MXA RETRO TEST: GUIDIAMO STEFAN EVERTS' 2003 FUNZIONA YAMAHA YZ-Fs

Di Tim Olson

WA volte ho gli occhi annebbiati pensando alle bici del passato che abbiamo amato e a quelle che dovrebbero rimanere dimenticate. Ti portiamo in un viaggio nella memoria con i test in bicicletta che sono stati archiviati e ignorati negli archivi MXA. Ricordiamo un pezzo di storia della moto che è stato resuscitato. Ecco i test che abbiamo fatto in Italia sul 10 volte campione del mondo Stefan Everts' Works 2003 YZ450F e YZ250F.

Tutto è iniziato alla gara REM settimanale di Glen Helen. Il MXA l'equipaggio del demolitore stava strizzando l'YZ450F e l'YZ250F e la Yamaha aveva inviato il suo team tecnico per aiutarci. E poiché Steve Butler, Doug Dubach e Terry Beal erano lì ad aiutare, hanno deciso di correre anche loro. Dopo le prove, mentre ci sedevamo a discutere della pista ea raccontare vecchie storie di Ed Scheidler, Terry Beal, il guru delle pubbliche relazioni della Yamaha, ha detto: “So che probabilmente è troppo tardi per voi ragazzi per farlo, ma è appena uscito ieri. Si scopre che il team Yamaha del GP d'Europa vorrebbe MXA per guidare la moto da Gran Premio di Stefan Everts. Se non puoi farlo, capiranno”.

"Stai scherzando?" Ho detto. “Certo che lo faremo. Quando e dove?"

«Martedì prossimo» disse Terry.

"Va bene", dissi, "ci vediamo qui alle 9:00 come al solito".

"No. Non come al solito. Dovrai fare un piccolo viaggio in aereo per l'Italia", ha detto Beal.

Improvvisamente le cose si sono complicate. Ero già scivolato un po' indietro a causa del mio pesante carico di lavoro. Dovevo partire per il Motocross des Nations tra 10 giorni e non ero sicuro di poter trascorrere quattro giorni in Italia nel bel mezzo della scadenza, non importa quanto grande fosse l'opportunità. 

«Dovremo parlare con Jody» dissi a Beal. Terry ed io abbiamo attraversato i box fino a dove Jody stava lavorando alla vite del carburante di una YZ450F e gli abbiamo raccontato tutti i dettagli.

La sua risposta è stata: “Suona fantastico. Passami quel cacciavite.

La prossima cosa che sapevo, ero su un volo Lufthansa diretto a Milano, in Italia, via Francoforte, in Germania. Parli di un fine settimana strano.

SOTTO IL SOLE MILANESE

Normalmente non sono disturbato dai ritardi dei voli, ma questa volta ho avuto qualcuno che aspettava all'altro capo della linea. Mentre ero seduto al terminal di Francoforte a guardare uno schermo televisivo con 22 voli "ritardati" che scorrevano, mi sono reso conto che se mi fosse mancato l'uomo che la Yamaha stava mandando a prendermi in aeroporto, mi sarei trovato in un paese strano, incapace di parlare la lingua e senza la minima idea di dove dovessi andare.

Ero in ritardo di un'ora per Milano. Ma, fortuna ha voluto, la prima persona che ho visto calpestando il suolo italiano indossava una maglia del Team Yamaha. Mi aveva aspettato e non c'era stato niente di male, a parte un'enorme multa per il parcheggio sul parabrezza della bisarca Yamaha. 

Quello che è seguito è stato un viaggio in macchina di un'ora e mezza fino a un hotel a Salerno (lo sforzo del Gran Premio della Yamaha è basato sull'impianto di gara di Salerno di Michelle Rinaldi.) Il mio programma era fitto, quindi tutto ciò che avevo tempo da fare era lasciare i bagagli, prendere una doccia e salta di nuovo sul trasportatore per il viaggio di 15 miglia fino all'ippodromo. Ero un po' jet lag, quindi non ho nemmeno chiesto al pilota perché stavo andando sulla pista di prova proprio mentre il sole stava tramontando sull'orizzonte milanese.

