BEST OF JODY'S BOX: SHAKESPEARE NON POTREBBE SCRIVERE UNO SCRIPT MIGLIORE DELLE GUERRE MOTO SETTIMANALI

Di Jody Weisel

Per molte persone, i moderni piloti professionisti di motocross sono l'equivalente umano del vitello: coccolati, coccolati, ben nutriti, ignari del mondo che li circonda e cresciuti per la macellazione. Si nascondono nei loro semi-camion, lontano dagli occhi indiscreti del pubblico, poi emergono, vestiti dalla testa ai piedi in un travestimento da arlecchino solo per svanire di nuovo nel mondo claustrale del grande impianto. Sono eroi, moto-rock-star; sopra la mischia.

Non sono sicuro di essere d'accordo sul fatto che gli atleti possano essere considerati eroi nel senso classico del termine. C'è qualcosa di superficiale in una società che pensa che tuffarsi più in alto, saltare più lontano, schiacciare meglio, cantare più forte o andare più veloce renda un atleta qualcuno che dovremmo emulare nella nostra vita di tutti i giorni.

Anche se abbiamo un folle desiderio di pensare a loro come figure eroiche, sono solo uomini che fanno un lavoro (e ricorda che questo è lo stesso lavoro che milioni di americani pagano per fare come hobby). ?Allora, perché li idolatramo? Siamo presi dal melodramma, dalla scenotecnica e dalla teatralità dell'atletica. Shakespeare non potrebbe scrivere una sceneggiatura migliore delle guerre motociclistiche settimanali. Sul campo di gioco ogni uomo lotta per superare gli ostacoli posti sul suo cammino: il protagonista lo fa con facilità.

PER IL PUBBLICO CHE LO ADORA, UNA STELLA DEL MOTOCROSS È COME UN EROE DI GUERRA, MA SENZA I PROIETTILI, IL SACRIFICIO, IL PATRIOTTISMO O LA RESPONSABILITÀ (SEPPURE HA UN'UNIFORME). L'EROICA SUL CAMPO DI GIOCO È IMPRESSIONANTE, MA NEL GRANDE SCHEMA DELLE COSE? NON SI RIPETERÀ TUTTO LA PROSSIMA SETTIMANA?

Per il pubblico che lo adora, una stella del motocross è come un eroe di guerra, ma senza i proiettili, il sacrificio, il patriottismo o la responsabilità (anche se ha un'uniforme). L'eroismo sul campo da gioco è impressionante, ma nel grande schema delle cose? non si ripeterà tutto la prossima settimana (e questa stessa saga non si svolgeva settimanalmente sul suolo americano dal 1968)? Il riconoscimento che meglio si applica alle stelle dello sport non è l'eroe, ma il vincitore. È conciso e non fa paragoni diretti con i vigili del fuoco negli edifici in fiamme oi marines che trascinano i compagni feriti fuori da uno scontro a fuoco a Fallujujah.

Gli storici concordano sul fatto che il ruolo dell'eroe americano sia cambiato negli ultimi decenni. Le aspettative del pubblico sono diverse rispetto a quando Lucky Lindy ha sfidato l'Atlantico. Grazie alla nostra invadente comunità elettronica, sappiamo molto di più sui nostri eroi sportivi che in qualsiasi altra epoca. Tomac, Webb, Roczen, Ferrandis, Anderson, Barcia e Sexton non possono avere la carta igienica attaccata alle scarpe senza che Internet pubblichi foto. Il contraccolpo è abbastanza ovvio: poiché abbiamo la capacità di sapere così tanto sulle stelle del nostro sport, in realtà ne sappiamo molto poco. Perché non possono rimanere puri e incontaminati in un mondo in cui chiunque abbia un computer può diffamare il loro personaggio,? prendono lo stesso percorso del solitario Howard Hughes.

In realtà, i fan del motocross non sanno nulla della star di oggi, tranne che guadagna un sacco di soldi, appare nelle pubblicità ed è qualcuno a cui vogliono essere proprio (fino a quando non inizia a perdere, nel qual caso vogliono essere proprio come qualcun altro). Troppa TV, troppe immagini lampeggianti, troppa stimolazione, tempi di attenzione troppo brevi e troppo poche vite hanno fatto sì che i fan trasformassero gli sportivi in ​​eroi di Betty Crocker (basta aggiungere acqua).?

