INTERVISTA A NICK ROMANO: FARE GRANDI IMPRESSIONI DA RAGAZZA

INTERVISTA A NICK ROMANO: FARE GRANDI IMPRESSIONI DA RAGAZZA

Un aspetto della serie Lucas Oil Pro Motocross che attendiamo sempre con impazienza è vedere i nuovi debuttanti nella classe 250 poiché molti aspettano l'esterno piuttosto che il Supercross per diventare Pro. Uno di questi piloti è il pilota amatoriale dell'anno 2021, Nick Romano. A soli 17 anni, il nativo di New York è stato per un po' con il potente team Monster Energy/Star Racing Yamaha. Ora classificato undicesimo in punti nella corsa al titolo 250, puoi aspettarti che Romano migliori solo. Abbiamo incontrato Nick per avere la sua opinione sul suo impressionante debutto e sulla serie fino ad oggi.


DI JIM KIMBALL

NICK, COMINCIAMO CON IL TUO BACKGROUND. DA QUANTO TEMPO HAI STATO CON IL PROGRAMMA STAR? Da circa la fine del 2019, quindi sicuramente sono passati alcuni anni. Mi hanno firmato dopo il 2019 di Loretta. Sono passato direttamente dall'85 al 250f e da lì sono decollato. Ho avuto una buona carriera amatoriale con loro, e in seguito una super buona gara A con Minio l'anno scorso, e basta. Bobby (Regan, proprietario del team) diceva "andiamo a correre". Finora è stato fantastico con Star.

HA SEMPRE IN PIANO DI DIVENTARE PROFESSIONISTA QUESTA STAGIONE OUTDOOR? Direi di sì. Ho parlato un po' di fare Supercross, ma alla fine mi sono fatto male, quindi ci siamo concentrati solo sull'esterno. Avevamo programmato per un po' la serie all'aperto di questa estate.

Due dei piloti più giovani in battaglia, Max Vohland e Nick Romano.

TORNA A CASA A NEW YORK, COME TI SEI ALLENATO? Fino a quando non sono entrato in Star, ero solo da solo. Eravamo solo io e mio padre. Una volta firmato con Star, mi sono trasferito direttamente in California con la squadra e sono rimasto lì per circa un anno e mezzo. Vengo da New York e all'epoca vivevo in Florida e New York. In California abbiamo percorso tutti i circuiti pubblici. Ora ci siamo trasferiti nella vecchia fattoria delle capre. È stato divertente guidare con tutti i ragazzi della fantastica mescola di Ricky. È stato fantastico.

È LA STAR RACING YAMAHA DELLO SVILUPPO DA AMATORIALE A PROFESSIONISTA IL MIGLIORE. Credo di si. Ovviamente, quando sono entrato in squadra, ero in classe B e A e mi hanno preparato bene per diventare un professionista, e questo è sempre l'obiettivo finale di diventare un pilota professionista di dirt bike e vincere campionati per loro. Ma devi farlo passo dopo passo. Il mio allenatore Gareth Swanepoel e Bobby Reagan, credete in me, quindi è bello guidare per la migliore squadra qui nel paddock con tutti che credono in te.

L'ATMOSFERA DI ESSERE INSIEME IN SQUADRA È DAVVERO BUONA? Sì, con l'allenamento insieme, non troppe altre squadre lo fanno. Direi che alcuni stanno cercando di copiarci. Solo pedalare insieme ogni singolo giorno e allenarsi insieme, è grande pensarci.  

A PALA SEI IN ANTEPRIMA NELLA SECONDA MOTO, COME ERA COME ERA? Era pazzesco di sicuro. Uno dei miei semi più forti sono le partenze, ma voglio dire, uscendo dal primo turno per primo, non pensavo di essere il primo nella mia prima gara Pro. Era malato. In testa 2-1/2 giri ed essere tra i primi cinque per un po' lì, ma sfortunatamente mi sono stancato. Queste sono le cose che devo imparare, giusto? Quel ritmo è nodoso in avanti con tutti quei campioni. Era qualcosa che non dimenticherò mai di sicuro.

Nick si è intrufolato in testa al gruppo all'inizio del primo round della stagione 2022.

TU ERA IL CAPO DI JETT LAWRENCE. Alla guida di Jett e dell'intero branco, è stato fantastico. Volevo solo uscire e vedere cosa potevo fare. Quel ritmo è molto diverso dalle corse amatoriali. Hai 20 ragazzi che sono la tua velocità. Da dove corro, forse ci sono solo uno o due ragazzi che sono veloci. Era così diverso. Ho imparato molto e ho rivisto quella gara probabilmente 15 volte, solo cercando di capire alcune cose. Ho provato alcune cose sulla mia bici lo scorso fine settimana. So cosa devo fare per rimanere lassù più a lungo e vedere cosa posso fare in anticipo.  

Sia Nick che Nate Thrasher usavano pneumatici da sabbia.

