MOTO CHE NON HAI MAI VISTO PRIMA: YAMAHA BICILINDRICA YZ1975 DEL 125

LE BICI CHE NON HAI MAI VISTO PRIMA:
1975 YAMAHA
BICILINDRO YZ125

A prima vista non vedi niente di insolito, ma poi pensi di vedere doppio.

Le moto da cross bicilindriche sono rare e quelle di successo lo sono ancora di più. La gemella più conosciuta è stata la Gilera Bicilindrica del 1980. È stato corso dal pilota del GP d'Italia Franco Perfini e in alcune occasioni da Michele Rinaldi, ma non ha mai vinto un Gran Premio e si è rotto molto spesso. Honda realizzò anche un prototipo 125 bicilindrico, ma non vide mai la luce. La Yankee 500Z era costituita da due Ossa 250 top-end innestate su custodie speciali e montate su un telaio di fabbricazione americana. L'ultima moto da cross bicilindrica degna di nota è stata prodotta da Aprilia. Era un bicilindrico a quattro tempi da 450 cc che è stato corso da Manuel Priem e Josh Coppins nel 2010.

Ma c'era una moto da cross bicilindrica costruita con il supporto della fabbrica anni prima della Gilera, Honda o Aprilia. È stato costruito dalla Yamaha alla fine del 1974 — beh, in realtà è stato costruito da Ed Scheidler della Yamaha da zero.

Ed Scheidler ha realizzato un nuovo coperchio dell'accensione perché il coperchio del TA125 sporgeva troppo.

Scheidler ha lottato per Tim Hart, Pierre Karsmakers, Danny Turner e Broc Glover nei suoi giorni di gloria come meccanico di fabbrica Yamaha. Ha anche trascorso un anno sul circuito del Gran Premio, ma alla fine ha deciso di lasciare la strada e dirigere il reparto di test e ricerca e sviluppo Yamaha per i successivi 25 anni. Ed era l'uomo perfetto per il lavoro di guidare un prototipo attraverso i rigori dei test. È stato pilota motociclistico, veterano della marina, operaio siderurgico e saldatore che ha curato ogni YZ dal 1979 al 2003.

Per una moto da progetto Yamaha unica, è incredibilmente ordinata e pulita. Sembra che avrebbe potuto essere messo sulla linea di produzione la prossima settimana. Ma ha avuto alcuni conflitti di componenti.

La Yamaha era interessata a costruire un bicilindrico 125, ma non volevano che provenisse dal dipartimento di ricerca e sviluppo giapponese: volevano che fosse costruito per le corse americane. Ed Scheidler ha diretto il progetto nella vecchia sede Yamaha a Buena Park. Ed ha iniziato con un telaio monoammortizzatore Yamaha YZ1975 del 125 e un motore da corsa su strada, bicilindrico a cinque velocità, raffreddato ad aria Yamaha TA1974 del 125. Ed ha realizzato una nuova culla del motore, dalle pedane fino al tubo dello sterzo, e ha curvato ad arte i tubi obliqui per fare spazio alle doppie luci di scarico e ai tubi. Ha calcolato la posizione del motore nel telaio e ha saldato i nuovi supporti del motore. La sospensione è stata presa in prestito dal team ufficiale da corsa con un monoammortizzatore e steli della forcella abbassati.

I tubi obliqui dovevano fare alcune curve artistiche per aggirare i tubi doppi.

Durante i test ci sono stati problemi con il motore bicilindrico. I cinque problemi più importanti erano: (1) Non c'era spazio per un airbox (soprattutto perché le bici da corsa TA125 non avevano filtri dell'aria o un air box). Ed ha usato filtri in schiuma clamp-on per il motocross. (2) La leva del cambio TA125 è stata progettata per essere montata su pedane posteriori con un collegamento al piccolo albero del cambio: l'unica leva del cambio che si adattava al motore TA125 era molto corta. I collaudatori hanno lottato con la mancanza di leva finanziaria. (3) C'erano due scelte di cambio, il sei marce dalla bici da strada RD125 di produzione o il cinque marce dal corridore da strada TA125. Il cambio stradale e da corsa su strada era molto alto e Ed ha dovuto utilizzare una ruota dentata posteriore molto grande per far muovere il gemello YZ125 a bassi regimi. (4) La linea rossa era a 12,500 giri / min, molto alta per il 1975, ma come con la maggior parte dei motori da corsa su strada ad alta tensione, la potenza di fondo era molto ridotta. I collaudatori hanno dovuto mantenere lo slancio e lanciarsi in uscita di curva.

Il motore TA125 non era dotato di avviamento a pedale o avviamento elettrico. Potrebbe essere avviato con un bump avviandolo o facendo girare la ruota posteriore a mano con la bici sul cavalletto.

Ed Scheidler ha ingaggiato l'hot shot 125 Pro John Atwood e Mark "Mad Man" Lawrence per fare il test di guida sul gemello YZ125. La moto era fantastica sui rettilinei veloci, così veloce che poteva saltare su tutte le bici sulla sua strada mentre sfrecciava lungo i rettilinei, ma non poteva uscire da una curva con qualsiasi guida. Tutto quello che ha guadagnato sui rettilinei, ha rinunciato all'uscita di curva. Aveva bisogno di una nuova trasmissione, ma la Yamaha non era interessata a quella spesa e il programma di manutenzione serrato del motore da corsa su strada significava che aveva bisogno di nuove pedivelle a intervalli regolari - fortunatamente, le pedivelle erano economiche nel 1975 dollari. Ma due di tutto significavano maggiori costi di proprietà (e questo includeva i due tubi discendenti che venivano costantemente schiacciati nei berme).

Scheidler riteneva che il progetto avesse un potenziale, ma la limitazione della banda di potenza e della trasmissione TA125 significava che il passo successivo nella fase del prototipo sarebbero stati nuovi componenti e non c'erano motori o trasmissioni prontamente disponibili in grado di svolgere il lavoro. Il gemello YZ125 è stato spinto nel retro del negozio di corse per un paio di anni e poi è stato spostato fino a diventare un pezzo dimenticato della storia del motocross.

Mike Bell sul gemello Franks YZ125 all'Irwindale Raceway nel 1976.

Nel 1976 Kelvin Franks iniziò a lavorare su un progetto identico, utilizzando un telaio Franks Honda CR125 con un bicilindrico Yamaha TA125. Mike Bell era l'uomo incaricato di gareggiare. Mike ha detto a proposito del gemello: "Era un gemello Franks Yamaha TA125 sperimentale che Kelvin Franks mi ha fatto correre all'Irwindale Raceway nel 1976. Il motore ha fatto scattare una canna verso il salto più grande della pista, gettandomi oltre le sbarre in fretta ! È stato difficile tirare fuori quella cosa da un angolo, ma quando ha colpito il punto debole della banda di potenza era un razzo. Divertente e spaventoso! "

Mike ha corso solo quella volta a Irwindale ed è stato spinto nel retro del negozio di gare e dimenticato fino ad ora.

Ti potrebbe piacere anche