La domanda a cui bisogna rispondere è chi sono gli eroi del motocross? Ho la mia lista personale, e sarà diversa dalla tua, da quella di Roger DeCoster o di tua zia Mildred perché non prende come base la velocità, le vittorie o il reddito. La mia lista si basa sulle qualità umane. Chi ha fatto la mia lista?

Quella mia vecchia banda. Da sinistra a destra: Bill Keefe, Lance Sallis, Steve wiseman, Jody Weisel, Mitch Payton, Mike Monaghan e Steve Ballmer ai tempi del Pro Circuit Husky.

Mitch Payton. Non puoi diventare il "grande accordatore del mondo" senza dedizione, duro lavoro e passione per quello che fai. Non penso mai a Mitch seduto su una sedia, penso a lui come a un ragazzo che non conosce limiti in ciò che può ottenere.

Doug Henry. La tragedia è la fucina che produce uomini d'acciaio. La storia di Henry è quella del superamento di epici capovolgimenti. Il coraggio di fronte a probabilità insormontabili è evidente.

Tony Di Stefano. Quando il tre volte campione nazionale AMA 250 Tony D è stato gravemente ferito, la sua carriera è andata in frantumi e la sua vita è cambiata in modo permanente, non ha mai perso un colpo. La vita dopo il suo incidente era la stessa di prima, e anche lui. È una lezione che attribuisce a Mitch Payton di avergli insegnato.

Bob Hannah. È facile mordersi la lingua e vomitare il doppio linguaggio aziendale. Hannah non ha mai preso la via facile. Ha camminato per la passeggiata, ma, soprattutto, ha parlato. L'uragano non ti ha mai lasciato a chiederti cosa ne pensasse.

Chuck "Feets" Minert a tutto gas, di lato tra le rocce con solo una barriera Armco tra di lui e nuota nell'Oceano Pacifico. Questo è ciò che è servito per vincere il Gran Premio di Catalina.

Piedi Minerto. Ha corso la sua prima gara motociclistica prima che io nascessi (ed è stato tanto tempo fa). Ancora più importante, il pilota ufficiale della BSA ha corso ogni settimana fino all'età di 83 anni. E ha fatto oltre 5000 gare con grazia prima di lasciarci.

Jim Weinert. Nessuno si allontana da un giro di fabbrica sui principi. Il Jammer lo ha fatto. Ha effettivamente concluso la sua carriera, ma devi amare un ragazzo che non lascia che uno stipendio gestisca la sua vita.

Mark Blackwell. Quando il destino ha dato a Mark i limoni, ha fatto la limonata. Una pietra nell'occhio ha concluso la sua carriera motociclistica, a meno che non si consideri vicepresidente di Suzuki, Husqvarna, Polaris e presidente di Victory Motorcycles.

Kevin Windham. Tutti hanno difetti umani, ma Kevin è l'unico corridore moderno a indossarli sulla manica. Lo amo per aver combattuto la buona battaglia contro i demoni che tutti noi affrontiamo.

Pete Snorteland. Non lo conosci, ma era uno dei primi cinque piloti AMA National che ha lottato con il cancro. Avrebbe corso, sarebbe stato operato allo stomaco, avrebbe corso di nuovo e si sarebbe operato di nuovo. Non l'ha mai menzionato. Ha dato la vita tutto se stesso (fino a quando non l'ha persa).

Travis Pastrana. L'incoscienza non squalifica una persona dallo status di eroe, specialmente quando viene eseguita in modo così affascinante, simpatico ed estroverso. Un Travis Pastrana più intelligente sarebbe un dieci volte campione nazionale AMA oggi, ma un sergente più intelligente Alvin York sarebbe semplicemente rimasto nella sua trincea della prima guerra mondiale e si sarebbe dimenticato della Medaglia d'onore del Congresso.

Ti potrebbe piacere anche