DIECI COSE SULLA TECNICA PREFERITA DAI PROFESSIONISTI

Josh Mosiman insegna ad alcuni giovani pistole.

(1) Esercitazioni tecniche. È divertente spendere tempo e denaro per montare la tua bici da cross con l'obiettivo di vincere la prossima gara, ma a volte il pilota ha bisogno di più aiuto della sua bici. Tutti ricordano la storia del padre di Gary Jones che ha messo la sua bici in terza marcia e ha tolto la leva del cambio per far capire a Gary che non tutte le curve sono un affare di seconda marcia? 

(2) Eli Tomac. Ai tempi, sporgere la gamba in un angolo era essenziale per controbilanciare la bici mentre si piegava per fare un angolo. Al giorno d'oggi, i migliori professionisti come Eli Tomac e Ken Roczen hanno tenuto i piedi sui pioli in tutte le curve più spesso. La tattica è iniziata nel motocross e si è persino fatta strada nelle curve strette e tecniche del Supercross. Con le moderne sospensioni e l'ergonomia del telaio, i ciclisti stanno imparando che non sempre hanno bisogno di una gamba in ogni angolo per ruotare la bici. Tenere i piedi sui pioli non è sempre il più veloce, ma fa risparmiare energia e aumenta il controllo in più curve di quanto pensi. 

(3) Ryan Dungey. Il "Dunge" ha attribuito la sua forma perfetta al trapano circolare. Guida semplicemente la tua moto in cerchio mantenendo la tecnica corretta, come i gomiti in alto, premendo la pedana esterna con le punte dei piedi e tenendo la gamba interna in alto. Consiglia di andare finché non si è stanchi e poi di cambiare direzione. Non hai bisogno di un solco per questo; qualsiasi parcheggio sterrato funzionerà. Non è molto divertente, ma Ryan ci ha detto che avrebbe voluto farlo di più. 

(4) Trey Canard. Trey Canard e Ryan Dungey si sono entrambi allenati con l'allenatore di equitazione Shannon Niday nei loro anni amatoriali e hanno trascorso del tempo insieme a cavallo in Texas nel 2005 e nel 2006. A Trey piace creare un solco singletrack con il layout a forma di fagiolo. Sulla pista di curva stretta e tecnica, pratica i giri in piedi, i giri da seduti, i giri senza frizione, senza freni, normali e con i piedi sulle spine. 

(5) Jeremy McGrath. Il "Re del Supercross" era noto per le sue capacità tecniche di scendere e superare i salti in Supercross, e ha acquisito sicurezza e abilità avendo una pista Supercross nel cortile con salti ultra ripidi e transizioni impegnative; tuttavia, ha spiegato che gran parte del suo successo è derivato dalla capacità di fermarsi rapidamente. Ha lavorato sulle esercitazioni di frenata a casa in modo da potersi fermare più velocemente e più velocemente per fare una linea interna o tenere l'acceleratore più a lungo all'inizio per ottenere l'holeshot. 

(6) Insegui Sexton. Il giovane pilota della Honda 450 ha mostrato molto potenziale nel suo primo anno nella classe regina nel 2021. La sua esercitazione preferita richiede un lavoro veloce in moto. Rimuove la leva del freno posteriore e punta la leva della frizione verso l'alto, costringendosi a guidare senza di loro. Questo gli insegna a portare lo slancio attraverso gli angoli e a rotolare sull'acceleratore in modo più fluido. 

(7) Nathan Ramsey. Noto per essere stato il primo pilota a vincere un evento principale Supercross su una 450 a quattro tempi (2002 Honda CRF450 al Pontiac Superdome), Nathan Ramsey è ora allenatore di equitazione e team manager per i programmi KTM, Husqvarna e GasGas Amateur. Ha lavorato con Justin Brayton e altri top rider sin dai suoi giorni di gara, e ha chiamato il suo trapano preferito "il Barney Song, compresi i gomiti". Mette l'accento sul mantenere la posizione della testa centrale, le spalle allineate con la bici, i gomiti in alto, le ginocchia che si stringono e le punte dei piedi puntate verso l'interno.  

(8) Zach Osborne. Il Campione Nazionale 2020 450 non è noto per avere la tecnica più bella, ma per un pilota di bassa statura, fa il lavoro e funziona per lui. Gli piace avere una pista a forma di otto su cui guidare mentre si concentra sulle basi. La figura otto è più difficile di quanto sembri, con ogni angolo che ha un raggio di circa 250 gradi. Inoltre, ti costringe a esercitarti con la mano destra e con la mano sinistra allo stesso modo. 

(9) Mike Alessi. È facile per tutti, anche per i professionisti, farsi sorprendere a fissare il parafango anteriore quando si è stanchi fisicamente e mentalmente. Il primo obiettivo di Mike Alessi quando si lavora sulla tecnica è guardare più avanti. Guardare avanti dà al tuo cervello più tempo per elaborare ciò che sta facendo, il che aiuta in ogni aspetto della guida. Sulla stessa nota, quando impari un nuovo salto, fai del tuo meglio per guardare in alto dove atterrerai prima di colpire il decollo. 

(10) Jody Weisel. Editor MXA, Jody Weisel ha corso su moto più diverse di chiunque altro sul pianeta, raccomanda di concentrarsi sulle parti brutte e impegnative della pista durante la pratica. “Non tagliare la traccia per concentrarti sulle sezioni divertenti; tagliare la pista per concentrarsi su quelli difficili. Potrebbero non essere mai le sezioni divertenti, ma se non vai veloce nelle sezioni scomode, non andrai davvero veloce.

Ti potrebbe piacere anche