MXA RETRO TEST: GUIDIAMO LA SUZUKI RM-Z2009 DEL CAMPIONATO DI RYAN DUNGEY 250

WA volte ci si annebbia pensando alle bici del passato che abbiamo amato, così come a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti portiamo in un viaggio nella memoria con i test della bici che sono stati archiviati e ignorati negli archivi MXA. Ricordiamo un pezzo di storia del motociclismo che è stato resuscitato. Ecco il nostro test della Factory Suzuki RM-Z2009 250 di Ryan Dungey.  

Il più grande vantaggio di una bici di serie rispetto a una bici di serie è la disponibilità di diverse opzioni e le risorse per personalizzare la bici in base al pilota e alle condizioni. Ma c'è un malinteso comune che la qualità dei singoli componenti sia di gran lunga superiore a ciò che è disponibile per il pube. Non è che le parti di fabbrica siano realizzate meglio; è che sono realizzati su misura. Un Team Suzuki RM-Z250 non è poi così impressionante a prima vista. Suzuki fa molte più corse 450 sul palcoscenico mondiale rispetto a 250 corse e, di conseguenza, ci sono parti da corsa RM-Z450 più esotiche rispetto a pezzi RM-Z250. Le parti speciali che provengono da Suzuki del Giappone sono o le opzioni di prestazione (camme, telaietti, valvole) o parti leggere in titanio o magnesio. 

La Factory RM-Z250 di Ryan Dungey è stata una macchina a dir poco impressionante.

Che cosa la MXA L'equipaggio di demolizione ha imparato nei suoi anni di guida su moto da lavoro che la migliore moto ufficiale non è necessariamente la più esotica. La cura e il pensiero sono più importanti del flash e della finitura.

Salendo alla sua posizione nel Team Factory Suzuki direttamente dai ranghi Amateur, Ryan Dungey ha beneficiato dei test e del tempo di gara a bordo della sua Makita / Rockstar Suzuki RM-Z250. Le tre stagioni di corse professionistiche di Ryan non solo sono state di successo ma anche drammatiche. Nel 2007, ha imparato le basi e ha vinto il premio AMA Rookie of the Year. Nel 2008, Dungey ha combattuto per i campionati ma è arrivato secondo in entrambe le serie 250 indoor e 250 serie outdoor. Si presumeva giustamente che il 2009 sarebbe stata la sua ultima possibilità di guadagnare un piatto numero uno prima di passare alla classe 450 premier. Dungey è arrivato primo nella 2009 serie West Coast Supercross del 250 e nel 250 National Championship.

Prima che la stagione entrasse a pieno regime, Dungey ha annunciato che, vinto o perso, avrebbe detto addio ai suoi 250 dopo l'ultimo round a Steel City. In effetti, Dungey è passato immediatamente a un RM-Z450 per il Motocross Des Nations. La vittoria del campionato nazionale AMA 2009 250 è stato il culmine della carriera di Ryan Dungey nella 250F.  Era anche il momento perfetto per il MXA squadra per testare la Suzuki RM-Z250 vincitrice del Campionato Nazionale di Ryan Dungey.

L'RM-Z250 di Dungey è stato facile da guidare per i nostri tester grazie al suo stile di potenza veloce ma ampio.

ACQUISTA PARLA: RIPARLA

Ecco cosa abbiamo scoperto sul motore RM-Z250 di Ryan. Il cilindro, secondo le regole AMA, era di produzione. La testa è stata modificata dall'americana Suzuki. La manovella e le camme provenivano dalla Suzuki del Giappone e il pistone proveniva da CP Pistons (tramite Pro Circuit). La trasmissione era basata sulla produzione ma con un'attenzione speciale. I componenti del cambio passano attraverso un processo di lucidatura, e c'è un diverso ingranaggio a stella che scambia un po 'di efficienza sui cambi di marcia con cambi di marcia più fluidi. I componenti della frizione erano di Hinson. 

Sono stati utilizzati pignoni Tag Metals e una catena DID.
Che aspetto hanno le pedane di fabbrica.

Altri componenti includevano il carburatore Keihin, la candela NGK, lo scarico Pro Circuit, il doppio filtro dell'aria, le ruote dentate Tag Metals, una catena DID, oli Maxima e radiatori funzionanti e un'accensione dal Giappone Suzuki.

Dungey ha utilizzato pastiglie freno, pompe freno e pinze Nissin.

Nel reparto telai, siamo stati in grado di scovare alcune informazioni top-secret sulla moto del campionato. Le ruote sono composte da mozzi in magnesio della Suzuki del Giappone, insieme a cerchi Excel, raggi di serie e un asse di lavoro speciale. Per la potenza di arresto, la Suzuki di Dungey ha utilizzato pastiglie dei freni, cilindri principali e pinze Nissin. Il rotore del freno anteriore sovradimensionato, il rotore posteriore e la forcella del freno sono pezzi originali giapponesi. 

Il motore di Dungey aveva uno stile di potenza molto simile a quello di una macchina da 450 cc.

