DIMENTICATO MOTOCROSS TECH: COME FARLO PIÙ VELOCEMENTE - LIVELLANDO

Vi siete mai chiesti se potreste migliorare la maneggevolezza della vostra bici? Preston Petty ha fatto. Preston riteneva che se fosse in grado di controllare le grandi oscillazioni in movimento che una bici fa in frenata, potrebbe trovare una geometria del telaio e un equilibrio che renderebbero la bici più facile da guidare e più stabile. Sua idea? Forcelle anteriori senza immersione. Qui, è in fase di test sulla bici di Broc Glover.

La storia del Motocross è piena di esempi di idee creative che sono state annunciate come rivoluzionarie, ma, a causa del rapido tasso di cambiamento nello sviluppo, affondò nella palude della tecnologia dimenticata. Sebbene alcuni siano meglio abbandonati, altri sono stati davvero innovativi (se non alla fine hanno avuto successo). MXA ama svelare le curiosità tecnologiche del motocross. Ti ricordi questa idea? Il sistema No-Dive di Preston Petty.

I piloti degli anni '60 ricordano Preston Petty come uno dei piloti più veloci d'America. I corridori degli anni '70 lo conoscono come l'uomo che ha inventato il parafango di plastica. I corridori degli anni '80 lo considerano responsabile del faro enduro stampato ad iniezione, della vasca in tufo, della piastra paramotore di plastica e dell'impugnatura esagonale Petty. E se il mondo fosse stato un posto più avanzato, i ciclisti degli anni '90 avrebbero ricordato Preston per aver inventato il Preston Petty No-Dive.

Mostrato sopra sulle opere di Yamaha di Broc Glover, il Petty No-Dive era un braccio a leva che si attaccava alla forcella anteriore con una forza di trasmissione del puntone articolato alle tre pinze. In caso di frenata brusca, una bici equipaggiata con Petty-No-Dive non si tufferebbe. L'idea era di mantenere la geometria del telaio uguale (angolo di testa, pista e passo) in modo che il ciclista potesse lavorare da una piattaforma stabile.

Roger DeCoster prova Preston Petty No-Dive nella sabbia di Indian Dunes.

Sebbene il Petty No-Dive sia stato usato e testato da Roger DeCoster (visto sopra nelle sue opere Suzuki), Broc Glover, Brad Lackey e Kent Howerton, non ha mai preso piede nel motocross. Era, tuttavia, una caratteristica standard su molte bici da corsa della fine degli anni '80 e '90. Sfortunatamente per Preston, i produttori non hanno acquistato il suo brevetto, ma invece hanno preso il suo concetto e lo hanno reso una caratteristica idraulica delle loro forcelle. Oggi Preston vive una vita tranquilla come programmatore di computer e trascorre il suo tempo libero a sviluppare bici da corsa elettriche.

Il Preston Petty No-Dive era un braccio di reazione che riduceva l'immersione della parte anteriore in caso di frenata brusca. Questa è la bici di Roger DeCoster. Preston ha brevettato l'idea e l'ha prodotta. Il prezzo al dettaglio era di $ 60. Ma i produttori giapponesi hanno capito che avrebbero potuto ottenere la stessa cosa idraulicamente nelle forcelle e hanno usato il concetto di non immersione idraulica sulle loro bici da corsa. Sebbene non abbia mai riscosso molto successo nel motocross, è stato utilizzato dal grande fuoristrada Carl Cranke nell'ISDT.

Steve Whitelock monta una Preston Petty No-Dive sulle opere di Brad Lackey Honda. L'idea era promettente e praticamente ogni squadra ha eseguito un programma di test, ma pochi hanno scelto di eseguirlo. Forse perché la loro geometria del telaio era predisposta per funzionare con l'immersione, mentre la piena attuazione del concetto di Preston avrebbe richiesto un diverso angolo di testa.

 

Ti potrebbe piacere anche