MXA RETRO TEST: GUIDIAMO IL CAMPIONATO 2015 DI ​​RYAN DUNGEY KTM 450SXF

A volte ci vengono gli occhi confusi pensando alle bici del passato che abbiamo amato e a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti portiamo in un viaggio nella memoria con i test delle bici che sono stati archiviati e ignorati negli archivi MXA. Ricordiamo un pezzo di storia del motociclo che è stato resuscitato. Ecco il nostro test della KTM 2015SXF 450 vincitrice del campionato nazionale di Ryan Dungey. dal numero di agosto 2015 di MXA.

"Chi mattiniero prende il verme". Quel proverbio si è dimostrato vero quando siamo andati a provare la Red Bull KTM 450SXF Factory Edition di Ryan Dungey. Il MXA Wrecking crew è dolorosamente consapevole che KTM ha una politica aziendale contro l'autorizzazione a qualsiasi test di moto da corsa nel mezzo di una serie, ma chiediamo sempre e Roger dice sempre di no. Poi chiediamo di nuovo, e Roger esita. Poi chiediamo di nuovo, e Roger è d'accordo; tuttavia, poiché Roger può scegliere il giorno in cui il team ufficiale non ha bisogno della moto, cade quasi sempre nel divario tra la serie AMA Supercross e gli AMA Nationals. Questo in realtà funziona bene per entrambi, dal momento che possiamo guidare una KTM funzionante all'inizio della serie AMA National, che poi appare in un numero, nel mezzo della serie AMA National 2015. Roger non infrange il no-no aziendale di KTM, ma possiamo testare la moto che Dungey sta correndo in questo momento.

"L'EARLY BIRD OTTIENE IL VERME." QUEL PROVERBIO SI È RIVEDUTO VERO QUANDO SIAMO ANDATI A PROVA DI RED BULL KTM 450SXF FACTORY EDITION DI RYAN DUNGEY. 

Questo ci porta alla bici da esterno KTM 450SXF di Ryan Dungey. Anche prima che Dungey spegnesse le candeline a Las Vegas per la sua ottava vittoria del Supercross della stagione, eravamo nelle orecchie di Roger. Ha offerto la bici Supercross vincitrice del titolo di Dungey, ma abbiamo rifiutato. Testare una bici Supercross sarebbe stato un ripensamento quando il test è uscito. Volevamo la macchina da esterno di Ryan. DeCoster, un uomo sincero fino all'eccesso, voleva fermarci a causa del mal di testa che sarebbe stato darci la moto di Dungey nel bel mezzo delle corse nazionali. Ma siamo stati persistenti e, dopo molte conversazioni, abbiamo messo le mani sulla moto da lavoro di Ryan. Quando Tom Moen e David O'Connor di KTM hanno scaricato la moto per noi nel giorno stabilito, abbiamo guardato a bocca aperta le parti di fabbrica, facendo l'inventario di ciò che era bello, unico e diverso dalla Factory Edition standard. Di seguito sono riportate le domande che volevi porre, insieme alle risposte a quelle domande scottanti.

QUAL È LA PARTE PI TRUCCA DELLA BICI DI DUNGEY? Il meccanico di Ryan, Carlos Rivera, ci ha informati sull'inganno. Potremmo andare avanti all'infinito sugli speciali elementi di fissaggio in titanio Met-Tek che sporcano la 450SXF, i freni Brembo funzionanti, il telaio ausiliario in titanio o il coperchio dell'accensione in magnesio. Certamente gli interni del motore, con l'albero a camme personalizzato e le valvole in titanio, farebbero eccitare qualsiasi riduttore. Per il MXA Wrecking crew, non c'è niente di meglio dell'ammortizzatore WP SXS Trax. È dotato non solo di regolatori di alta e bassa velocità, ma è dotato dell'esclusiva funzione di forcellino di KTM. Segui mentre spieghiamo le complessità di un sistema che esiste da anni ma è stato principalmente un segreto del settore a causa del suo aspetto furtivo. Che cos'è uno shock da abbandono? Internamente, l'ammortizzatore accelera il rimbalzo quando la ruota posteriore è sollevata da terra per assestarsi più velocemente e consentire al pneumatico posteriore di mantenere un miglior contatto con il terreno ondulato. Non appena la ruota lascia il suolo, una valvola si apre per far estendere l'ammortizzatore. È progettato per funzionare in piccoli tagli e dossi in frenata pur comprimendosi completamente e consentendo alla molla di sopportare il peso maggiore della forza su grandi colpi. Il sistema di ammortizzazione Trax è stato rivisto di recente per consentire al pilota di "bloccare" la funzione di forcellino a seconda della pista. Dungey non ha usato il forcellino in Supercross, perché ha avuto effetti negativi sull'ammortizzatore quando si tagliano gli atterraggi di salto o sotto un carico pesante. È selettivo su quali piste all'aperto utilizzarlo, preferendo il design del forcellino su piste dove la trazione è a un premio, come Hangtown e Glen Helen.

