FERRO MOTOCROSS CLASSICO: 1971 OSSA 250 STILETTO

 

DI TOM WHITE

Metti un po 'di fortuna dalla tua parte. " Questo slogan, insieme alle memorabili insegne a quadrifoglio, era il segno distintivo del marchio spagnolo Ossa. Ossa iniziò nel 1924 a produrre apparecchiature cinematografiche (principalmente proiettori cinematografici) con il nome Orpheo Sincronia Sociedad Anomina (OSSA). Il famoso emblema di quadrifoglio di Ossa non è in realtà un quadrifoglio; è il meccanismo di scappamento di un proiettore cinematografico. Prima della seconda guerra mondiale, il fondatore di Ossa, Manuel Giro, era il campione spagnolo di sidecar, insieme al suo copilota Francisco Bulto (che in seguito avrebbe trovato Bultaco). Dopo la seconda guerra mondiale, con la tecnologia del motore a due tempi migliorata ottenuta dagli alleati dal DKW come riparazione di guerra dalla Germania, Ossa iniziò a produrre motociclette a due tempi. Il suo primo modello prodotto in serie fu introdotto nel 1949.

L'Ossa Stiletto era una moto molto ammirata negli anni '1970, sebbene lo sforzo di motocross di Ossa negli Stati Uniti fosse minimo con le eccezioni dei piloti Barry Higgins nel 1970, John DeSoto nel 1971 e Marty Moates nel 1977. Lo Stiletto del 1971 aveva una nuovissima cambio a cinque marce e, in combinazione con il motore torque, la potenza era perfetta per quasi ogni situazione. La posizione della sella era bassa e la posizione delle pedane e del manubrio era giusta. Il telaio molto maneggevole spagnolo, evidenziato da una spinta all'apice dell'angolo, è stato completato con forcelle Betor ben sintonizzate e unità di sospensione posteriori.

Come era l'abitudine spagnola del tempo, la carrozzeria e i parafanghi erano in fibra di vetro. Sebbene estremamente fragili, erano elegantemente rifiniti con strisce dorate e rosse. Le motociclette spagnole potevano sempre essere identificate dai loro cofani, forcelle, mozzi e cerchi Akront altamente lucidati.  

 La Spagna fu assediata dagli scioperi del lavoro negli anni '1980 e Ossa fu costretta a entrare in una cooperativa di lavoro. Quando fallì, la compagnia entrò in una sfortunata joint venture con Bultaco. Nel 1985 la fabbrica di Ossa fu chiusa, ma 15 anni dopo un gruppo di investimento acquistò il marchio Ossa e iniziò a produrre di nuovo prove Ossa e modelli di enduro. In una partita di sedie musicali, Ossa è stata fusa con Gas Gas nel 2014, ma poi Gas Gas è stata assorbita dal Gruppo Torrot nel 2015 (Ossa non faceva parte dell'accordo e ha chiuso nuovamente). Quando la musica si è fermata, Gas Gas è stato acquistato da KTM alla fine del 2019 e ora Ossa è alla ricerca di una nuova vita.

 

Ti potrebbe piacere anche