MXA RETRO TEST: NOI GUIDIAMO A TRE VELOCITÀ DI TIM FERRY 2002 YAMAHA YZ426

A volte abbiamo gli occhi appannati pensando alle bici del passato che amavamo, così come a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti accompagniamo in un viaggio nella memoria con i test della bici che sono stati archiviati e ignorati negli archivi MXA. Ricordiamo un pezzo di storia della moto che è stato resuscitato. Ecco il nostro test della Yamaha YZ2002 del 426 di Tim Ferry. 

Mentre guidavamo lungo Santiago Canyon Road verso la nuova pista di Saddleback per testare YZ426 di Tim Ferry, potevamo solo sognare quanto il raccolto attuale di quattro tempi avrebbe funzionato nell'originale Saddleback Park con i suoi angoli blu-groove e duro come la roccia sporco. La trazione extra dell'altro colpo di fuoco si sarebbe agganciata come una colla appiccicosa. Sfortunatamente, i nuovi quattro tempi si presentarono con circa 17 anni di ritardo per Saddleback Park.

La YZ2002 del 426 di Tim Ferry era equipaggiata con una trasmissione a tre velocità. È stata una gioia da usare.
Una YZ2002 di serie del 426 pesava 250 libbre, la bici di Ferry pesava 225 libbre.

Quando la regola di produzione fu messa in atto prima dell'inizio della stagione 1986, molti piloti di fabbrica piansero apertamente. Mentre era vero che solo gli eroi della fabbrica dovevano correre in bici da lavoro, il resto di noi doveva sbavare su di loro - e, naturalmente, MXA i testisti potrebbero sempre convincere i bigwigs della fabbrica che permettendoci di guidare le loro biciclette meravigliose porterebbe loro tonnellate di pubblicità. La fine delle moto da lavoro negli Stati Uniti è stata una giornata triste per i piloti ufficiali.

Lo scarico DSP era uno spin-off di fibra di carbonio LightSpeed.

Ma abbiamo un piccolo segreto da dirti. La Yamaha YZ426 di Tim Ferry, basata sulla produzione, è tanto complicata quanto qualsiasi altra bici da lavoro. Dimentica i serbatoi di alluminio martellati a mano di due decenni fa. Una bici da lavoro non è molto profonda; funziona fino in fondo. E lasciaci essere il primo a dirti che l'YZ426 di Ferry ha un nucleo che è anni luce diverso da un YZ426 di serie.

COS'È PESO?

Fuori dalla cassa, un magazzino YZ426 pesa ben 250 sterline. La bici di Ferry punta la bilancia a 225 sterline (o 102 chilogrammi per quelli di voi che sono passati al sistema metrico nel 1974). Questo è un risparmio di peso di 24 sterline. Incredibile! 

Con un budget illimitato, "Joe Racer" sarebbe difficile da trovare abbastanza parti leggere per avvicinarsi anche a 226 sterline. Quindi, come ha fatto Yamaha? 

(1) Fibra di carbonio. Tutto ciò che può essere realizzato in fibra di carbonio è realizzato in fibra di carbonio e questo include airbox, coperchio dell'accensione, coperchio frizione, supporti motore e guida catena. 

(2) Titanio. Yamaha ha rotto i bulloni in titanio, la molla ammortizzata, le molle delle valvole, gli assi, il sistema di scarico e le pedane. 

(3) Magnesio. I mozzi sono realizzati in magnesio, per non parlare di quasi tutte le parti che sono rimaste abbastanza a lungo da poter essere fresata una versione magnetica.

(4) Carter umido. Yamaha ha trasformato il motore YZ426 a carter secco in un carter umido. Nel processo, Yamaha si è sbarazzata di un mucchio di linee di olio, olio e beccuccio dell'olio sul telaio.

(5) Vernice. La Yamaha del Giappone non dipinge i forcelloni del team di gara. Saresti sorpreso di quanto pesa la vernice.

I tripli morsetti lavorati a CNC erano robusti. I supporti della barra erano rigidi.

QUAL È IL POTERE COME?

Al suo quinto anno sul circuito (anche quando la moto era una YZ400, Doug Henry ha corso una 426), la Yamaha ha quasi perfezionato il motore YZ426. Il motore è rimasto relativamente invariato dal punto di vista strutturale, ma le bande di potenza sono state costantemente massaggiate per adattarsi al pilota. Doug Henry era un tipo grugnito di fascia bassa. Jimmy Button non voleva altro che il massimo. E Tim Ferry atterra da qualche parte nel mezzo. 

La selezione della potenza del traghetto sarebbe perfetta per qualsiasi ciclista a quattro tempi con esperienza (mentre i neofiti potrebbero appoggiarsi al lato pulsante della scala). La powerband di Ferry ha una risposta per ogni domanda. Se vuoi portare la bici di Ferry, è più che disposto a rilassarti. Se il revving è la tua passione, il limitatore di giri è stato alzato di alcune centinaia di giri al minuto, quindi può urlare se è necessario. Se vuoi sentire il peso della potenza, tieni la bici di Ferry proprio nel mezzo. Tutto ciò che serve è un tocco della frizione fuori dagli angoli e uno spostamento per inviare la potenza salendo la scala.

Se ti stai chiedendo perché abbiamo volutamente detto "un turno", sei astuto. Non importa quanto sia difficile MXA i corridori di prova hanno provato, il massimo che potevano ottenere dall'YZ426 di Ferry era due turni. Perché? È una tre velocità. Ha solo la prima, la seconda e la terza marcia. Sì, secondo la regola di produzione AMA sarebbe illegale cambiare il numero di marce nella tranny, ma non è illegale bloccarle. 