È difficile dire che dietro il magnesio e l'alluminio ci sia un propulsore che non può essere acquistato a nessun prezzo.

QUAL È LA PARTE PI UNICA DELLA BICI DI DUNGEY? Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che Ryan Dungey utilizza uno stabilizzatore di sterzo; tuttavia, cancella dalla tua mente qualsiasi idea di uno stabilizzatore ingombrante e invadente in stile Baja. Invece, il team KTM utilizza uno stabilizzatore Honda HPSD che viene fornito di serie su qualsiasi CRF250 o CRF450 di ultimo modello. Carlos Rivera monta il braccio stabilizzatore superiore su una staffa situata sul tubo di sterzo, con il braccio inferiore fissato alla piastra di fissaggio inferiore. Le piastre forcella Neken da 22 mm con supporto di montaggio HPSD sono progettate appositamente per la squadra. Dungey utilizza solidi supporti per manubrio alti 40 mm con una FatBar Renthal 821A. Conosciuta come la curva McGrath/Short, l'821 ha uno sweep minimo e si trova in basso. La "A" è sempre leggermente diversa dallo standard 821 ed è selezionata a mano dalla linea di produzione per Dungey. Viene quindi contrassegnato con una "A" e inviato al team Red Bull KTM. Un cliente non può acquistare l'821A, sebbene sia così simile all'821 standard che la maggior parte dei motociclisti non noterebbe alcuna differenza.

POI ANCORA, VINCERE OTTO GARE DI SUPERCROSS E FINIRE SUL PODIO IN TUTTE, MA UNA GARA DI SUPERCROSS AVRÀ QUESTO EFFETTO SU UN PILOTA. 

QUANTO PESA LA BICI DI DUNGEY? Sappiamo quanto pesava la bici Supercross Red Bull KTM 450SXF Factory Edition di Dungey, perché era pericolosamente vicina a infrangere il limite di peso obbligatorio dell'AMA. Carlos Rivera ha regolarmente pesato la KTM durante il Supercross per assicurarsi che fosse oltre il limite di 220 libbre. Carlos dice che il peso ha oscillato tra 221 e 222 libbre, anche se a volte è appena passato dalla pelle delle sue sartie. Perché? Per citare Rivera, "A seconda della pista Supercross, a volte le manopole si strappavano nell'evento principale, il che riduceva il peso complessivo della bici". I team di gara sono sempre alla ricerca di modi per ridurre il peso non sospeso e portare le loro 450 biciclette vicino a 220 libbre; KTM ha il problema opposto, grazie alla sua Factory Edition 450SXF.

La copertura del freno anteriore in fibra di carbonio Acerbis era di protezione, mentre la pinza Brembo da lavoro offriva una grande modulazione.

QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA LE SUPERCROSS DI DUNGEY E LE MOTO OUTDOOR? Carlos Rivera ha subito sottolineato la mancanza di grandi differenze tra ciò che Ryan Dungey ha corso per il titolo Supercross 2015 e ciò che sta guidando nella serie outdoor 2015. Rivera afferma che Dungey è rimasto così impressionato dal pacchetto gara che non ha variato molto nell'assetto della moto nel corso della stagione 2015. Poi di nuovo, vincere otto gare di Supercross e finire sul podio in tutte tranne una gara di Supercross avrà questo effetto su un pilota. Dungey non voleva scherzare con il successo, nonostante le differenze radicali tra Supercross e i Nationals.

