CRONACA DEL TEST RIDER DI MXA: CLARK JONES


COME SEI DIVENTATO UN PILOTA DI PROVA MXA?

Stavo correndo la classe 250 Pro a Saddleback Park. I ragazzi della MXA erano come un'istituzione a Saddleback. Un giorno mi chiedono di dare loro un feedback su un KX125 che stavano testando. L'ho guidato e ho detto loro quello che pensavo. Devono essere rimasti colpiti perché mi chiedono se avevo preso in considerazione l'idea di unirmi a loro come pilota di prova. Chi li rifiuterebbe? Avevano le migliori biciclette, le attrezzature più recenti, la migliore reputazione per i test ed ero felice di diventare un pilota di prova. È stato un grande momento.

QUAL È LA TUA MEMORIA MXA PIÙ MEMORABILE?

So che la maggior parte delle persone penserà che fosse sulla copertina di una grande rivista, ma si trattava più dell'amicizia con l'intero equipaggio. Ricordo che ogni anno andavamo alle Indian Dunes per le introduzioni di Suzuki. Suzuki tirava fuori tutte le bici del prossimo anno e le cavalcavamo, tenevamo gare estemporanee, facevamo gare per vedere chi poteva impennare più lontano e poi andavamo a cena dopo che la giornata era finita. Suzuki scattava fotografie e stampava un grande poster per tutti. Quei giorni sono stati i più divertenti.

CHI STA TESTANDO LE MOTO A MXA CON TE?

Questo è il classico ritratto di famiglia di tutti i tempi: i Pro Circuit Husky (41) di Clark Jones passano davanti al cognato, Ammex (194) di Gary Jones, al Superbowl del Motocross.

Il più delle volte eravamo solo io e Lance Moorewood, ma Lance era il figlio prediletto. Se fosse stato qualcosa di speciale, Lance avrebbe ottenuto l'incarico. Lance mi ha fatto fare molti salti che non avrei mai fatto se non l'avessi visto prima. È stato il primo ragazzo che abbia mai visto salire su una faccia da salto, calciare la bici in aria e atterrare sulla stessa faccia. Questo è stato anni prima che il freestyle fosse stato inventato.
PERCHÉ HAI FERMATO DI ESSERE UN TEST RIDER?

Nel 1983 ho assunto l'incarico di coordinatore dell'assistenza amatoriale / professionista Yamaha. Ho dovuto andare a tutte le gare Pro e ai grandi nazionali dilettanti. Non ho avuto il tempo di continuare a cavalcare per loro. Sono stato in Yamaha per sei anni e poi sono partito per iniziare Noleen. Ancora oggi vedo i ragazzi della MXA nelle grandi gare veterinarie.

 

Ti potrebbe piacere anche