FLASHBACK FRIDAY | MICKY ERA UN DYMOND NEL RUGGITO

Micky Dymond era l'archetipo della star del motocross degli anni '1980. Ha raggiunto la fama quasi istantanea al sud della California Parco Saddleback, dove il bel ragazzo dai capelli lunghi da spiaggia è passato da principiante a professionista in meno di due anni. Ha catturato l'attenzione di Maico, che (sorprendentemente per una società tedesca) ha tenuto il dito sul polso di Saddleback a causa della sua reputazione nello sviluppo di star nazionali. Dopo alcune spettacolari gare locali a Saddleback su Maicos e Yamahas, Dymond ha firmato con il Team Husqvarna per gareggiare nelle classi 250 e 500 (finendo settimo nella Nazionale 1984 del 500) prima di essere inghiottito dal Team Honda per i National AMA 1996 del 125. Dymond ereditò la sua corsa in Honda quando il campione della 1985 del 125 Ron Lechien lasciò la Honda per la Kawasaki alla fine della stagione.

Con Lechien sparito, i 125 cittadini erano spalancati, con Dymond il perdente contro veterani affermati come Erik Kehoe, George Holland, Keith Bowen, Guy Cooper, Larry Brooks, Jeff Leisk e Eddie Warren. Prima che finissero le 11 gare del 1986, cinque di questi piloti avrebbero vinto 125 nazionali, ma Dymond ne avrebbe vinti tre e avrebbe vinto il suo primo campionato nazionale AMA 125. L'anno seguente, Micky avrebbe vinto cinque delle 12 gare per conquistare la corona del George Holland di Suzuki.

Nelle sue prime due stagioni su 125, Micky Dymond ha vinto due Campionati Nazionali AMA 125 consecutivi, ma è stata sia una benedizione che una maledizione. Secondo le regole esistenti, Dymond dovette passare alla classe 250 per il 1988, ma il Team Honda non aveva fiducia in lui, quindi lo liberarono (e assoldarono il concorrente Suzuki George Holland per riempire le sue scarpe nella classe 125). Peggio ancora, in quanto campione AMA 125, ha ipotizzato che sarebbe stato nominato nella squadra del Motocross des Nations del 1987. Non lo sarebbe stato, dato che una mossa di lobbismo ha messo Bob Hannah nella squadra di Unadilla e ha eliminato Dymond. Incredibilmente, il campione nazionale 125 era disoccupato.

Fortunatamente, il Team Yamaha stava ricostruendo. Keith Bowen stava lasciando la squadra per la Kawasaki e Jeff Leisk si stava trasferendo al Team Honda, lasciando solo Jeff Stanton e un vecchio Broc Glover alla Yamaha. Dymond era una scommessa, ma Yamaha non aveva nulla da perdere mentre aspettavano che arrivassero sulla scena Damon Bradshaw, Doug Dubach e Mike LaRocco.

Micky Dymond

Sorprendentemente, Micky divenne immediatamente la star del team Yamaha. Ha mostrato un fascino incredibile sulla nuovissima Yamaha YZ1988 del 250 (quella con l'ala del radiatore in stile YZM500). Sfortunatamente, Micky si è rotto una nocca in mano al secondo round della stagione Supercross del 1988 e ha lottato per il resto dell'anno. La sua fiducia fu infranta nel momento meno opportuno. Anche la sua stagione del 1989 fu un lavaggio. Nei suoi due anni al Team Yamaha, Dymond è arrivato ottavo e nono nelle 250 nazionali ed era tra i primi 10 in entrambe le serie Supercross.

La delusione di essere stata licenziata dalla Honda dopo aver consegnato loro due campionati e la mancata transizione alla classe 250 del Team Yamaha hanno messo Micky sotto una pressione tremenda. In risposta, ha iniziato a diventare un po 'boemo. Ha affermato di voler diventare un poeta e di essere in qualche modo rimosso dalla scena delle corse. Oh, è andato avanti, correndo cinque volte nel 1992 (dopo essere andato in Europa per una stagione) e provando la sua mano agli sport nascenti del freestyle e del Supermoto, ma era praticamente fuori dai radar. Nel 2017, tuttavia, Micky è tornato agli occhi del pubblico, collaborando con David Bailey, Doug Henry e Jeff Ward per competere nella gara ciclistica Race Across America lunga 3070 miglia.

Alla fine, Micky Dymond ha vinto sette nazionali AMA e segnato 58 piazzamenti nella top-10, ma gli storici del motocross si sono sempre chiesti cosa sarebbe successo se non si fosse rotto la mano in quel momento cruciale della sua carriera da professionista. È stata una fine molto improbabile per un eroe americano di motocross.

ARCHIVIO VENERDI FLASHBACK

Ti potrebbe piacere anche