danno carburante. Il biglietto Yamaha per il big-time è stato punteggiato con una potenza ampia, facile da usare e gestibile. Che rende i pony beaucoup, mentre diffonde potenza su una gamma gestibile, è la ciliegina sulla torta.

Rotori solidi venivano fatti funzionare per il fango.

Proprio come la KX125 di Ricky Carmichael, la YZ250 preparata senza piombo di Dowd ha dato un pugno considerevole per ottenere un'ampia gamma di potenza utilizzabile. La moto Motocross des Nations di Dowd non è affatto un razzo. Morbido in basso, sale nella gamma media con un getto costante di potenza. La maggior parte dei testisti ha riscontrato che la fascia di potenza di fascia media e superiore è piatta. Sì, Virginia, ha tirato su un'ampia gamma di giri, ma non lo ha fatto con quell'entusiasmo da montagne russe di una moto da lavoro. Invece, ha prosciugato il suo potere.

Ampio, facile da usare e gestibile sono spesso eufemismi per lento. Sbagliato! La YZ250 di Dowd si muoveva con alacrità, ma lo faceva con una potenza da metronomo che non si registrava sul misuratore dell'adrenalina. È stato veloce senza essere veloce. Capace di saltare enormi voragini senza il decollo di un F-18. Veloce alla prima curva senza slittare o impennare. 

La powerband simile a quella di un operaio della moto Motocross des Nations di John Dowd ha permesso la MXA testare i ciclisti per andare veloce riducendo la sensazione di velocità a livelli che inducono meno paura. 

Fascetta al suo meglio.

TORNA DI NUOVO IN SELLA

Dowd ed Henry possono cavalcare per la stessa squadra, correre sulle stesse piste e utilizzare la stessa marca di sospensioni per lavori, ma non aderiscono alla stessa filosofia di installazione delle sospensioni. I tassi di primavera, il rimbalzo e la compressione di Dowd erano nel campo di gioco dell'uomo mortale. Una grande varietà di MXA i testisti, che non concordano mai sulle impostazioni delle sospensioni, erano d'accordo con la macchina equipaggiata con Kayaba di Dowd. Ha funzionato per tutti.

Le due moto del Motocross des Nations del Team Yamaha hanno mostrato un'incredibile dicotomia sullo sviluppo del motocross. Erano meno simili ai fratelli che agli estranei su un treno. Emozionante come la bici di Doug Henry era in sella, quella di John Dowd era banale. Doug YZ400 era un purosangue rispetto a John Clydesdale. Entrambi i cavalli hanno il loro posto nel mondo, ma dati i nostri druthers, preferiremmo tenere le redini di Silky Sullivan piuttosto che Old Betsy.

 

 

1998 motocross des nationDOUG HENRYJohn Dowdtest bici mxaRicky Ricky