FLASHBACK VENERDÌ | MXA VIETATO… SUZUKI PROVA IL TEST DRZ400

2000 Suzuki DRZ400.

Nel giugno del 2000, il braccio delle pubbliche relazioni diplomatiche della Suzuki Motor Corporation ne fece un annuncio unilaterale "Interrompe le relazioni con il Motocross Action Magazine". L'annuncio è seguito alla pubblicazione di MXA's 2000 test Suzuki DRZ400 nel numero di luglio 2000.

Un portavoce ufficiale per Motocross Action ha detto, "Siamo sorpresi dall'annuncio di Suzuki dato che non eravamo consapevoli di aver avuto rapporti con loro in primo luogo."

Giugno 14, 2000: "AL'americano Suzuki Motor Corporation (ASMC) ha annunciato oggi che cesserà tutte le relazioni con Motocross Action Magazine, pubblicato da Pubblicazione Hi-Torque, in base a ciò che ASMC ritiene siano pratiche giornalistiche sleali.

“Secondo Mel Harris, Vice President of Sales and Marketing di Suzuki, ASMC ha tentato di risolvere il problema con Motocross Action con scarso successo.

“Tra le altre cose, il ruolo di una rivista motociclistica dovrebbe essere quello di valutare in modo equo e obiettivo un prodotto e riferire sui suoi risultati. Riconosciamo e accogliamo con favore questo processo. Tuttavia, da troppo tempo Motocross Action è andata oltre i test oggettivi del prodotto e ha scelto di attaccare ingiustamente Suzuki come azienda, la sua direzione di marketing, i suoi team di corse e persino i suoi dipendenti. Riteniamo che questo sia oltre la portata di Motocross Action e ci opponiamo. La decisione di interrompere i rapporti con la rivista si basa esclusivamente sull'idea che non sosterremo il giornalismo di parte. L'americana Suzuki Motor Corporation interromperà la fornitura di Motocross Action con informazioni sui prodotti e sui prodotti, nonché sospenderà tutte le pubblicità.

"La nostra speranza è che Hi-Torque riconosca i problemi che stanno incontrando con Motocross Action e affronti in modo proattivo il problema. Se e quando l'azione Motocross inizierà un giornalismo equo e oggettivo, rivaluteremo la nostra decisione. Inoltre, non abbiamo litigi con altre riviste pubblicate da Hi-Torque e continueremo a riconoscere quelle pubblicazioni ".

SIAMO SERIO PER UN SECONDO

MXAIl punto di vista differiva notevolmente da quello di Suzuki, ma entrambi concordavano sul fatto che la relazione fosse stata tesa per più di un decennio. Il commento di Mel Harris, vicepresidente vendite e marketing di Suzuki, è quello di Suzuki "Aveva tentato di risolvere il problema con Motocross Action con scarso successo" era palesemente falso.

Suzuki non aveva mai contattato MXA di nulla. Qualsiasi contatto tra Suzuki e MXA era sempre stato avviato da MXA e in genere ha incontrato una risposta minima. Harris, che era il suocero di un editore di una rivista concorrente, non aveva mai parlato MXA su questo problema. In effetti, Suzuki non ha nemmeno inviato il comunicato stampa in cui si annunciava la rottura dei legami diplomatici MXA.

NON LA PRIMA VOLTA, NON L'ULTIMA

Va notato che questa non era la prima volta che Suzuki aveva "cessato i rapporti" con MXA. Non era nemmeno la seconda volta. Suzuki aveva ritirato le sue biciclette MXA più volte in passato, una volta per un periodo di due anni. A difesa di Suzuki, non è insolito che un'azienda si arrabbi per una brutta recensione del suo prodotto e provi a prendere la palla e tornare a casa. Ma non funziona. MXA  ha continuato a testare le motociclette Suzuki (proprio come l'ultima volta che siamo stati banditi dalla Suzuki)

TEMPO MALE ALLA ROCCIA NERA

Questo non era il momento migliore per Suzuki per iniziare una faida con la stampa, perché mentre la quota di mercato di Honda e Yamaha era cresciuta, quella di Suzuki si era ridotta. Secondo i sondaggi del settore del 2000, Suzuki rappresentava l'11.7% del mercato della concorrenza, mentre Yamaha aveva il 30% del mercato. In effetti, la Suzuki aveva solo la metà della quota di mercato (dal settembre 1999 all'aprile 2000) della moto da cross costruita in Giappone al terzo posto. Gli sforzi di Suzuki avrebbero dovuto essere spesi per migliorare le relazioni e non per iniziare una faida.

QUANTO BAD È STATO IL MXA 2000 PROVA SUZUKI DRZ400?

Il test Suzuki DRZ2000 del luglio 2000 400.