Anche così, sarebbe masochista da parte di Dungey attenersi alle impostazioni delle sospensioni ultra rigide che usava al chiuso. Per il motocross, Ryan apre i clicker e usa le sessioni di qualifica mattutina per trovare il punto debole. È costantemente alla ricerca di una sensazione di leggerezza ed equilibrio tra le forcelle e l'ammortizzatore. Quell'ambientazione magica potrebbe essere scoperta dopo le prove libere o forse non prima della seconda manche. Dungey, Rivera e il team cercano sempre di colpire un bersaglio in movimento a causa delle condizioni della pista in continua evoluzione.

Anche il cambio è un'area di preoccupazione per Dungey. In Supercross, di solito correva con una combinazione di pignoni 14/52. All'aperto, è passato a un'impostazione della linea di base 14/50 e ha deviato da quella a seconda delle condizioni della pista e dell'altitudine. A Ryan piace un powerband liscio che non gli strappi le braccia dalle loro prese, ma ha ancora un po' di energia per garantire l'holeshot. Il suo ingranaggio esterno preferito, insieme a una configurazione del motore specializzata e un albero a camme su misura per Ryan, equivale a un propulsore paragonabile a un motore turbo-diesel che gira a 15,000 giri / min. Non è il potere spaventosamente veloce, potente ed esplosivo che presumi che il campione vorrebbe.

Le forcelle WP Cone Valve da 52 mm erano rigide nella parte iniziale della corsa, ma hanno resistito bene per il più veloce dei tester veloci.

QUALI AREE SI È CONCENTRATA KTM? Va da sé che un motore potente e sospensioni sintonizzate sul pilota sono della massima importanza per qualsiasi squadra per raggiungere il successo in pista; tuttavia, c'è un'area di preoccupazione che è più cruciale. L'incapacità di una bici di resistere ai rigori delle corse è dannosa per l'obiettivo di ottenere il massimo dei punti. Il team Red Bull KTM ha adottato misure scrupolose per garantire che non si verificasse un DNF. Chiesero a Brembo di realizzare dei tappi in alluminio per sostituire il carter frizione e i vetri spia della pompa freno posteriore. Il team ha scoperto durante i test che il vetro spia aveva la tendenza a rompersi a causa dei danni alla roccia. Questi eventi erano rari, ma KTM non stava correndo alcun rischio. Carlos Rivera ha anche montato una piastra paramotore in fibra di carbonio Akrapovic che ha protetto la pompa dell'acqua e il coperchio dell'accensione da eventuali danni. Un'avvolgente protezione freno anteriore in fibra di carbonio Acerbis protegge il rotore oversize Moto-Master Flame e il fondo della pinza Brembo factory. Sebbene la fibra di carbonio sia generalmente più leggera dell'alluminio, aggiunge ancora peso alla bici di Dungey; tuttavia, le guardie sono un'assicurazione contro il disastro.

DI COSA PARLA RYAN DUNGEY PICKY? A parte le sue impostazioni delle sospensioni, le speciali FatBar Renthal 821A e le impugnature morbide a mezza cialda Renthal, Dungey non è affatto esigente. Abbiamo guidato moto di fabbrica che sono state impostate in modo così funky che erano quasi impossibili da guidare (stiamo parlando delle moto di Ricky Carmichael e James Stewart). La configurazione di Dungey è a metà strada. Carlos Rivera ha detto che Ryan è facile con la frizione Hinson e può fare tre gare senza bruciare le pastiglie dei freni posteriori. Abbiamo notato che le leve del freno anteriore e della frizione di fabbrica erano considerevolmente più sottili delle leve standard e avevano anche una lucentezza opaca. Carlos ha ammesso che ci sono voluti tre mesi e molte modifiche prima che Dungey si stabilisse sulla sua forma di leva preferita. Le leve in alluminio billet hanno lo stesso rapporto di leva del calcio ma sono più sottili e leggere. Inoltre, la leva del freno è più corta in modo che Dungey non agganci la leva a una balla di fieno quando si prendono linee strette all'interno. 

Il team Red Bull KTM non voleva che nessuno sapesse che Dungey utilizzava uno stabilizzatore di sterzo Honda.

