L'ANGOLO DI SPORCO PIÙ BELLO E PIÙ SELVAGGI MAI COSTRUITO

Quattro anelli concentrici attorno al ponte Glen Helen.

Un sabato pomeriggio, dieci anni fa, l'editore del Dirt Bike Magazine, Ron Lawson, chiamò l'editore della MXA, Jody Weisel, e gli chiese se sarebbe andato in aereo domenica. Jody ha detto che dal momento che non stava correndo domenica che probabilmente avrebbe preso il suo aereo per divertimento. Quindi, Jody chiese: "Perché me lo chiedi?"

"Devi scattare una foto di questo turno che ho costruito per la gara di sei ore di Glen Helen Endurance", ha detto Ron.

"Dove si trova il corso?" chiese Jody.

"Non preoccuparti" disse Ron. "Lo vedrai."

La disposizione della terra. In questa foto puoi vedere dove scendono i cavalieri dal Monte. Sant'Elena (a destra) ed entra nei cerchi e dopo averli completati, esci dal ponte.

E Jody lo ha fatto. Queste sono le foto che Jody ha scattato mentre con una mano appoggiava il suo Varga e con l'altra scattava foto attraverso il tettuccio in plexiglass. I cavalieri entrano scendendo dal Monte Sant'Elena e passano sotto il lato sinistro del ponte. Dopo aver attraversato il ponte i piloti girano a destra, girano a destra, girano a destra, girano a destra e girano a destra. La pista in realtà fa quattro (contali) cerchi a 360 gradi prima di attraversare il ponte. Il ponte può sembrare piccolo, ma è stato sollevato dal porto di Long Beach anni fa ed è lungo 150 piedi, alto 15 piedi e largo dieci piedi.

Jody intinge un'ala e si dirige verso il selvaggio blu laggiù.

Ron non ha mai costruito un'altra curva con così tanti cerchi concentrici dopo quella perché molti ciclisti hanno avuto le vertigini che li circondavano. Si stabilì su due cerchi come il numero perfetto.

Ti potrebbe piacere anche