MXA RETRO TEST: GUIDIAMO LA KAWASAKI SR2005 DI JAMES STEWART 250

WA volte ho gli occhi annebbiati pensando alle bici del passato che abbiamo amato e a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti portiamo in un viaggio nella memoria con i test in bicicletta che sono stati archiviati e ignorati negli archivi MXA. Ricordiamo un pezzo di storia della moto che è stato resuscitato. Ecco il test che abbiamo fatto sulla Kawasaki SR2005 di James Stewart del 250.

"Allora, dov'è il pulsante scrub?" è stata la prima domanda che abbiamo posto al team manager Kawasaki Bruce Stjernstrom quando il MXA l'equipaggio del demolitore è arrivato sulla pista di prova privata della Kawasaki. Bruce sorrise debolmente e disse: “Non ce n'è uno. James fa tutto da solo.

Per mesi, il MXA la banda ha cercato di mettere le mani sulla Kawasaki KX250 di James Stewart ‚ che, se equipaggiata con parti di lavoro, ottiene la designazione di fabbrica di SR250. Non abbiamo avuto molta fortuna‚ principalmente perché "Bubba" era impegnato a testare in preparazione per la serie Supercross 2005. Una volta iniziata la stagione, sapevamo che le nostre possibilità di trascorrere una giornata con la sua bici erano nulle, a meno che non fosse successo qualcosa di strano! E, per fortuna, è successo qualcosa di strano. James si è rotto il braccio a soli sette giorni dall'inizio della stagione 2005.

CON JAMES IMPOSSIBILE A GUIDARE LA BICICLETTA E MILIONI DI DOLLARI INVESTITI NEL VALORE PROMOZIONALE DELLA SQUADRA DI GARA, KAWASAKI È ARRIVATO ALLA REALIZZAZIONE CHE L'EQUIPAGGIO DI WRECKING MXA POTREBBE ESSERE IN GRADO DI PROVARE L'SR250 DI JAMES DOPO TUTTO.

Niente è meglio in movimento di un leggero e potente due tempi da 250 cc.

Con James incapace di guidare la moto e milioni di dollari investiti nel valore promozionale del team di gara, Kawasaki si è reso conto che il MXA Dopotutto, l'equipaggio del demolitore potrebbe essere in grado di testare l'SR250 di James. Sebbene i piloti vengano assunti per vincere gare motociclistiche, il vero motivo del loro impiego è rendere visibile il prodotto, migliorarne l'abilità e vendere motociclette al pubblico. Non puoi farlo stando in disparte, quindi il Team Kawasaki ha deciso che se Stewart non poteva correre con la moto, allora un test in MXA potrebbe essere la prossima cosa migliore. Manterrebbe la squadra di gara sotto i riflettori, mostrerebbe le prestazioni della KX250 e forse venderebbe motociclette.

SR sta per "Special Racer" e la Kawasaki di James Stewart è molto speciale. Con il motore funzionante, l'accensione programmabile, il carburatore di trucco, le sospensioni Kayaba funzionanti, i freni potenti, le piastre triple esotiche e i mozzi in magnesio, la KX250 di Stewart, una volta di serie, si trasforma in un introvabile SR250.

Il motore di James era un'astronave. È stato uno dei fumatori da 250 cc più veloci che abbiamo mai testato.

Quasi dal momento in cui si sono concluse le AMA 2004 Nationals del 125, James e il Team Kawasaki sono andati a lavorare sul motore KX. È ovvio che hanno fatto i compiti. Il motore è impeccabile. Uno scatto dell'acceleratore e senti quanto è potente il motore. Su una scala da uno a 10, la risposta dell'acceleratore è un 12. Il getto è nitido e, grazie all'accensione a caldo, il mulino Kawasaki di Bubba tira in modo pulito da molto in basso fino in cima. La maggior parte delle bici Supercross a due tempi da 250 cc ha bisogno di uno scatto di fascia bassa per alzarsi e superare le strette sequenze di salto di una pista da stadio. Un pigro powerband potrebbe essere disastroso. La bici di Stewart si è rotta. Mentre il KX di serie non si accende in modo pulito fino alla gamma media, l'accelerazione dell'SR250 è come un razzo. A scopo di confronto, abbiamo evocato immagini di guida della Honda CR2003 vincitrice del campionato 250 di Ricky Carmichael. La bici di RC aveva pugno e scatto ma richiedeva una rapida frizione a bassi regimi. Non così con la bici di Bubba. L'SR250 ha un sacco di fuorigiri e salta dal cancello di partenza come un gatto spaventato. Saremmo scioccati se Stewart non ottenesse colpi di buca in ogni Supercross che gareggia quando torna in azione. Ecco quanto sono buoni il pickup, la risposta e il controllo dell'acceleratore di questo motore.