DALL'EMISSIONE DI MXA DEL 200 DI LUGLIO

Questo era il momento in cui i quattro tempi erano in aumento, la Yamaha stava rastrellando la pasta con l'innovativa YZ400 e, all'epoca, KTM era l'unico altro marchio a sollevarsi per competere nell'arena dei quattro tempi contro di loro . Tutti aspettavano di vedere cosa avrebbero fatto Honda, Suzuki e Kawasaki di fronte al successo della YZ400 (e della nuova YZ426), per non parlare della KTM 520SX, molto più leggera e potente. Pertanto, ogni nuovo quattro tempi era visto come un trampolino di lancio per la costruzione del prossimo nuovo quattro tempi da motocross e ogni nuovo quattro tempi doveva essere confrontato alla luce di ciò che stavano facendo Yamaha e KTM. MXA aveva testato i modelli fuoristrada XR e KLX di Honda e Kawasaki, e da loro aveva persino costruito moto da corsa su progetto da testare, quindi non stavamo mettendo la Suzuki sotto controllo che la loro concorrenza non avesse subito. Ad oggi, testiamo i "modelli X" di Yamaha, Kawasaki e Honda perché molte persone usano i loro modelli fuoristrada per correre in pista, quando non sono nel deserto, nei boschi o su terreni governativi. Dire che MXA era interessata alla DRZ2000 del 400 come esempio di ciò che Suzuki era in grado di fare con un quattro tempi era un eufemismo.

Ripensandoci, pensavamo di avere molte cose positive da dire sul DRZ2000 del 400. Ecco alcune citazioni di MXAIl test DRZ400 del numero di luglio 2000. Puoi essere il giudice.

"Pensaci! Suzuki ha passato due anni a progettare un quattro tempi con un alesaggio e corsa quasi identici, la stessa cilindrata, un carburatore Keihin FCR da 39 mm preso in prestito, un pulsante di avviamento a caldo trafugato, un peso dichiarato entro due libbre dalla YZ400F e un prezzo comparabile ( $ 5300) in modo che i riders possano utilizzare tutta questa tecnologia nelle corse di poker? Sii serio! I proprietari hanno gareggiato con la DR350 (e se mai una moto non avrebbe dovuto correre su una pista da motocross, era così). Ovviamente, si correrà con la DRZ400. "

“Il DRZ400 è piacevole. Se suona come una descrizione minacciosa di un appuntamento al buio, non preoccuparti. Questo è un appuntamento che ti piacerà. Ok, ammettiamo che la DRZ non è una bellezza delirante, una conversatrice brillante o una milionaria, ma ha una bella personalità, è divertente e non è troppo esigente. In verità, la DRZ è una bici "cerchiamo di essere amici". Non uno con cui avrai un'ardente relazione amorosa, ma piuttosto divertiti a passare del tempo fino a quando non sarai in grado di concludere l'affare con l'amore della tua vita (probabilmente un YZ426). "

“Quanto ha pesato? Sulle bilance estremamente autorevoli della MXA, pesava 260 libbre (nove libbre in più di una YZ-F e 21 libbre più pesanti di una KTM 520SX). ”

“Sorprendentemente, tuttavia, l'equipaggio del demolitore MXA ha apprezzato il motore. Anche se era più elettrico della combustione interna, premiava i motociclisti che portavano la velocità. Ciò premia il talento. Il DRZ premia i talenti con tempi sul giro slice and dice. È così lineare che la guidi come un'auto da corsa, scegliendo le linee, intagliando l'apice delle curve e rimanendo fuori dalle gare di drag di Top Fuel (dato che hai un carrello da golf di Tiger Wood e hanno la divertente macchina di John Force). "

"Dopo aver irrigidito le sospensioni in modo che la bici smetta di vedere segare in decelerazione, la DRZ400 scolpisce una linea abbastanza pulita attorno a una pista."

“Funziona caldo. Troppo caldo. I quattro tempi sono locali caldaie e il DRZ non fa molto per dissipare il calore. Abbiamo visto il Team Suzuki testare i DRZ400 con ali del radiatore di dimensioni enormi, interni speciali della pompa dell'acqua e targhe anteriori ventilate. ”

1999 Suzuki RM250--2
MXA ha scritto che la Suzuki DRZ400 era "un pacchetto migliore a tutto tondo migliore della 2000 RM250". (sopra riportati).

"Ci sono più scarabocchi, scatole, serbatoi di cattura, raddrizzatori e ninnoli che pendono da questo telaio rispetto all'albero di Natale medio."

"Sì, Virginia, è troppo morbido nell'assetto di serie per il motocross, ma il DRZ400 è un pacchetto completo migliore rispetto al 2000 RM250: meno nervoso, più prevedibile e meno impegnativo."

 

Ti potrebbe piacere anche