La risposta era ovvia quando ci siamo fermati. Ero lì per mangiare. Gli italiani hanno imparato l'arte della ristorazione negli ippodromi. In effetti, Yamaha ha un rig completo allestito solo per servire il cibo. Devo dire che è stato il miglior cibo che abbia mai avuto in una pista, e probabilmente uno dei migliori che abbia mai mangiato in Europa. Una volta che il mio stomaco era pieno, sono stato caricato di nuovo nel trasportatore e depositato nel mio hotel. Mi sono addormentato con le visioni della YZ450F di Stefan Everts che ballava nella mia testa.

IL DOPPIO TESTA DI TUTTI I TEST BICI

Quando sono tornato sulla pista di prova la mattina successiva, la Yamaha ha avuto una sorpresa. Si è scoperto che non avrei solo guidato la YZ450F del campionato del mondo di Stefan, ma anche la sua YZ250F. E, ancora meglio, Stefan sarebbe sceso per supervisionare il giro di prova. Parla di pressione.

Non sapevo nulla della pista. Terry Beal era a corto di dettagli a Glen Helen e, dato che ero sull'aereo solo un giorno lavorativo dopo, non ho mai fatto domande. La pista è ad Asti, in Italia. È immerso in una piccola valle e ha una ricca storia di gare di GP. Sfortunatamente, quando i GP hanno deciso di andare alla grande e hanno colpito solo le super speedway, si sono lasciati alle spalle l'Asti. Che peccato. Asti era una grande pista di motocross con sterrato eccellente, molti ostacoli e un buon flusso.

Devo ammettere che il mio primo sguardo all'YZ450F di Everts ha rivelato alcune sorprese. Era sparito il telaio in alluminio e la maggior parte delle parti esotiche introvabili che ha usato l'anno scorso nella classe 500. Invece, stavo guardando un YZ450F pesantemente modificato con più della sua giusta quota di parti che non puoi acquistare dallo scaffale. Ancora più affascinante, Stefan mi ha detto che la sua YZ450F con telaio di serie ha gestito anni luce meglio del modello realizzato a mano in alluminio che ha guidato nella classe Open l'anno prima.

PASSARE TEMPO SULLA YZ450F DEL CAMPIONE

Quando sono salito in sella alla YZ450F di Everts, ho potuto dire che avevamo qualcosa in comune. La sua posizione del manubrio e della leva era esattamente come la mia. La moto è partita al primo calcio (non mi aspettavo niente di meno da una bici con 10 meccanici in bilico attorno ad essa). 

In pista, la caratteristica più notevole della YZ450F di Everts era la terza marcia. Ha tirato per sempre. Potrei usare il terzo per trascinare dietro gli angoli. Potrei usare la terza per lanciarmi sui rettilinei. Potrei usare il terzo su spazzatrici veloci. È vero, ho usato occasionalmente il secondo e il quarto, ma questa bici era tutta per sfruttare al massimo il terzo.

Sulla linea di partenza, ho allungato la mano e ho agganciato il dispositivo holeshot di Everts. Ha abbassato le forcelle per impedire all'YZ450F di uscire dalla linea. Ma quello non era l'unico trucco iniziale di Everts. La sua YZ450F ha anche un forcellone più lungo che rende le ruote ancora meno probabili. Ho usato la seconda marcia per scendere dalla linea e sono passato alla terza in circa 20 piedi. L'ho lasciato in terza fino al primo turno.

Oltre al fatto che i controlli di Everts sono nel posto giusto, sono rimasto totalmente colpito dalla sua configurazione della frizione. Everts usa una piccola collaborazione euro-americana per ottenere una sensazione così dolce. La sua bici sfoggia una frizione Hinson completa (cestello, spingidisco e mozzo interno) per una migliore sensazione generale. Ma ciò che rende la frizione di Everts così semplice è la sua unità di attuazione idraulica Brembo. L'unità Brembo rende il pull sia liscio come la seta che al tatto. 

Sorprendentemente, i freni di Everts sono anche componenti Brembo accoppiati ai rotori Braking più strani che abbia mai visto. Le prestazioni complessive dei freni, sia anteriori che posteriori, sono state impressionanti.

L'unico punto in cui Everts ed io differiamo sono le nostre opinioni sulla sospensione. La sospensione di Everts è morbida, cosa che mi piace, ma era un po' allentata. Gestisce forcelle da lavoro Kayaba da 50 mm e un ammortizzatore Kayaba funzionante. Inoltre, Everts sceglie di eseguire un offset inferiore nei suoi morsetti tripli (22.5 mm anziché 24 mm). La sterzata non è stata migliore di quella di serie, quindi è molto probabile che l'offset ridotto sia stato utilizzato come compensazione per il forcellone più lungo.