Come con tutte le bici Supercross di livello Pro, le sospensioni di Stewart erano una storia diversa. Ci aspettavamo che le forcelle e l'ammortizzatore fossero solidi, il che era più che vero sull'SR250, ma non abbiamo mai veramente fatto i conti con il mix di sospensioni rigide e sottosterzo dell'SR. Non c'era dubbio che non stessimo spingendo la moto vicino ai limiti di aderenza come fa James, quindi abbiamo sfalsato il sottosterzo e l'incerta virata al gusto personale (gusto di James).

ALCUNI PILOTI DI FABBRICA PREFERISCONO CHE IL FRENO ANTERIORE ABBIA QUALCHE GIOCO IN PIÙ NELLA LEVA PER DARE AL FRENO UNA SENSIBILITÀ PIÙ MODULATA. NON BUBBA. IL SUO FRENO ANTERIORE HA AZIONATO MOLTO BRUTTAMENTE. UNA NOTA DI INTERESSE: JAMES GESTISCE UNA CONNESSIONE AL MODO PERCH E LEVA FRIZIONE AL MODO.

Ci è voluto un po' per abituarsi alla gestione dell'SR250. Girava meglio la ruota posteriore.

Abbiamo guidato bici da lavoro con impostazioni di manubrio e leve così lontane che non potremmo mai adattarci a loro (le barre basse e le leve alte di Ricky Carmichael sono esempi classici), ma Bubba è un ragazzo normale. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi di scoprire che le sue barre Renthal 997 TwinWall erano all'incirca pari con l'angolo dei tubi della forcella. E sebbene le sue leve fossero leggermente alte per i nostri gusti (sostanzialmente orizzontali rispetto al suolo), non siamo stati ostacolati da nessuna parte della sua configurazione personale. Alcuni piloti ufficiali preferiscono che il freno anteriore abbia del gioco in più nella leva per dare al freno una sensazione più modulata. Non Bubba. Il suo freno anteriore azionato molto bruscamente. Una nota di interesse: James gestisce un trespolo e una leva della frizione al volo di Works Connection.

Kawasaki utilizza una trasmissione a cinque velocità al posto della calza. Abbiamo già provato questi rapporti del cambio di fabbrica. Sono molto più utilizzabili dei rapporti di serie perché eliminano il divario tra la seconda e la terza marcia. La scatola del pignone a rapporti ravvicinati amplifica il duro colpo del motore SR. All'inizio delle prove, abbiamo scoperto che i nuovi rapporti consentivano cambi molto rapidi con tiri solidi da una marcia all'altra. L'SR250 si è collegato sorprendentemente bene su una partenza sterrata. Durante la pratica degli holeshot, non siamo riusciti a tenere basso l'avantreno. La bici sembrava avere la potenza di una 450F, solo che si è accesa più velocemente. La bici di Stewart è un ottimo esempio del perché 250 due tempi non scompariranno presto dal Supercross.

La bici era disseminata di parti in magnesio.

Abbiamo adorato la bici di James, anche se eravamo più innamorati della sua fascia di potenza, frizione e cambio che delle sue sospensioni e maneggevolezza. L'SR250 aveva una potenza più che sufficiente, era estremamente leggero e aveva quell'odore nuovo di zecca (aveva solo una gara quando l'abbiamo guidato). Il pacchetto complessivo è stato impressionante e la moto di certo non tratterrà James dal vincere le gare quest'anno.

Quanto a noi, useremo solo la scusa che non siamo riusciti a saltare tutto sulla pista di prova Kawasaki che James salta perché non siamo riusciti a trovare il pulsante magico di scrub.

Kawasaki KX2005 del 250JAMES STEWARTLa Kawasaki KX250 di James Stewartmotocrossmxatest retrò mxaGUIDIAMO LA KAWASAKI SR2005 DI JAMES STEWART 250