Eri a disagio in anticipo, sapendo che sarebbero arrivati ​​tutti? È difficile da esprimere a parole. Fare l'holeshot nel mio secondo drop di gate pro in assoluto è stato piuttosto selvaggio. È stata un'esperienza pazzesca. Quel primo giro, non stavo nemmeno pensando, stavo solo mandando. Sono arrivato per primo al traguardo e ho condotto altri 1 giro e mezzo prima di fare un piccolo errore e Jett mi ha preso. Poi, ho solo cercato di infilarmi dietro quei ragazzi e vedere come hanno guidato la pista. Nelle gare professionistiche devi andare veloce, ma pensa allo stesso tempo alla pista. Nelle corse amatoriali, le manche sono così brevi che devi martellarle e colpire qualsiasi linea tu voglia. Ci sono così tante cose che ho imparato solo guidandolo. Correre con quei ragazzi, è stato surreale.

Nick è anche riuscito a trovare alcune battaglie con 250 veterani come Jo Shimoda.

ORA DEVI RIPETERE. So che posso farlo. È così presto nella mia carriera, ho 17 anni. So cosa devo fare per essere più in alto e vedere cosa possiamo fare per il resto della stagione. 

È STATO BENEFICO GUARDARE IL REPLAY DELLA GARA E TROVARE AREE IN CUI PUOI MIGLIORARE? So di avere quella velocità grezza, la sto solo inserendo per 35 minuti. Quello verrà. Ho solo bisogno di qualche altro holeshot e del tempo per andare avanti con quei ragazzi.

Scegli una linea.

DA AMATORIALE HAI PERCORSO QUALCUNO DI QUESTI TRACCIATI? Ho guidato Pala quando ho vissuto lì fuori per un po', ma non sono mai stato a Hangtown, non sono mai stato in Colorado. Sono stato a High Point una volta e sono stato a Red Bud una volta. Non sono mai stato a Spring Creek. Non sono mai stato a Southwick. Non sono mai stato a Unadilla. Sono tutti nuovi per me. È pazzesco quanto devi imparare nella classe 250 quando ti alleni con la tua bici, te stesso, la pista, per gelare con il tuo meccanico. Ci sono così tante cose da imparare, come ottenere un giro veloce per il gate pick. È difficile da esprimere a parole. Il mio obiettivo principale è quello di essere su ogni pista e ottenere quanta più esperienza possibile per un anno o due.

HO VISTO TE E I TUOI COMPAGNI DI SQUADRA ALL'AEROPORTO, SEMBRAVA CHE ANDATE TUTTI D'accordo. Siamo tutti molto vicini. Justin Cooper ed io veniamo entrambi da New York. Siamo cresciuti insieme. Quando Levi Kitchen è entrato nella squadra, si è trasferito da me e siamo diventati molto vicini. Lo stesso con Nate quando è entrato in squadra, si è trasferito con me. Il nostro rapporto è decisamente abbastanza buono per una squadra di motocross. Vogliamo la stessa cosa ogni sabato, ma con la squadra più giovane, è molto più facile. Non c'è un grande divario di età. 

PENSA A TUTTA L'ESPERIENZA CHE HANNO I COMPAGNI DI SQUADRA 450 STAR. Tomac è una leggenda. Dylan ha vinto tre campionati e Christian ha appena vinto quel titolo Supercross, quindi ci sono campioni intorno a me a cui è bello pensare. Hai dei tipi tosti su Star Racing. 

HAI QUALCHE ASPETTATIVA IN MENTE SU DOVE FINIRAI? Non avevo aspettative per il Pala perché era la mia prima Nazionale in assoluto. Penso di poter essere facilmente tra i primi dieci anche con quanto il field sia accatastato in questo momento. La squadra non ha fatto pressioni su di me. Tutta la pressione viene da me, davvero.  

Nick prende una manciata di acceleratore al Fox Raceway.

IN QUESTO MOMENTO SEI CONCENTRATO SULL'OUTDOOR, MA COME TI PIACEREBBE DEL PASSATO A SUPERCROSS IL PROSSIMO ANNO? Penso che farò bene in Supercross. Sono stato un po' su Supercross a dicembre, e tu fai un giro sprint, o un segmento di tempo ed ero proprio lì con Craig e tutti quei ragazzi. Si tratta solo di fare quell'esperienza e fare i giri che non ho ancora. Adoro i Supercro. Essendo che è solo un evento principale di 15 minuti, è molto più breve, sotto le luci con i fan che riempiono lo stadio. Penso che farò benissimo in Supercross. 

HAI AVUTO UN DEBUTTO PROFESSIONALE ABBASTANZA IMPRESSIONANTE E IMMAGINEREBBERO CHE TU STAI SOLO PER MIGLIORARE. LE COSE VA BENE? Le cose stanno andando davvero alla grande e sto facendo quello che amo, guidando la mia moto da cross qui fuori con le corse professionistiche. Cerco solo la progressione ogni fine settimana. Usciremo domani e torneremo a pedalare. Sono super entusiasta di Red Bud e del resto della serie.

Vedremo il debuttante in testa al gruppo più spesso con l'avanzare della stagione?

colloquioJim KimballINTERVISTE MXANick RomanoIntervista a Nick Romanostella da corsa yamaha