QUANTO È VELOCE L'EDIZIONE FACTORY KTM 450SXF DI DUNGEY? Saresti sorpreso di quanto sia stato facile guidare la bici di Dungey. Abbiamo guidato moto di fabbrica che erano così agitate che i collaudatori avevano bisogno di una doppia dose di caffè espresso prima di guidarle. Non così con la KTM di Ryan. È stato piacevole in basso, fluido ed efficiente nel mezzo e incredibilmente veloce agli alti regimi. Come deve sembrare strano che un motore funzionante funzioni così bene per una vasta gamma di livelli di abilità. Potremmo cambiare marcia o trascinare il motore a piacimento, e comunque il 450SXF non tremerebbe. Inutile dire che il propulsore di Dungey è il migliore nelle mani di un pilota abbastanza coraggioso da far respirare il motore ruotando il cavo dell'acceleratore. Tuttavia, un discreto numero di tester più lenti ha osservato che sarebbero stati felici di correre con il motore di Dungey, a patto che potessero lasciare dietro le solide forcelle WP da 52 mm di Ryan e l'ammortizzatore Trax.

COME ERA LA SOSPENSIONE DI DUNGEY? MXAIl tester di livello Pro è sceso in pista per primo sulla 450SXF di Ryan (questo è il vantaggio che deriva dall'essere veloci). È rientrato ai box diversi giri dopo e ha chiesto se KTM avesse commesso un errore con le sospensioni. La sua lamentela era che le forcelle erano troppo rigide per il motocross e dovevano essere uscite dalla bici Supercross di Dungey. Tom Moen ha risposto: “Vedi quell'acceleratore? Giralo più forte." Il MXA il collaudatore ha annuito ed è tornato in pista e ha preso a cuore le parole di Moen. Cavalcando con ritrovato vigore, MXAIl collaudatore di Pro si è fermato di nuovo dopo pochi giri, solo che questa volta aveva un sorriso stampato in faccia. Ha scoperto che le forcelle WP Cone Valve funzionavano meglio quando la bici ronzava a tutta inclinazione, perché la rigidità iniziale lasciava il posto alla morbidezza a metà corsa e all'incredibile resistenza al fondo. Per quanto il nostro collaudatore di livello Pro fosse affezionato alle sospensioni di Dungey, i piloti più lenti non avevano alcuna possibilità. Non potevano andare abbastanza veloci da sfondare la crosta. La forcella non si sarebbe mossa a meno che non fosse stata applicata una forza significativa.

I collaudatori professionisti sono rimasti entusiasti delle sospensioni di Dungey, mentre i piloti più lenti non sono riusciti a far muovere le forcelle; tuttavia, furono tutti d'accordo sul fatto che il propulsore fosse ampio e utilizzabile.

COME HA MANEGGIATO LA BICI DI DUNGEY? MXA i collaudatori amano come si comporta la nuova KTM 450SXF Factory Edition, ma come si comporterà quel telaio con forcelle ultra rigide e un motore sintonizzato in fabbrica? Si scopre che i piloti più veloci erano molto sicuri delle caratteristiche di maneggevolezza. Potrebbero tuffarsi all'interno su curve strette o portare velocità intorno a banchine esterne instabili senza controcorreggere o rallentare l'acceleratore. L'ammortizzatore Honda HPSD ha eliminato qualsiasi scuotimento della testa ad alta velocità senza appesantire l'avantreno. I tester più lenti hanno notato i vantaggi in termini di maneggevolezza solo nelle aree in cui le sospensioni, in particolare le forcelle, non rientravano nell'equazione.

CHE COSA ABBIAMO REALMENTE PENSATO? La maggior parte dei motociclisti si perderebbe nelle parti lavorative e nell'eccitazione di guidare una bici che solo pochi eletti hanno mai gettato una gamba; comunque, il MXA La squadra di demolitori ha testato più moto di serie di quelle di Carter che ha pillole per il fegato. Sorprendentemente, solo pochi si distinguono dalla massa, sia per le prestazioni impressionanti della moto sia perché era quasi impossibile da guidare. La bici da esterno KTM 450SXF Factory Edition di Ryan Dungey è un membro raro del primo gruppo, perché offriva qualcosa per tutti, non solo per il campione.

Ti potrebbe piacere anche