A differenza della tipica bici Supercross, le sospensioni Kayaba di Ferry sono state morbide invece che rigide.

COME FUNZIONA UNA TRE VELOCITÀ?

Non abbiamo mai dovuto usare la prima marcia, quindi in sostanza la bici di Ferry è a due velocità. Abbiamo usato il secondo e il terzo la maggior parte delle volte (e, naturalmente, abbiamo provato senza successo a passare al quarto una volta ogni tanto). 

Abbiamo pensato che la tranny a tre velocità fosse la configurazione Supercross di Ferry, ma non così. Il tecnico Yamaha Steve Butler ci ha detto che l'unica cosa che fanno diversamente per l'esterno è lanciare un pignone posteriore più piccolo. Noi ci crediamo. Con l'accensione dei lavori e il limitatore di giri stappato, la bici di Ferry tirerebbe per sempre.

La YZ426 a tre velocità del traghetto potrebbe essere il motore più performante che abbiamo mai guidato. Non importa se sei veloce o lento, il potere è accessibile in ogni momento e nella quantità che desideri.

COME SI FERMA?

ponte MXA i ciclisti di prova si considerano esperti a quattro tempi, ma ci sono voluti solo due turni per fermare la bici di Ferry. Non è stata davvero colpa nostra; nessuno ci ha detto che la bici di Ferry non ha assolutamente una frenata di compressione. Siamo entrati in una curva calda, aspettandoci che il motore ci aiutasse a fermarci e abbiamo finito per soffiare attraverso il bermone. 

In che modo Yamaha si libera della frenata a compressione? Yamaha utilizza una frizione a pantofola molto costosa (e segreta) che consente alla ruota libera della bici di inerzia (la Honda cerca di ottenere la stessa cosa compensando l'albero motore rispetto al foro del cilindro). Perché hanno così paura della frenata da decompressione? Yamaha non lo è, ma i piloti a due tempi sono (e un team di fabbrica offre ai suoi piloti quello che vogliono). Dopo alcuni giri, ci siamo abituati al nuovo feeling e abbiamo iniziato ad amarlo, ma abbiamo la sensazione che la reazione sarebbe un po 'diversa se la Yamaha aggiungesse di nuovo i 24 chili che hanno tolto dalla bici di Ferry. Ruotare liberamente una bici pesante non è la stessa cosa di una ruota libera.

L'airbox LightSpeed ​​in fibra di carbonio era flessibile.

DI COSA SOSPENSIONI LE OPERE?

MXA i testisti hanno molta esperienza con le sospensioni di lavori. Abbiamo guidato le bici da lavoro di tutti i ciclisti che contano, la maggior parte delle volte diverse volte. Ma, la sospensione di Ferry ci ha fatto scuotere la testa. Non è un segreto che la maggior parte delle stelle di Supercross gestisca le loro sospensioni così rigide che puoi a malapena attraversare un parcheggio liscio senza sentire la scossa dei ciottoli. Il traghetto è esattamente l'opposto! Le sospensioni Supercross di Ferry erano così morbide da poter essere utilizzate da qualsiasi pilota su qualsiasi tipo di pista, come abbiamo dimostrato testando la bici Supercross di Tim su una pista all'aperto.

Le sospensioni anteriori e posteriori sulla bici di Ferry sono incredibili come il suo motore. Come Yamaha abbia inizialmente la sospensione Supercross così flessibile e non il fondo nelle difficili condizioni di una pista Supercross è un mistero.

Il jetting sul carb Keihin FCR è stato perfetto.

QUALI SONO I CONTROLLI?

Tim Ferry è nella media, almeno per quanto riguarda i suoi controlli. La curva della barra ProTaper era normale quanto la posizione del manubrio. Il posatoio della frizione funzionante era ricavato da un pezzo di alluminio massiccio e utilizzava una versione leggermente modificata della canna a regolazione rapida di serie. Ferry usa la leva di decompressione di serie, anche se la fa passare sotto il trespolo della frizione.

Non c'è nulla di speciale nel freno anteriore di Ferry. Sia il serbatoio che il cilindro principale sono sovradimensionati. Ferry gestisce la sua linea di freno in stile Honda e il suo rotore è un enorme 270 mm. La sensazione alla leva è forte ma non permalosa.

Il serbatoio del freno posteriore sembra simile a quello che viene fornito di serie sulle Honda del 2002, ma il serbatoio ha un volume di fluido maggiore per ridurre il surriscaldamento. La potenza e la sensazione del freno posteriore sono buone e dopo una moto di 30 minuti non si è verificata alcuna perdita di sensibilità del pedale.

I poggiapiedi del traghetto sono praticamente perfetti e grazie alla gente di DSP, puoi ottenere gli stessi poggiapiedi per la tua bici, indipendentemente dal fatto che sia una YZ o meno.

COSA PENSIAMO DAVVERO?

Se la Yamaha vuole abbattere la competizione a quattro tempi, tutto quello che devono fare è realizzare una versione di produzione della YZ426 di Tim Ferry. Se ci fosse un modo per reprimere l'eccitazione di andare in bicicletta che è più leggera di 24 chili rispetto allo stock (e di 10 libbre più leggera di una CRF450), la venderemo. Non c'è assolutamente nulla su questa bici che cambieremmo. La nostra unica domanda? Possono farcela entro la prossima settimana?

 

Ti potrebbe piacere anche