MOTO CHE NON HAI MAI VISTO PRIMA: MAZZILLI RCS 125

La prima serie della Mazzilli 125 era limitata a 90 macchine. Giorgio Mazzilli odiava che la maggior parte delle moto fuoristrada con cui correva fossero basate su macchine stradali. Ha costruito la sua bici da zero per essere una dirt bike.

Prodotta da Giorgio Mazzilli dal 1970 al 1976, Mazzilli Motorcycles mostrò una notevole innovazione per l'epoca, non ultima quella di posizionare su alcuni modelli l'aspirazione del filtro dell'aria sopra il serbatoio del gas per consentire alla moto di attraversare i fiumi senza fermarsi. Giorgio Mazzilli, ingegnere di formazione, è stato in gioventù un fuoristrada su Gilera, Capriolo e Laverda.


In Italia si tengono le Mazzilli Reunions ogni due anni. Si tratta del compianto Giorgio Mazzilli nel 2016.

Ha realizzato il suo primo prototipo di moto nel 1969, all'età di 40 anni, che utilizzava un motore Maico con un telaio di sua progettazione. Il suo piano era quello di costruire moto da enduro e da cross utilizzando motori a due tempi prontamente disponibili da Sachs. Dopo aver provato questo telaio con il motore Maico, ha costruito il suo secondo prototipo solo questa volta con un motore Sachs 125 a cinque velocità.

Questo è il modello enduro Mazzilli del 1972 con un motore Sachs e l'aspirazione per il carburatore Bing sopra il serbatoio del gas.

Mazzilli ordinò cinque motori Sachs, sia 100 cc che 125 cc, per costruire cinque macchine proof-of-concept che lui ei suoi amici avrebbero potuto gareggiare nel 1970. Visti gli ottimi risultati ottenuti nelle corse delle cinque moto, accese la linea di produzione e ha iniziato a fare una corsa di 90 motociclette per l'anno modello 1971. Nel 1972 Giorgio aggiunse la presa del filtro dell'aria al serbatoio del gas e ne produsse 100 esemplari. Pronto per la terza serie di Mazzilli, ridisegna il look per il 1974 e aggiunge un raccordo continuo sella-serbatoio.

1974 Mazzili 125 RCS con motore Sachs.

Mazzilli 1975 del 175 con serbatoio in alluminio lucidato, forcelle Ceriani, ammortizzatori Marzochhi, plastica Preston Petty e motore Minarelli.

Il 1975 vede l'arrivo del modello Mazzilli Tubone, così chiamato per la particolare forma della marmitta. La sua ultima serie di moto prevedeva serbatoi in alluminio e parafanghi, fari e parafanghi Preston Petty. Dal 1970 al 1975, Giorgio Mazzilli ha costruito macchine fuoristrada nelle taglie da 49 cc a 248 cc, comprese le RSC125 e le LHS125 enduro. Mazzilli ha prodotto in totale 400 macchine. C'era anche una 125 con motore Jawa nel 1972. Giorgio Mazzilli è morto nel 2017 all'età di 87 anni.

 

Ti potrebbe piacere anche