MOTO CHE NON HAI MAI VISTO PRIMA: MOTO TRANS-AMA RG1977 125

Prodotto a Pesaro, in Italia, e alimentato da un motore italiano raffreddato ad aria Hiro, il Moto Trans-ama era disponibile nelle versioni motocross ed enduro.

Trans-ama era un marchio motociclistico italiano, con sede a Pesaro, che iniziò nel 1977 a costruire moto da fuoristrada 50cc, 125cc e 250cc. I modelli 50cc utilizzavano motori Minarelli mentre il modello più grande utilizzava motori Hiro di fabbricazione italiana. Il modello di motocross Trans-ama è stato progettato da Edmondo Rossi attorno a un motore a due tempi Hiro 125. Utilizzava componenti per sospensioni Marzochhi ed era disponibile nelle versioni motocross ed enduro. Per problemi finanziari Rossi passa la proprietà ai Fratelli Campanelli. Il nome effettivo della moto è spesso scritto come Transama, Trans-Ama, Moto Trans-ama e Pesaro Transama. Questo marchio motociclistico italiano è durato dal 1977 al 1985.

Sebbene Moto Trans-Ama affermi di aver venduto le sue moto principalmente negli Stati Uniti, nessuno a MXA, passato o presente, ricorda di averne mai sentito parlare o di averne visto uno. Possiedi una Trans-ama?

La sua bici più conosciuta non era una moto da cross o enduro, ma le moto da trial Maltry Trans-ama 1978cc del 320 progettate in collaborazione con il campione di Trials Sammy Miller. La Trans-ama del 1978 disegnata da Rene Maltry per conto delle motociclette Transama di Pesaro. Equipaggiato con un motore Hiro da 320 cc, il motore da prova più influente dell'epoca. Il grande motore pende dall'enorme telaio della spina dorsale. Il serbatoio del carburante è sotto il sedile e necessitava di una pompa a membrana per fornire il carburante.

Ti potrebbe piacere anche