GUIDARE LA YZ250F CHE HA SPAVENTATO I VIDDLER

Secondo le regole FIM di quest'anno, un pilota può gareggiare in tutte le classi GP che vuole. Diversi piloti hanno approfittato del formato a una moto e delle moto relativamente brevi per raddoppiare; infatti, Stefan Everts ha triplicato l'ultimo GP dell'anno vincendo la classe 125 sulla sua YZ250F, la classe 250 sulla sua YZ450F e la classe 500 sulla sua vecchia YZ500F con telaio in alluminio. Sebbene Stefan non abbia vinto il Campionato del Mondo 125 per andare insieme alla sua corona 250, ha vinto quasi tutte le 125 GP che ha corso. E ora stavo per guidare la sua fidata YZ250F.

Oltre alle forcelle e agli ammortizzatori Kayaba da 48 mm, non c'è una parte sull'YZ250F di Everts che non puoi acquistare (finché vivi in ​​Europa). Mi sono innamorato della YZ250F di Everts al primo giro. Oh, non fraintendermi; Sono rimasto colpito dalla sua YZ450F, ma ho adorato la sua YZ250F. 

Una YZ250F di serie da showroom ha una fascia di potenza quasi perfetta, tranne per il fatto che raggiunge il limitatore di giri di 13,500 giri/min proprio quando pensi che sia invincibile. Stefan Everts non ha questo problema grazie al suo speciale kit motore YZ250F.

Il kit, venduto da Rinaldi Racing, comprende tre pistoni, un albero motore, scatola nera di accensione, valvole, tappo del radiatore alta pressione, albero a camme, guarnizioni, kit carter umido, coperchio accensione, tubo di sterzo, curve a S e due silenziatori. Il risultato di tutti questi bulloni è la potenza del beaucoup. I numeri di picco sono in aumento, ma ciò che è più impressionante è l'ampiezza della potenza. E che dire di quel limitatore di giri? La bici di Everts continua a tirare. Il kit Rinaldi aggiunge un paio di centinaia di giri in più in cima e quei giri ripagano davvero alla fine di un rettilineo. Soprattutto, mi hanno permesso di rimanere in una marcia attraverso tornanti, curve strette e brevi scivoli. Nei punti in cui avrei dovuto cambiare marcia a causa dell'esaurimento dei giri, avrei potuto strizzare l'YZ250F di Everts vicino a 14,000 giri / min.

Sul fronte delle sospensioni, la YZ250F di Everts era quasi identica alla sua YZ450F. La sospensione era morbida e morbida. La parte "quasi" si riferisce alla sensazione di libertà. Invece di essere leggero in rimbalzo, l'YZ250F ha tracciato il terreno molto meglio.

IL LUNGO VOLO DI CASA

Il mio programma era fitto. Mi ci era voluto un giorno intero per volare in Italia, e mi ci sarebbe voluta la maggior parte di un altro giorno per tornare a casa. Ma mentre ero ad Asti, avevo intenzione di sfruttare al meglio il mio tempo con Stefan e la sua faretra Yamaha a quattro tempi. Immagino di essere stato così innamorato che ho perso la cognizione del tempo. Quando il sole ha iniziato a tramontare, mi sono reso conto di essere l'ultima persona in pista. Ero solo, straniero in una terra straniera e, peggio di tutto, il mio amichevole pilota del Team Yamaha se n'era andato da tempo (probabilmente a casa con la moglie e i bambini).

Mentre mi trovavo in mezzo alla pista di Asti, guardando l'orologio e chiedendomi come avrei fatto ad arrivare all'aeroporto, è arrivato un taxi. Si scopre che il mio autista non mi aveva dimenticato; mi aveva appena impegnato con qualcun altro. Sono saltato sul sedile posteriore e ho urlato: "All'aeroporto, per favore, e salici sopra".

Tutto andò bene. Abbiamo sfrecciato nel traffico italiano e ci siamo fermati al terminal Lufthansa con tutto il tempo per prendere il mio volo. A parte un inconveniente, è stato un viaggio fantastico. Qual è stato il problema? La corsa in taxi attraverso la campagna italiana mi è costata 256 dollari.

Ti potrebbe piacere anche