Le forcelle e l'ammortizzatore di Dungey erano componenti Showa A-kit con messa a punto RG3, mentre il leveraggio e le staffe triple provenivano dalla Suzuki del Giappone. Un punto notevole sulla configurazione dell'ammortizzatore di Dungey è un sistema di spurgo comune che consente all'olio di fluire liberamente durante i colpi di compressione e rimbalzo. Mentre uno shock tradizionale utilizza una valvola di ritegno per isolare i due, l'ammortizzatore di Dungey utilizza un design a spurgo aperto. 

Le rigide forcelle Showa A-kit sintonizzate RG3.

Manubri e manopole Pro Taper, grafiche e coprisella One Industries e pneumatici Bridgestone completano il pacchetto. La gomma posteriore Bridgestone era in realtà un'unità di lavoro che è appena diventata disponibile per i team di gara all'inizio dell'anno. Ha consolidato due diversi modelli di pneumatici per hard-pack Bridgestone in uno solo. È stato originariamente progettato per Supercross, ma è diventato il pneumatico preferito in molte piste con terriccio su una base dura, come il round finale di Steel City. La schiuma del sedile di Dungey, le leve, piastra paramotore, pedane e supporti in titanio e altro hardware in titanio provenivano tutti da Suzuki del Giappone.

Funziona con morsetti con barre Pro Taper.

TEST RIDE: PIN IT PER VINCERE

quando MXA prova una moto ufficiale, generalmente il meccanico del pilota e magari il team manager ci accompagnerà in pista per rispondere alle nostre domande e far girare le chiavi sulla moto. In questa occasione, Ryan Dungey ha deciso di venire con lui in modo da poter effettuare alcuni giri di prova sul suo RM-Z450. Ryan è uno dei ragazzi più simpatici del circuito e ha offerto informazioni inestimabili sulla moto della National.

Secondo Ryan, la prima cosa che controlla sulla moto sono il manubrio e le leve. Abbiamo notato che la sua leva della frizione era un po 'più in basso rispetto alla maggior parte, mentre la sua leva del freno era standard (anche se il suo meccanico ci ha informato che la sua posizione precisa varia di giorno in giorno). Da lì, Ryan ha detto che la configurazione degli pneumatici e delle sospensioni sono molto importanti per lui e spesso apporta modifiche durante il giorno. Ryan ha un taccuino pieno di ingranaggi, cam, volano e altre modifiche del motore che potrebbero aiutarlo in una traccia specifica.

Ammortizzatore Showa A-kit con messa a punto RG3.

In pista, il MXA i collaudatori sono rimasti immediatamente colpiti dalla potenza del roll-on. Mentre alcuni professionisti potrebbero sacrificare un'ampia banda di potenza per massimizzare ogni grammo di potenza in più, Dungey ha scelto di diffondere quel potere. La sua Suzuki ha prodotto una potenza solida nella gamma medio-bassa. Va notato che attraverso il midrange RM-Z250 di Dungey ha lasciato l'RM-Z250 di serie nella polvere. Il motore di Ryan girava liberamente e spingeva con forza attraverso il centro e verso l'alto. Alla fine, la potenza si sarebbe appiattita e i collaudatori avrebbero dovuto cambiare per mantenere l'accelerazione vertiginosa.

Cambiare brevemente, anche se non troppo presto, era come ricaricare un cannone. Ogni cambio, se eseguito sulla curva di coppia invece che al regime di giri massimo, si tradurrebbe in una scarica istantanea di accelerazione.

Pesce persico di fabbrica.

La pinza del freno Nissin e il rotore anteriore sovradimensionato erano cose da amare e temere. Il freno potrebbe essere inserito all'ingresso delle curve per fermare la bici in un attimo. Doveva essere rispettato, perché una contrazione accidentale del dito sarebbe stata pericolosa. Il potente freno anteriore ha permesso ai tester di andare molto più caldo nelle curve, mentre le forcelle funzionanti hanno permesso loro di farlo mantenendo la precisione sui dossi di frenata. Lo shock ha avuto una sensazione molto leggera al rimbalzo; aveva una sensazione esilarante e libera.

La bici di Dungey era comoda e ispirava fiducia, quindi i tester non hanno avuto problemi a saltare i grandi salti ... o tentare di saltare i grandi salti per essere più precisi. Le rigide sospensioni Showa di Dungey hanno compensato i nostri difetti e ci hanno salvato da eventuali incidenti, anche se abbiamo lasciato un bel posto quadrato nel suo cerchio anteriore (non ne aveva più bisogno comunque).

La moto che passerà per sempre alla storia vincendo il Campionato Nazionale 2009 del 250.

COSA PENSIAMO DAVVERO?

In teoria, il telaio RM-Z250 dalle curve affilate dovrebbe essere il miglior punto di partenza per una bici da corsa seria, poiché le sospensioni e la potenza sono le più facili da riparare. Non sorprende che questa sia la ricetta che Suzuki ha usato sull'RM-Z250 di Ryan Dungey. Il tempo di Dungey sull'RM-Z250 è stato ben speso e, a giudicare dalla banda di potenza della sua 250F e dal successo che ha già avuto sulla 450, pensiamo che sia una scommessa sicura che Ryan si sentirà a casa sul suo nuovo RM-Z450 .

Ti potrebbe piacere anche