LE BICI CHE NON HAI MAI VISTO PRIMA: 1978 ANCILLOTTI CRH 125

L'Ancillotti CRH 1978 del 125 poteva essere equipaggiato con un motore Sachs o Hiro raffreddato ad aria.

Ernesto Ancillotti aprì un'officina per riparare e mantenere la prima generazione di automobili e motociclette nel 1907. Questa attività di ingegneria entusiasmò così tanto il figlio di Ernesto Gualtiero Ancillotti che, poco prima della seconda guerra mondiale, Gualtiero fece il suo apprendista presso una concessionaria Harley Davidson. Gualtiero amava le motociclette e divenne un pilota di sidecar di successo dopo la guerra. Lui, come suo padre prima di lui, ha aperto la sua officina motociclistica a Firenze, in Italia. All'inizio degli anni '1950 brevettò un telaio sospeso per Harley Davidsons.

La Sachs 125 era uno dei tanti motori utilizzati da Ancillotti negli anni '1970, tra cui Hiro, Tau, Beta e Moto Morini. L'airbox con rivestimento in vinile non era insolito negli anni '1970.

Fu affiancato in questa attività dai figli Alberto e Piero negli anni '1960, e iniziò immediatamente a costruire scooter da corsa Lambretta Innocenti, e Alberto stabilì il record mondiale per il quarto di miglio e il chilometro in volo. A metà degli anni '1960 stavano costruendo modelli Scarab Beta 50cc e 100cc e nel 1967 cambiarono la loro ragione sociale in Construzioni Moto G. Ancillotti e firmarono un accordo per utilizzare i motori Beta nelle loro dirt bike.

Nel 1973 il mercato era in forte espansione e Ancillotti aprì una nuova fabbrica a Sambuca Val di Pesa, alle porte di Firenze. Lì costruirono i loro telai e montarono i motori di Hiro, Sachs e Tau per far parte della crescente ondata di macchine fuoristrada. Si sono specializzati in biciclette da 50cc e 60cc e moto enduro con motori 50cc, 125cc e 250cc. La produzione è salita a 3000 unità all'anno. La produzione totale di Ancillotti dal 1968 al 1984 fu di 40,000 unità.

Il forcellone in acciaio stampato era sostenuto da ammortizzatori Marzocchhi sulle spalle.

Il vero successo arrivò quando iniziarono ad equipaggiare le loro moto con i motori a due tempi Sachs - e i parcheggi scolastici in Italia furono presto riempiti con le bici sportive gialle Ancillotti. Come per tutte le moto da cross europee a metà degli anni '1970, la nascita dei marchi giapponesi ha costretto Ancillotti a uscire dalla produzione motociclistica nel 1985.

Riemersero nuovamente nel 1992 quando Alberto Ancillotti iniziò a costruire vari modelli di bici da competizione con il marchio Ancillotti, ma l'azienda subì diversi passaggi di proprietà e la produzione si fermò nuovamente. Non è stato fino al 2004 che sembrava che Ancillotti sarebbe tornato in produzione quando hanno mostrato nuove moto da corsa al Salone del Motociclo di Milano, ma hanno costruito solo quattro modelli.

La nostra moto in evidenza è una Ancillotti CRH 1978 del 125, fornita con sospensioni Marzocchhi, motori a due tempi Sachs o Hiro 125cc, freni a tamburo e cambio a sei velocità. Ma abbiamo incluso l'Ancillotti CRH 1981 del 125 di seguito per mostrare fino a che punto l'azienda è arrivata in quattro anni, anche se avrebbero chiuso nel 1985.

Ancillotti CRH 1981 Cross del 125 era raffreddata ad acqua e utilizzava un motore Hiro. Sembrava molto una Suzuki RM125. Oggi Ancillotti è nota per le sue mountain bike, di proprietà della terza generazione della famiglia Ancillotti.

Il motore Hiro 1981 a sei marce raffreddato ad acqua, a valvola lamellare del 125.

Chiamato "Pull-Shock" da Ancillotti, il CRH 1981 del 125 era dotato di un collegamento a velocità crescente.

 

 

Ti potrebbe piacere anche