CRONACA DEL TEST RIDER DI MXA: JODY WEISEL

Questo è Saddleback Park nel 1977. La bici è una Montesa, gli stivali sono Heckels, i pantaloni sono Bill Walters, la protezione per il torace è JT, il casco è una campana e gli occhiali sono Skyway Foam Fits. Jody non indossa più questa roba, ma non mette nemmeno la sua bici in un angolo fino a quando non trascina più nemmeno la pedana.

COME SEI DIVENTATO UN PILOTA DI PROVA MXA?

Ero già un collaudatore professionista prima di venire MXA. La mia carriera agonistica coincise con la rapida crescita del motocross alla fine degli anni '60 e fui in grado di ottenere lavori testando biciclette e prodotti per una varietà di aziende. Mi è piaciuto molto - che si trattasse di una BSA 441 Victim o di una Yamaha DT-1 o di una Rokon 340, mi sono buttato nel mio lavoro. Ed è così che ho ottenuto il lavoro MXA. Ero a Saddleback Park a provare qualche bici indimenticabile per qualcun altro quando Dick Miller, allora direttore di MXA, si avvicinò a me ai box e mi chiese se ero interessato a lavorare per l'allora tre anni MXA. Mi ha chiesto di venire fino a MXAGli uffici sontuosi di lunedì incontreranno il suo capo, Mike Kerley. Era il dicembre del 1976 e ci sono stato da allora. L'unica cosa che so di essere un pilota di prova è che chi conosci è come ottieni il lavoro e quello che sai è come lo mantieni. Tuttavia, non avevo mai incontrato Dick Miller fino a quel giorno.

Questa è Indian Dunes Raceway su una RM125. I vestiti, il casco e gli stivali possono essere diversi, ma nota che lo stile di Jody è realizzato in ferro (confrontato con la foto sopra).

QUAL È LA TUA MEMORIA MXA PIÙ MEMORABILE?

Adoro le bici brutte. Li vedo come una sfida. Ricordo di aver gareggiato con la famigerata Can-Am Black Widow e di aver pensato che nessuna bici potesse essere affatto male e poi, senza motivo, mi gettò sul recinto di neve sulla strada di Saddleback's Webco Hill. Potrei, per virtuale di longevità, essere l'unico uomo ad aver guidato ogni moto da cross negli ultimi 40 anni, ma non è la guida che conta. È la scrittura. Ho avuto la libertà di dire la verità grazie al mio capo Roland Hinz. Quando i miei test in bici gli costarono la pubblicità di Suzuki, tre volte, non mi disse di smettere. Quando gli costò la pubblicità di Kawasaki, Yamaha, Husqvarna, Honda, Cannondale, Carabela, Can-Am e Cagiva, non mi disse ancora di essere gentile. L'unica cosa che mi ha mai detto di non fare più era dire che Greg Albertyn "cavalcava come se fosse arrivato il rigor mortis".

Jody ha iniziato a correre nel 1968 e corre ancora ogni fine settimana, quasi sempre su una bici di prova diversa.

CHI STA TESTANDO LE MOTO A MXA CON TE?

Sono stato con tutti, da Pete Maly ai giorni nostri, ma forse devo i maggiori ringraziamenti a Lance Moorewood, Gary Jones, Willy Musgrave e Larry Brooks. A livello aziendale, vorrei ringraziare Ketchup Cox, David Gerig, Ed Arnet, Zapata Espinosa, Jim McIlvain, Mike Basher, John Minert, Tim Olson e John Basher per avermi tollerato. E va da sé che l'attuale squadra di demolitori, tutti 35 anni più giovani di me, di Dennis Stapleton, Josh Mosiman e Daryl Ecklund, è il migliore di sempre.

PERCHÉ HAI FERMATO DI ESSERE UN TEST RIDER?

Vorrei apparire sulla copertina di MXA prima di fermarmi. Ero sulla copertina di "Cycle News" come pilota nel 1974, ma mai sulla copertina di MXA. Credo che leggerai della mia partenza MXA in un articolo dal titolo, "Freak Wheat Thresher Accident Kills Sleeping Man".

Jody sulla copertina di Cycle News. Questo è stato 45 anni fa. O 7 negli anni canini.
Ti potrebbe piacere anche